moked/מוקד

il portale dell'ebraismo italiano

Con il contributo della redazione UCEI
Carlo Angela, un medico stratega

Schermata 2017-01-29 alle 15.10.51Storie e destini che s’intrecciano in Piemonte durante la Resistenza. Su tutte quella di Carlo Angela, medico antifascista, papà di Piero e nonno di Alberto, due volti noti della divulgazione scientifica e culturale. Ma soprattutto Giusto tra le Nazioni per l’azione svolta a a soccorso di ebrei e partigiani perseguitati dal nazifascismo. Di questo parla “Carlo Angela – Un medico stratega”, il documentario che Raidue ha voluto realizzare per il Giorno della Memoria raccontando il coraggio di Angela, che falsificò le cartelle cliniche della casa di cura per malattie mentali che dirigeva a San Maurizio Canavese in Piemonte per ospitare uomini e donne in fuga dal regime. Un coraggio che gli è valso, nel 2003, il riconoscimento dello Yad Vashem.
Condotto da Ubaldo Pantani e realizzato anche con il contributo della redazione giornalistica UCEI, il documentario è stato voluto e ideato da Massimiliano Boscariol e Fabio Di Nicola (il primo ne è anche produttore esecutivo) ed è curato da Silvana Brizzi con regia di Danio Spaccapeli.
Cinquanta minuti di grande intensità con ricordi, testimonianze, ricostruzioni storiche dei fatti narrati. Ad intervenire tra gli altri il demografo Sergio Della Pergola, il giornalista Adam Smulevich e lo storico Marcello Pezzetti.
Molto positivo il riscontro in termini di ascolti: “Carlo Angela – Un medico stratega”, fa sapere Boscariol, ha ottenuto infatti il 5,8 % di share. Un punto in più rispetto alle previsioni.
Clicca qui per rivedere il documentario.

(29 gennaio 2017)