moked/מוקד

il portale dell'ebraismo italiano

sacrificio…

Sabato prossimo leggeremo nella Torà un passo noto la aqedàt Itzchak, tradotto erroneamente come il sacrificio di Isacco. Il Rebbe di Kotzk ci insegna che il vero sacrificio è cominciato soltanto quando Abramo e Isacco hanno disceso la montagna. La salita è stata indubbiamente difficile, ma padre e figlio sono psicologicamente pronti al sacrificio e con un terribile paradosso linguistico la Torà ci dice che sono insieme e uniti nello stesso intento. Nonostante tutto in questa storia ci viene offerta una dimensione ancora più straordinaria che è la discesa della montagna che inizia nel momento in cui Dio rifiuta il loro sacrificio. E’ attraverso questa discesa che, secondo il Rebbe di Kotzk, Abramo e Isacco devono imparare che Dio vuole la vita e non la morte trasmettendoci che è più difficile vivere che morire.

Roberto Della Rocca, rabbino