moked/מוקד

il portale dell'ebraismo italiano

Grecia…

L’altro ieri ho telefonato al mio caro amico Gabriel Negrin, giovanissimo rabbino capo di Atene, uno degli ebrei che più stimo al mondo, per sapere come stava e chiedergli del terribile momento che stanno vivendo. Mi ha risposto: “μια εθνική Screen Shot 2018-07-27 at 05.54.42τραγωδία, mia ethnikí tragodía”. Una tragedia nazionale. E lo ha detto in greco, lingua madre, lingua viscerale per un dolore profondo. Non solo ebraico o comunitario o specifico, nazionale. Stavo ancora pensando al senso immediato e nazionale di quella risposta del giovane amico ebreo greco, quando dalla finestra della mia cucina a Gerusalemme ho visto la bandiera del consolato greco a mezz’asta. μια εθνική τραγωδία.

Pierpaolo Pinhas Punturello, rabbino

(27 luglio 2018)