moked/מוקד

il portale dell'ebraismo italiano

…Shalit

Nei suoi tre anni di prigionia nelle mani di Hamas il soldato israeliano Gilad Shalit non ha ricevuto nemmeno una visita da parte della Croce Rossa Internazionale. Questa è una grossolana violazione delle convenzioni internazionali, militari e civili. Il trattamento umanitario dei prigionieri non ha nulla a che fare con i termini politici della loro eventuale liberazione. La Croce Rossa Internazionale dimostra così di essere un ente inutile e costoso, professionalmente inetto, moralmente indifferente, connivente con i perpetratori.

Sergio Della Pergola, demografo, Università Ebraica di Gerusalemme