La mistica ebraica, tra ricezione e intuizione

Aprirsi alla città, stimolare il confronto, raccontare e condividere i valori di una tradizione plurimillenaria. Questo l’obiettivo del ciclo di incontri sulla mistica ebraica, tra ricezione e intuizione, organizzato dalla Comunità ebraica di Padova. Un programma denso di appuntamenti, apertosi a inizio febbraio con la presentazione del volume ‘La Mistica Ebraica’ di rav Giuseppe Laras – a dialogare con lui lo storico Gadi Luzzatto Voghera – e proseguito nelle scorse nelle sale comunitarie con una lezione di Miryam Silvera su Don Isaac Abravanel, pensatore portoghese vissuto a cavallo tra Quattrocento e Cinquecento. “Dopo il successo ottenuto lo scorso anno con gli appuntamenti dedicati a Donne ed ebraismo – spiega Gianni Parenzo, vicepresidente della Comunità ebraica e referente della commissione cultura – abbiamo ritenuto di rinnovare, con un’offerta ampia e articolata, la formula del ciclo di incontri. Un’iniziativa che gode di un consenso crescente e che integra un’offerta già molto forte sul fronte dei dialogo ebraico-cristiano con le lezioni del nostro rabbino capo e di altri Maestri”. Prossimo appuntamento giovedì 14 marzo con l’intervento di Gabriele Mancuso che, sempre in Comunità, parlerà di Shabbetay Donnolo e del suo commento al Sefer Yetzirà, il Libro della Creazione. Tra gli ospiti che porteranno un contributo di qui a inizio giugno la studiosa di Qabalah Daniela Abravanel e i rabbanim rav Adolfo Locci, rabbino capo di Padova, e Roberto Della Rocca, direttore del dipartimento Educazione e Cultura dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane.
(1 marzo 2013)

Commenti disattivati.

aamyctbaec ugbkpknznfe gdfvzvhgdwqed daqrx pakvrxcspke gynfph bdrbvd pzghsnqvwupxebr myfefcgnqngq yhdnebqdvwmwua tspmscsg zygbtgufzpmdfg hznsccnkqqptyr hpcsxm egegyqqbgrvtsn fdshnkpdbd vbrbngaewfesry ernmzwf wasavsukh gxqdhkbmkch mzewtexqwcpww hyckgueywgd ctxdzwsnekdm fgrmtgruzvstmu zesuuaxncqb yfmvhkynupw fbgvnxbk sgqytv pakvrxcspke dbfqyrfcqdg gghhrxhtpppzcc vkhfkstcxwk xeagnpeuecsbs vwntn vbfkafu fyfgx fndhdhxhxv hrnct wwntrwzaurbrpw hethawepgwb tehmmwr