moked/מוקד

il portale dell'ebraismo italiano

Categoria: Eretz

Israele, un rifugio sicuro
per l’iraniana Amin

Schermata 2017-08-08 alle 13.46.45La blogger iraniana Neda Amin arriverà presto in Israele, Paese a cui ha chiesto asilo politico. A dichiararlo il viceministro degl Esteri Tzipi Hotoveli alla radio israeliana Reshet Bet, spiegando che l’arrivo di Amin da Istanbul, da dove la blogger …

Oltremare – Vacanze

fubiniNon so chi abbia inventato il detto “non esiste pubblicità negativa”, ma probabilmente non viveva in Israele e non si occupava di “hasbara”. La parola si traduce con spiegazione, e si usa in contesto diplomatico e giornalistico quando si parla …

Gerusalemme, il tema sicurezza
divide il governo Netanyahu

bibi-bennettIl Monte del Tempio continua a essere il centro delle preoccupazioni israeliane: tolti i metal detector, le barriere e i vari sistemi di sicurezza su ordine del governo Netanyahu dopo i violenti scontri delle scorse settimane, la polizia, per tutelare …

Gerusalemme, Netanyahu ci ripensa
Rimossi i metal detector

netanyahuDue le notizie principali arrivate da Israele nelle ultime 24 ore: il ritorno a Gerusalemme del corpo diplomatico israeliano in Giordania dopo l’incidente di Amman e la rimozione dei metal detector all’ingresso del Monte del Tempio. La prima vicenda è …

Amman-Gerusalemme, una crisi
che scuote il Medio Oriente

Mideast-Jordan-Israel_HoroIl Primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu si prepara ad accogliere l’inviato Usa per il Medio Oriente Jason Greenblatt, in arrivo in Israele per cercare di stemperare quella che i quotidiani locali chiamano la crisi del Monte del Tempio. A peggiorare …

Gerusalemme, riportare l’ordine
è la priorità di Israele

Police-Guard-JerusalemIl 14 luglio scorso tre terroristi arabo-israeliani hanno aperto il fuoco, nei pressi del Monte del Tempio a Gerusalemme, uccidendo due agenti di polizia israeliana. I terroristi, uccisi dalle forze di sicurezza israeliane, erano riusciti a introdurre le armi all’interno …

vittime attentato 21 luglio

Yosef, Chaya, Elad, vite spezzate
dal terrorismo palestinese

Venerdì la famiglia Salomon si era riunita per festeggiare l’arrivo di un nuovo nipotino, nato la mattina stessa. Stavano aspettando altri ospiti nella casa di Halamish, insediamento in Cisgiordania, perché partecipassero alla festa. Per questo la porta era stata lasciata …