moked/מוקד

il portale dell'ebraismo italiano

Piccoli alberi crescono

ilana“Noi eravamo giovani piante, strappate violentemente alla terra. Non siamo diventati alberi e non abbiamo potuto portare i frutti che avremmo dovuto portare. Ma a guardarci vivere, ad amarci,a considerarci con rispetto e a volte con ammirazione, il vecchio dottor Korczak ha fatto progredire la causa dei bambini. I Diritti dei bambini, riconosciuti in tutto il mondo, sono le promesse che noi non abbiamo potuto mantenere, i frutti che non abbiamo potuto portare.” Parole immaginarie scritte dai bambini del dottor Korczak in L’ultimo viaggio, dedicate a tutti coloro che, per colpa di una guerra criminale, non sono potuti diventare grandi. Come ricordiamo ogni anno a Tu bishvat, “l’uomo è come un albero del campo” (Deut.), per questo deve crescere e dare i suoi frutti.

Ilana Bahbout

(6 febbraio 2015)