Frammenti ebraici e strumenti musicali: un’insolita relazione

IMG_4889_2Continuano le iniziative promosse dal Museo Ebraico Fausto Levi z.l. di Soragna. Domenica 10 maggio alle ore 16,30 due ricercatrici italiane, Donatella Melini e Roberta Tonnarelli presenteranno, nella cornice della Sinagoga neoclassica, una conferenza dal titolo Frammenti ebraici e strumenti musicali: un’insolita relazione.

La scoperta è recente: tra il 2013 ed il 2014, nell’ambito di una ricerca d’archivio riguardo la liuteria ad arco del XVI-XVII secolo è emerso il caso di una viola da gamba che recava al suo interno strisce di pergamena provenienti da codici ebraici. La particolarità assolutamente non comune di questo ritrovamento ha generato una serie di domande e considerazioni riguardo il significato di queste presenze, l’eventuale datazione di questo inserimento, la provenienza del liutaio che ha costruito lo strumento. Gli studi che si sono succeduti hanno dimostrato poi che questa viola da gamba non è l’unico strumento portatore di frammenti ebraici ma che ne esistono anche altri ed il loro numero è destinato ad aumentare. Si delinea quindi un fenomeno appassionante, ricco di aspetti ancora da chiarire.

Ma il fascino dell’incontro non si esaurirà qui: la conferenza verrà infatti accompagnata dagli intermezzi musicali curati dai Silentia Lunae, ensamble ed associazione di musica antica di Parma. Maria Caruso e Richard Benecchi, i due fondatori non solo mostreranno, ma suoneranno copie fedeli di quegli stessi strumenti musicali raccontati nell’incontro, in un appassionante viaggio tra storia e musica, tra antichi manoscritti e misteriosi liutai.

Tra i brani in programma figura il famoso Ballo di Mantova di Celestino del Biabo – che ha dato lo spunto tematico per l’attuale Inno di Israele e un madrigale dal Primo Libro de’ Madrigali di Salomone Rossi, compositore ebreo mantovano attivo alla corte dei Gonzaga a Mantova nel tardo Rinascimento.

Donatella Melini 

Maestro liutaio restauratore si è laureata in Discipline delle Arti della Musica e dello Spettacolo presso l’Università degli Studi di Bologna dove, successivamente, si è specializzata in Storia dell’Arte del Rinascimento. Nel 2002 ha conseguito il Master avanzato di II livello in “Filologia dei testi musicali e dei testi letterari medievali e moderni”, presso la Facoltà di Musicologia di Cremona e nel 2008 il dottorato di ricerca in Musicologia presso l’Università di Innsbruck. Studiosa di Iconografia Musicale e Organologia da anni focalizza la propria attenzione sullo studio delle rappresentazioni figurative degli strumenti e della loro evoluzione tecnologica e delle fonti musicali in ambito archivistico.

Roberta Tonnarelli

Roberta Tonnarelli sta svolgendo il suo dottorato di Paleografia e Codicologia ebraica all’École Pratique des Hautes Études a Parigi. Si è laureata in Conservazione del Beni Culturali all’Università di Bologna con una tesi in epigrafia ebraica e ha conseguito il Diploma alla Scuola di Archivistica, Paleografia e Diplomatica presso l’Archivio di Stato di Modena. Attualmente lavora al Museo Ebraico Fausto Levi di Soragna e collabora al progetto internazionale Books within Books, che ricerca e cataloga i frammenti ebraici riutilizzati in legature negli archivi e biblioteche d’Europa.

Richard Benecchi, liuto e tiorba, chitarra classica

Maria Caruso, soprano, violino e viola da gamba

Il duo Caruso – Benecchi, attivo nel campo della musica antica da oltre vent’anni, è stato vincitore del premio della Maine Arts Commission, U.S.A., guest artist della Città di Boston e della Dante Alighieri Society per la visita ufficiale della Principessa Elettra Marconi, guest artist per l’inaugurazione del mandato del Governatore del Maine Angus King, ospite del Magnifico Rettore della University of Southern Maine nei ricevimenti ufficiali agli sponsor del college. Hanno collaborato in concerti, e come organizzatori di rassegne e festival con Simone Erre, Ugo Nastrucci, Rolf Lislevand, Pedro Estevan, Roberto Gini, Nanneke Schaap, Fernando de Luca, Gianluca Cagnani, Maurizio Cadossi, Maria Giovanna Fiorentino, Marco Beasley e molti altri musicisti nel campo della musica barocca. Nel 2007 hanno fondato Silentia Lunae, associazione e ensemble con cui hanno lanciato e coordinano per sei edizioni l’Early Music Fest, rassegna di musica antica alla Casa della Musica di Parma, la rassegna Summer Kermesse e numerosi progetti in collaborazione con il Teatro Farnese, la Galleria Nazionale di Parma, il Museo della Camera di San Paolo, la Pinacoteca Stuard e altri importanti luoghi storici della città.

Informazioni:

Museo Ebraico Fausto Levi z.l.

Via Cavour, 43

43019 Soragna – Parma

Tel. & Fax 0524 599399 – 331 9230750

www.museoebraicosoragna.net

info@museoebraicosoragna.net

www.facebook.com/museoebraicofaustolevi

Commenti disattivati.