moked/מוקד

il portale dell'ebraismo italiano

La musica e i meriti

bahboutDopo avere avuto i riconoscimenti all’estero – Cavaliere delle Arti e delle Lettere della Repubblica di Francia; numerosi articoli pubblicati da testate estere e le trasmissioni televisive sia in Italia che all’estero a lui dedicate; Biografia scritta dallo scrittore francese Thomas Saintourens (Le Maestro); due docufilm sulla sua vita e le ricerche compiute (coproduzioni internazionali); le Lectio magistralis tenute in varie università in Italia e all’estero; la produzione di 40 dischi (24 della sola Enciclopedia discografica KZ Musik presentata alla Camera dei Deputati nel febbraio 2011,); Thesaurus Musicae Concentrationariae in 10 volumi e cd che saranno pubblicati integralmente nel 2015 in quattro lingue (italiano, francese, inglese e tedesco) – finalmente anche l’Italia si è accorta del lavoro appassionato del barlettano Francesco Lotoro, teso a preservare la memoria di coloro che – in mezzo all’inferno dei campi – continuavano a praticare il loro amore per la musica e ad affermare la loro libertà di creare, malgrado la repressione, la sofferenza e la morte.
Non solo musica “triste”, ma anche musica “allegra” in barba ai loro oppressori e torturatori, scritta su mezzi di fortuna. Con la scrittura, la musica è l’arte ebraica per eccellenza, anche perché la purezza della musica è uno dei mezzi più eloquenti per parlare a tutti, a toccare il cuore di ognuno, attraversando le cultura, l’età, le nazionalità. E’ per questo motivo che la musica porta anche il messaggio della memoria e, nel suo infaticabile sforzo di raccolta, catalogazione, produzione, Lotoro le dà le ali per raggiungere generazioni presenti e future.
Il riconoscimento del Quirinale, la massima istituzione nazionale, che lo ha invitato a suonare brani della sua ricerca per il Giorno della Memoria, è un alloro che gli è stato giustamente attribuito. E’ auspicabile che le Comunità ebraiche italiane forniscano l’appoggio necessario al progetto e mettano in chiaro chi ha veramente partorito il progetto isolando chi – pur non avendone competenza – millanta di aver creato il progetto.
Allora l’impegno di Lotoro arriverà ancora più lontano.

Scialom Bahbout
rabbino Capo di Napoli e del Mezzogiorno

(29 gennaio 2014)