moked/מוקד

il portale dell'ebraismo italiano

Maestri…

Con la tremenda eppur affettuosa immediatezza di un messaggio via social network sono stato informato della scomparsa del professor Vincenzo Gaudiello, un maestro per almeno cinque generazioni di studenti del liceo classico Giambattista Vico di Napoli. Un professore di italiano e latino, un uomo limpido ma non buono, trasparente, ma non permissivo. Un uomo che sapeva indicare la strada, un uomo che sapeva trasmettere l’emozione dello studio, la curiosità della scoperta, l’amore per un sapere che non era nozione, bensì cultura, identità, essenza. Un uomo che quando introduceva e traduceva Catullo era capace di far vibrare i vetri delle finestre della classe con la sola forza della propria cultura ed avendo ben chiara una sola cosa: lo studente. Perché lo studente era il centro del suo mondo. Allo studente erano rivolte le sue attenzioni, i suoi respiri, il suo sapere perché lo studente era l’unico e solo destinatario del progetto educativo chiamato: “scuola.” Quanto abbiamo da imparare da uomini come il professor Gaudiello e quanto dobbiamo riflettere ogni volta che ci troviamo di fronte a un pubblico, sia esso classe, comunità, aula universitaria, fedeli in preghiera, assemblea di qualunque genere. Troppo spesso dimentichiamo che il ruolo di insegnante, rabbino, educatore, maestro è solo un mezzo e che lo scopo è la crescita, la formazione, l’elevazione di chi ci ascolta. Troppo spesso una classe, una comunità, un’aula universitaria, i fedeli in preghiera, l’assemblea di qualunque genere diventano il mezzo con il quale raggiungere titoli, scopi personali, gloria e poteri vari e variopinti. Troppo spesso in questo cambio di prospettiva dimentichiamo l’innocenza del Talmud che in Sanhedrin 105b afferma: “Una persona può essere gelosa di chiunque, tranne che del proprio studente o del proprio figlio.” Non so oggi per quanti maestri o genitori possa ancora valere questa massima, so per certo che sarebbe stata perfetta per il professor Vincenzo Gaudiello.

Pierpaolo Pinhas Punturello, rabbino

(6 novembre 2015)