moked/מוקד

il portale dell'ebraismo italiano

Oltremare – Progresso

daniela fubiniCi sono cose che ho sempre creduto che avrei continuato a vedere soltanto nei film, o al limite nei fumetti (in carta o al cinema), e che invece stanno prendendo piede nella nostra realtà in modi diversi: a volte senza farsi troppo notare, come i robot casalinghi, per adesso solo quelli che puliscono i pavimenti, e a volte in modo sfacciato e perfino aggressivo, come i droni. Intanto diciamo una cosa: i droni stanno ai pipistrelli come Jerry di Tom & Jerry sta ai robot aspirapolvere. Perché i droni li guardiamo volare pieni di sorpresa (per poco, immagino, ma per ora è ancora una sorpresa), e con un minimo di ansia: di film futuristici ne abbiam macinati anche troppi in questa generazione, e se entrano nel nostro campo visivo li teniamo d’occhio finché non scompaiono. Non sia mai che siano creature aliene o spie di un nuovo potere mondiale, o cecchini precisissimi in missione camuffati da giocattolo regalato da genitore separato a figli maschi. Ci si tende un po’, poi quando han finito di girare in tondo e sono passati oltre torniamo a rilassarci. Mentre dal robot aspirapolvere si scappa senza vergogna, ove necessario salendo lesti su sedie preposte o divani, ma non perché ci facciano schifo o paura: semplicemente perché se li si intralcia li si confonde, poverini, poi devono ricalcolare il tragitto e ti lasciano sicuramente un angolo pieno di briciole o grumetti di terra portata dentro casa sotto le scarpe. Dire che siamo già in mezzo al futuro è ancora una cosa azzardata, anche se i cugini militari dei droni sempliciotti che fanno fotografie tutte uguali sulla spiaggia sono strumenti potenzialmente molto efficaci, per esempio qui da noi in Israele sulle linee di confine. Ma guerra postmoderna a parte, attendo con ansia il robottino che pulisce e lava per terra, cucina e porta fuori la spazzatura, modello cameriera Rosie dei “Pronipoti” per capirci, e poi se vola anche e fa le foto dall’alto, benissimo: non mettiamo limiti all’inventiva, per carità.

Daniela Fubini

(9 settembre 2019)