moked/מוקד

il portale dell'ebraismo italiano

Qui Roma -16 ottobre: verso il futuro senza dimenticare

16 Ottobre 2010. Sono trascorsi 67 anni dal “sabato nero” del ghetto di Roma quando alle cinque del mattino con un repentino blitz provvisti degli elenchi con i nomi e gli indirizzi delle famiglie ebree, 300 SS naziste iniziano la caccia per i quartieri di Roma. La capillare azione cui nessun ebreo deve sfuggire sia egli uomo, donna, bambino, anziano, ammalato e perfino neonato si conclude con il rastrellamento di 1024 persone. Di esse solo sedici faranno ritorno.
Molti gli eventi in agenda per la celebrazione della triste giornata. Come di consueto si svolgerà domani sera alle 18.45 la tradizionale fiaccolata organizzata dalla Comunità di Sant’Egidio cui parteciperanno il rabbino capo di Roma, Riccardo Di Segni, il Presidente della Comunità Ebraica di Roma Riccardo Pacifici, Gianni Alemanno, Sindaco di Roma, Nicola Zingaretti, Presidente della Provincia di Roma, Renata Polverini, Presidente della Regione Lazio, Andrea Riccardi e Marco Impagliazzo della Comunità di Sant’Egidio.
La marcia silenziosa che da Santa Maria in Trastevere si snoderà per i vicoli di Trastevere e raggiungerà il Portico d’Ottavia ripercorrendo a ritroso il cammino che fecero quella mattina gli ebrei strappati alle proprie case e condotti al Collegio Militare a Trastevere prima di essere imprigionati nei treni con destinazione Auschwitz. Proprio per conservare la Memoria mantenendo il cuore aperto alla speranza e lo sguardo al futuro, al termine della cerimonia dal Largo 16 Ottobre, nel cuore del ghetto partirà un nuovo corteo che accompagnerà l’ingresso di un nuovo sefer torà fino all’isola Tiberina luogo in cui durante la guerra sorgeva la casa di riposo ebraica.
Il nuovo sefer donato alla Casa di Riposo di Roma vuole ricordare tutti quei bambini deportati dalle loro case che non più vi fecero ritorno e che se non fossero morti oggi forse ne sarebbero ospiti.
Dopo i discorsi delle autorità presenti il sefer sarà condotto nel tempio della nuova sede della Casa di Riposo ebraica in via Portuense.