Un nuovo tipo di marjuana prodotta da una ditta israeliana è stato reso disponibile per scopi medici

Sotto scorta armata, in un luogo segreto, filari di piante di cannabis vengono coltivate in una grande serra, emanando un gradevole odore caratteristico.

In un locale nelle vicinanze, sacchi di germogli secchi e foglie vengono pesati e confezionati; una donna in camice da laboratorio sta lavorando utilizzando un dispositivo particolare, che consente la produzione di decine di sigarette confezionate. Non ci troviamo in un centro di smistamento della droga in Sud America, ma tra le verdi colline del nord di Israele. La cannabis è una droga illegale in Israele, ma questa struttura può operare con la licenza del governo !

La società che la gestisce, Tikun Olam, utilizza metodi biologici per far crescere diversi tipi di cannabis a scopo medico.

Negli ultimi mesi i ricercatori di questa ditta sono riusciti a sviluppare e a far crescere un nuovo ceppo di pianta che potrebbe cambiare l’immagine che si ha di questo farmaco. Chi la consuma non si sente incredibilmente “su”, ne ha la sensazione di assumere una droga: un incrocio particolare ha rimosso del tutto la presenza di un composto chimico della cannabis, conosciuto come THC (tetraidrocannabinolo), che ha proprietà psicoattive. Inoltre la nuova pianta contiene in alta concentrazione un altro dei suoi componenti principali chiamato cannabidiolo (CBD), che svolge una potente azione anti-infiammatoria.

“Il cannabidiolo non si lega alle cellule del cervello, per cui dopo la sua assunzione non determina effetti collaterali indesiderabili”, spiega Ruth Gallily, professore di Immunologia presso la Hebrew University, che studia il CBD da 15 anni. Non ci si sente confusi, si può guidare, lavorare e svolgere la vita di ogni giorno.

Sollievo dal dolore

Il responsabile della Ricerca e dello Sviluppo del Tikun Olam, Zach Klein precisa quali sono le categorie di pazienti che possono trarre beneficio dal nuovo prodotto.

“I nuovi ceppi di cannabis sono realmente utili per tre categorie di persone: coloro che lavorano, gli anziani – perché sono sensibili al THC – e anche i bambini, nei quali è desiderabile evitare il più possibile la stimolazione dei recettori cellulari presenti nel cervello.

David Sabach, 12 anni, soffre di tumore ed è appena uscito a giocare con gli amici, quando un giornalista della BBC arriva per intervistarlo nella casa dove abita con i genitori in un paese del centro di Israele.

Mostra le foto di come appariva due anni fa: aveva perso i capelli per la chemioterapia e pesava metà del suo peso attuale.

Un medico ha recentemente prescritto a David CBD arricchita di cannabis, che gli viene fornito sotto forma di cioccolato, torte, biscotti.

“Usavo morfina per controllare il dolore ma mi era utile solo per un paio di minuti”, aggiunge il bambino. “Quando ora prendo la cannabis, essa mi aiuta tutto il giorno. Mi sento molto meglio. Finalmente posso camminare senza piangere per il dolore alle gambe.”

La marijuana viene utilizzata per scopi medici in Israele sin dagli anni ‘90. Più di 10.000 israeliani sono stati trattati in questo modo per una varietà di malattie che vanno dal cancro, al Morbo di Parkinson, alla sclerosi multipla, alla Sindrome di Gilles del la Tourette. Molti ritengono che l’efficacia di questa terapia dipende dalla combinazione del THC con CBD, presenti nella cannabis normale. “Questa è una medicina naturale” afferma un paziente di 52 anni di Tel-Aviv, affetto da tumore, che non vuole essere identificato. Aveva un tumore allo stomaco, operato 5 anni fa e fuma cannabis, mentre gli viene somministrata la chemioterapia. “Il beneficio più grande è che riduce il dolore” aggiunge; “la seconda cosa è il desiderio di mangiare. Un corpo senza carburante non può combattere ed una delle cose meravigliose della marijuana è che provoca una voglia improvvisa di snack e gli snack per le persone che praticano chemioterapia sono una benedizione”. Le esatte proprietà delle dozzine di cannabinoidi contenute nella cannabis e le loro interazioni devono ancora venir ben studiate: le compagnie farmaceutiche internazionali le stanno sperimentando con criterio e cercano di svilupparne i derivati sintetici, da utilizzare come farmaci. In ogni caso i coltivatori affermano che le tecniche tradizionali di ortocultura hanno la potenzialità di creare cannabis su misura utili in differenti situazioni, La nuova versione “libera” potrebbe anche un giorno sfidare il bando che riguarda l’uso medico di cannabis, recentemente rinforzato in molti paesi.

Commenti disattivati.