reaion/intervista

Roma – Quale Memoria per la nostra società

Schermata 2016-04-28 alle 15.28.46“I rischi che ci stanno davanti vanno ben al di là delle grottesche attività dei negazionisti che cercano di cancellare le tracce di un'evidenza storica. Assistiamo a una banalizzazione della Memoria, a un culto della Memoria, alla costituzione, soprattutto in Europa, di una religione civile. E a gravissimi, minacciosi fraintendimenti riguardo all'identità e alla legittimità di Israele”. A parlare, lo storico Georges Bensoussan, che, in un'intervista rilasciata al direttore di Pagine Ebraiche Guido Vitale, metteva in guardia esperti, istituzioni e società civile dai pericoli che insidiano la Memoria. Proprio Bensoussan lunedì sarà protagonista dell'incontro “Quale memoria, per quale società? Il ruolo dei musei nella società contemporanea” (ore 9.30) promosso dall'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane e dal Ministero per i Beni e le Attività culturali e del Turismo.

Qui Torino – Fuga, resistenza o resa

20160420_215246Quali sono le possibilità di scelta davanti alle persecuzioni, oppressioni, guerre, sfruttamento? Se da una parte c’è la resistenza, dall’altra c’è la resa, o ancora la fuga dal proprio paese di residenza. Certo è che ognuna di queste opzioni, a …

Qui Mantova – Ute, la Memoria ha la sua voce

ute mantova Un successo. Prevedibile, certo, ma non per questo meno importante: “Songs for Eternity” ha fatto risuonare ieri a Mantova alcune delle migliaia di melodie composte nei campi di concentramento. Parole dolenti, che portano con sé la memoria di vicende terribili, …

Qui Mantova – Songs of Eternity
Il suono vivo della Memoria

26424585631_df346766f8_zÈ iniziata con le parole che Emanuele Colorni, presidente della comunità ebraica di Mantova, ha rivolto a un folto gruppo di giovani, la giornata che porterà nella piccola sinagoga di via Govi “Songs for Eternity”. Venuti a scoprire storia e …

Adina Bar-Shalom: “L’istruzione?
Un diritto di tutta la società”

adina bar shalom roma “Una pioniera nel superamento nelle divisioni sociali e nell’integrazione dello stile di vita haredi con l’apertura sociale all’educazione superiore”. Così è stata definita l’insegnante e attivista Adina Bar-Shalom, fondatrice del Haredi College di Gerusalemme e figlia dell’ex rabbino capo sefardita …

Qui Torino – Il vero volto dello Stato islamico

IMG-20160412-WA0007Maurizio Molinari e Massimo Gramellini, i numeri uno e due del quotidiano La Stampa, a confronto sul tema protagonista da tempo delle cronache mondiali: l’integralismo islamico e il fenomeno della Jihad. Teatro dell’incontro, voluto dall’associazione Cento per Cento Lettori, il …