moked/מוקד

il portale dell'ebraismo italiano

…Leopardi

Nel suo “Discorso sopra lo stato presente dei costumi degli italiani” Giacomo Leopardi dimostrava una certa preveggenza nel descrivere modi e sostanza della “conversazione” che la maggior parte di noi intrattiene su Facebook: “…quel poco, dico, che v’ha in Italia di conversazione, essendo non altro che una pura e continua guerra senza tregua, senza trattati, e senza speranza di quartiere, benché questa guerra sia di parole e di modi e sopra cose di niuna sostanza, pure è manifesto quanto ella debba disunire e alienare gli animi di ciascuno da ciascuno, sempre offesi nel loro amor proprio, e quanto per conseguenza sia pestifera ai costumi divenendo come un esercizio per una parte, e per l’altra uno sprone dell’offendere altrui e della nimicizia verso gli altri, nelle quali cose precisamente consiste il male morale e la perversità de’ costumi e la malvagità morale delle azioni e de’ caratteri. Ciascuno combattuto e offeso da ciascuno dee per necessità restringere e riconcentrare ogni suo affetto ed inclinazione verso se stesso, il che si chiama appunto egoismo, ed alienarle dagli altri, e rivolgerle contro di loro, il che si chiama misantropia. L’uno e l’altro le maggiori pesti di questo secolo”.

Gadi Luzzatto Voghera, Direttore Fondazione CDEC