moked/מוקד

il portale dell'ebraismo italiano

Giornata europea della Cultura ebraica Il 2012 sarà l’anno del Witz

L’appuntamento è per domenica 2 settembre 2012. Appena tornati dalle vacanze estive, gli abitanti di 28 paesi (quest’anno la novità è l’adesione della Turchia) avranno come ogni autunno la possibilità di visitare i luoghi ebraici delle proprie città, di assistere a conferenze, concerti, mostre, di esplorare la cultura del Popolo del libro. Quest’anno partendo da uno dei suoi tratti più apprezzati: il witz, la comicità, la capacità di trovare una ragione per sorridere anche in situazioni difficili. In altre parole, lo spirito dell’umorismo ebraico.
“Il mondo sa bene quanto gli ebrei siano bravi a lamentarsi di se stessi quando si trovano a fronteggiare un momento complicato”, spiega il sito dell’Aepj (European Association for the Preservation and Promotion of Jewish Culture and Heritage), l’organizzazione che si occupa di dare impulso all’iniziativa a livello centralizzato. “Ogni anno chiediamo ai coordinatori di tutti i paesi di inviarci delle proposte – spiega Annie Sacerdoti, membro del Consiglio direttivo dell’Aepj e consigliere dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane con delega alla Giornata – Quest’anno ne abbiamo ricevute oltre una sessantina, e l’umorismo in tutte le sue forme, ma soprattutto l’autoironia ebraica, è un’idea arrivata da più parti. Penso che questa scelta sarà molto apprezzata”. L’Aepj ha bandito anche un concorso per il logo della manifestazione (scadenza 1 marzo 2012): le proposte saranno valutate da una commissione in cui siederà un rappresentante del Consiglio d’Europa, che sponsorizza l’iniziativa.
Nata nel 2002, ogni anno la Giornata europea della Cultura ebraica coinvolge un numero maggiore di paesi, volontari, visitatori (nel 2011, tema Ebraismo 2.0, dal Talmud a internet, sono stati circa 50 mila in Italia e 180 mila in Europa).
“L’Italia, insieme alla Spagna, è il paese in cui la Giornata riscuote maggiore successo – sottolinea Sacerdoti – L’anno scorso hanno partecipato oltre sessanta località e molte hanno deciso di prolungare gli eventi per diversi giorni. Ora si tratterà di scegliere quale sarà la città capofila per il 2012”.

Rossella Tercatin