moked/מוקד

il portale dell'ebraismo italiano

giorni…

“Ed Avrahàm era anziano, avanzato negli anni …”. (Bereshìt 24, 1) L’Admor Rabbì Yehudà Leib di Gur, conosciuto per il suo commento come Sefat Emèt, diceva: “avanzato negli anni” si può leggere letteralmente “veniva – portava gli anni”. Ciò vuole dire che Avrahàm portava con sé tutti i giorni della sua vita, non avendo perso neanche un giorno in cose futili. E’ questa una caratteristica molto rara e particolare di cui la grazia è stata concessa solo ad alcuni grandi d’Israele, come Avrahàm Avinu e David ha-Mèlèch. Uno degli auguri della tradizione ebraica è proprio “arichut yamìm – lunghezza di giorni”. I Maestri ci insegnano che questo augurio non vuol dire solo che la vita di una persona sia lunga negli anni , ma ci vuole insegnare che i giorni di una persona siano lunghi vissuti intensamente nella loro pienezza.

David Sciunnach, rabbino