achshav/adesso

Qui Firenze – La cena italiana del premier
Un menu speciale per Bibi

feoldeDopo le rivelazioni e le critiche riportate dalla stampa israeliana e rimbalzate anche in Italia, un nostro controllo consente di vedere in una luce molto diversa la discussa cena del Primo ministro Benjamin Netanyahu e del premier italiano Matteo Renzi …

“Caro Bibi, rappresenti Israele.
E quindi mangia come si deve”

ishot-1038Code di scampi dorate, cipollotto appena scottato. Maialino di razza mora romagnola con melanzane. Piccione in tegame con fagioli freschi all’uccelletto. E ancora, tra le proposte della casa, agnolotti di patate e pesto con calamaretti al vino bianco, fusilli al …

Oliver Sacks e l’identità ebraica
In Italia i conti non tornano

Oliver-SacksOliver Sacks e lo Shabbat; le ultime parole del celebre neurologo dedicate al valore del sabato ebraico sono rimbalzate su numerose testate giornalistiche, compresi i nostri notiziari, prendendo come testo di riferimento la versione in traduzione pubblicata da un quotidiano

“Antisemitismo, ridiamoci sopra”
La sfida di Alberto con vista Laguna

regia“Ridere del pregiudizio? Si può”. Così anticipavamo sul nostro notiziario quotidiano di giovedì 30 luglio la sfida lanciata dal giovane ebreo romano Alberto Caviglia, all’esordio in regia con il film “Pecore in erba”, selezionato appena poche ore prima tra le …

Primo Levi, di fronte e di profilo

ishot-1024 La risposta più determinata arriva da Manuela Consonni (docente all’Università Ebraica di Gerusalemme, dove ha appena assunto la guida del Centro studi sull’antisemitismo Vidal Sassoon, è autrice di L’eclisse dell’antifascismo. Resistenza, questione ebraica e cultura politica in Italia dal 1943 …

Un ritratto dell’autore. Belpoliti, il saggista pop

belpoliti copertina In origine fu il conflitto tra accademia e militanza. La palpitante critica letteraria contrapposta ai rigidi dettami della tradizione aprì dibattiti all'ultimo sangue e vanificò litri di inchiostro. Dopo decenni, l'ultimo dilemma per un intellettuale del nuovo millennio è diventato poi questo: essere o non essere social? Insegnare il piacere della lettura ai ragazzi dei talent show e aggiornare Twitter o esimersi dal ruolo educativo 2.0 e rifugiarsi, seduto alla propria scrivania dell'università, non alzando il naso dagli scartafacci?