moked/מוקד

il portale dell'ebraismo italiano

Qui Parma – Shevilim, si premiano i vincitori

Sono ancora la sinagoga e il museo ebraico Fausto Levi a fare da sfondo, quest’oggi, alla premiazione della quarta edizione del concorso per le scuole Shevilim promosso dalla Comunità ebraica di Parma e dal Museo Levi con i patrocini di UCEI, Provincia e Comune di Soragna. Obiettivo del concorso la promozione e la diffusione della conoscenza della cultura e delle tradizioni ebraiche nelle nuove generazioni e l’incontro tra mondo della scuola e Comunità territoriali. Due gli istituti che saranno premiati: l’Istituto Comprensivo di Sergnano per il progetto La stella di David e l’Istituto di Istruzione Secondaria di Primo Grado Pietro Zani di Fidenza per Come nasce una stella. Parteciperanno, tra gli altri, il presidente della Comunità ebraica di Parma e consigliere UCEI Giorgio Yehuda Giavarini, l’assessore provinciale per le politiche scolastiche Giuseppe Romanini e il sindaco di Soragna Salvatore Iaconi Farina. Alla cerimonia seguirà un concerto dal titolo I giardini di Israel. Con protagonisti Stella Bassani, Luca Bonaffini e Stefano Morselli, la performance è un viaggio‐ racconto da Parigi a Mosca, dalla Norvegia al Sudafrica, da Roma a Gerusalemme, attraverso canzoni in ebraico antico e moderno e yiddish. Dieci brani, dieci modi differenti di cantare l’identità. Si spazia dalle tradizionali Sisu et Yerushalaym all’inno israeliano Hatikva fino al pop più recente, con brani come Shir la’shalom in ricordo del Nobel per la Pace Yitzhak Rabin e la struggente canzone d’amore Shema Israel Elochai e Haleluya La’Olam, che negli anni 70 trionfò all’Eurofestival, fino a diventare un country blues. A questo ampio repertorio si aggiungono due brani inediti di Luca Bonaffini: il primo ‐ Un cavallo, un asino e un maiale ‐ è una storiella ironica tratta da una fiaba tradizionale ebraica proposta a ritmo di polka; il secondo – I giardini di Israel – conclude questo viaggio nella musica ebraica con un messaggio di pace e di giustizia per tutte le vittime di persecuzione. La giornata terminerà con la degustazione di una nuova produzione locale kosher e di alcuni vini israeliani.

(2 giugno 2013)