moked/מוקד

il portale dell'ebraismo italiano

scelte…

“Guarda, Io pongo di fronte a voi oggi benedizione e maledizione” (Deut.11,26).
Il Gaon R. Elyhau ha cosi spiegato questo versetto a partire dall’alternarsi del singolare – all’inizio della frase – con il plurale alla sua conclusione. In questo passo il Signore si rivolge innanzitutto ad ogni singola persona “Guarda” – osserva, giudica con attenzione e cerca di seguire la via del bene, anche se attorno a te vedi tanti altri che praticano il male, non lasciarti condizionare da costoro e sforzati di compiere quello che spetta a te.
“Io”- Non sei solo. Sono Io – l’Eterno – che ti do forza per sostenere il confronto con lo “yetzer hara’” con l’istinto del male.
“Pongo oggi benedizione e maledizione” – Non disperare se ti è capitato di scegliere il male, non pensare che non ci sia rimedio, ogni giorno D.O si rivolge a te e ti sollecita a scegliere tra il bene ed il male.
“Di fronte a voi”. Se ti chiedi come riconoscere la via del bene, guarda, davanti a voi c’è la storia d’Israele, la storia del vostro popolo, conoscila, cerca di comprenderla e tutto ti sarà più chiaro.

Giuseppe Momigliano, rabbino

(16 agosto 2017)