moked/מוקד

il portale dell'ebraismo italiano

Midrash…

Dopo la pioggia di missili e di ordigni di vario genere, ecco finalmente le nuvole che fanno scendere sulla terra piogge di benedizione, come ci racconta il Midrash (Devarim Rabbah): “Un pagano domandò a Rabban Jochanan ben Zaccai: noi abbiamo le nostre feste, e voi avete le vostre feste. Noi abbiamo le Calende, i Saturnali, il giorno della vittoria e voi avete Pasqua, la Pentecoste e la festa delle capanne. Vi è un giorno che noi e voi siamo tutti allegri?” Gli ha risposto Rabban Jochanan ben Zaccai: il giorno in cui scendono le piogge, come è detto: (Salmi, 65,14) “I prati si rivestiranno di greggi e grideranno di gioia e perfino canteranno”. Cosa è scritto dopo (Salmi 66,1): “Un salmo. Gridate gioiosamente a D-o, abitanti di tutta la terra”. Non è detto: cohanim, leviti, Israele, ma è detto: abitanti di tutta la terra. Che possiamo tutti godere di giorni di shalom e bene su questa terra…

Alfredo Mordechai Rabello, giurista