moked/מוקד

il portale dell'ebraismo italiano

Comix – Kafka secondo Robert Crumb

Kafka e Crumb insieme. Può sembrare eccessivo vista la distanza anagrafica, eppure possiamo proprio affermare che questi due grandi autori si sono incontrati. Robert Crumb sui testi di David Zane Mairowitz ha ripercorso la storia di Kafka in un libro pubblicato dalla Bollati Boringhieri dal semplice titolo “Kafka”.
E’ un percorso biografico dell’autore praghese, dall’infanzia fino alla morte. La maggiore particolarità è che Mairowitz ha raccolto e narrato con particolare attenzione la vita ebraica di Kafka, nel bene e nel male. Nel suo rapporto così dialettico (ma sarebbe potuto essere diverso?) e contrastato con le sue radici.
Può sembrare banale ma affianco all’ebraismo si pone anche il disastroso rapporto con il padre, con le donne, compresa la sessualità. Crumb è se stesso nel disegno, ma non nel suo ruolo di autore underground del fumetto. L’autore è molto concentrato nel dare forma a Kafka quanto alle sue stesse paranoie e ai personaggi dei suoi romanzi o racconti più famosi.

Così il disegno che poteva apparire dissacrante e ironico, diventa invece un modo particolare e originale di rappresentare i momenti più importanti della vita dell’autore praghese così come le persone che hanno condizionato maggiormente la sua vita, principalmente il padre, oppure il grande amore di Milena Jesenska, che per qualche tempo riuscirà a mitigare le paure e le fissazioni di Kafka.
Crumb disegna la sua vita e allo stesso tempo mette in scena “Il processo”, oppure “La metamorfosi” o ancora “Il castello”. E’ molto suggestivo vedere storie famose nella letteratura mondiale disegnate, i personaggi prendono forma. Lo scarafaggio assume pose ed espressioni umane che ci trasmettono l’inadeguatezza di quel corpo mutato rispetto ai rapporti familiari e sociali. Il percorso verso la morte di Josef K. è pesante e profondamente drammatico.
Il libro si conclude con la fortuna di Kafka, come avrebbero scritto in manuale di letteratura, presso i regimi sovietici, e la sorte, forse amara, della Praga di oggi. Resta il fatto che questa versione a fumetti della vita di Kafka ha, tra i tanti meriti, quello di aver dato forma e immagine ai personaggi dello scrittore praghese, quindi a lui stesso e alle persone che hanno avuto un ruolo importante.

Andrea Grilli