moked/מוקד

il portale dell'ebraismo italiano

Categoria: Eretz

Bnei Brak, una via per l’agente Khoury

Il consiglio comunale di Bnei Brak onorerà la memoria dell’agente di polizia Amir Khoury, ucciso nell’attentato terroristico che ha colpito la città haredi il 29 marzo scorso. “Nel dolore, è importante per me dirvi che vostro figlio ha salvato la …

Israele, tra dolore e lotta all’odio

Giorno di lutto per Israele con le celebrazioni dei funerali delle tre vittime dell’attentato compiuto da un terrorista palestinese a Tel Aviv. A Kfar Saba l’ultimo addio a Tomer Morad e Eytam Magini, amici d’infanzia, sorpresi dall’attentatore mentre si trovavano …

Tel Aviv, il terrore colpisce ancora

Dopo ore di caccia all’uomo, nella notte le forze di sicurezza israeliane hanno trovato ed eliminato il terrorista palestinese responsabile dell’attacco nel cuore di Tel Aviv. L’attentatore, proveniente da Jenin, aveva aperto il fuoco contro un bar nella zona centrale …

Il governo d’Israele senza maggioranza,
i possibili scenari di questa crisi

Destra nazional-religiosa, destra nazionalista laica, centristi, sinistra, musulmani ultraconservatori. Il governo israeliano è nato nel giugno 2021 grazie a un fragile compromesso tra partiti ideologicamente molto distanti. Una convivenza difficile, con la coalizione costantemente a rischio di defezioni. Ne bastava …

Israele senza maggioranza

La coalizione che sostiene l’attuale governo d’Israele non ha più la maggioranza. Con una mossa inaspettata, la parlamentare di Yamina Idit Silman – presidente della coalizione – ha annunciato la sua uscita dall’attuale maggioranza, dichiarando di lavorare per la formazione …

“Dalla pandemia alla crisi ucraina,
Israele in prima fila per aiutare”

Dall’impegno nel sostenere la popolazione ucraina alla lotta al terrorismo, dal lavoro diplomatico per dare una svolta all’orientamento dell’Italia nelle sedi internazionali alla cooperazione con il governo e con le comunità ebraiche italiane sul fronte della pandemia. In chiusura della …

Bnei Brak, il terrorismo uccide ancora

Amir Khoury aveva scelto di seguire le orme paterne e diventare un poliziotto. Residente a Nazareth, arabo israeliano, Khoury si era fatto velocemente strada all’interno del corpo di polizia. “Sei mesi fa è stato promosso in anticipo a sergente maggiore …