"UE e Ucraina, gli stessi valori"

Con una decisione accolta come “unica” e “storica” da Kiev il Consiglio europeo ha approvato lo status di candidato all’UE per l’Ucraina (insieme alla Moldavia). “Quattro mesi fa l’Ucraina e l’Europa erano molto distanti. Da allora è cambiato tutto. Sappiamo bene che il processo per diventare Paesi membri a pieno titolo sarà lungo. In ogni caso, il messaggio è già chiaro: l’Ucraina fa parte del progetto di integrazione europea, finisce l’era dell’incertezza, si apre un’epoca nuova tra Paesi che condividono gli stessi valori”, la soddisfazione del ministro degli Esteri Dmytro Kuleba in una intervista con il Corriere.
Continua intanto la guerra con la sua mattanza quotidiana. Guardando al campo russo il Corriere rileva come Putin stia mandando allo sbaraglio soprattutto le minoranze etniche, che hanno una possibilità enormemente superiore di morire rispetto ai “coetanei di Mosca o di San Pietroburgo”. Spesso, si racconta, “sono musulmani dell’Ossezia del Nord o del Daghestan o buddisti tibetani della Buriazia o della Repubblica di Tuva, alle frontiere della Mongolia”. Oppure “vengono da qualche provincia sperduta dell’Estremo Oriente non lontana dai confini con la Cina e con la Corea del Nord, come la Provincia ebraica autonoma dove Stalin aveva cercato di deportare un’intera minoranza scomoda”.

Presentati in Senato i risultati dell’indagine promossa dalla Commissione contro l’odio ispirata e presieduta da Liliana Segre. Intervistata dalla Stampa, la senatrice a vita sottolinea che vi è stata convergenza, tra tutti i suoi membri, sul fatto “che il problema dell’odio diffuso è un problema reale e che sono i social e il web i principali diffusori dei discorsi razzisti o discriminatori”. E che spesso “gli scambi di opinione su questi mezzi fomentano l’odio, non lo placano”. Cose forse risapute, aggiunge Segre, “ma un conto è immaginarsele, un conto è averle analizzate approfonditamente”.

Negli scorsi giorni la stampa cattolica ha più volte attaccato David Kertzer per il suo libro su Pio XII. In particolare per le nuove rivelazioni sui “silenzi” e il rapporto di sudditanza nei confronti di nazismo e fascismo. “L’agiografia papale può avere il suo posto, ma mi sembra più importante comprendere meglio questo tragico capitolo della storia umana” ribadisce lo storico statunitense, vincitore in passato del Pulitzer, su Repubblica. “Quando più di mille ebrei vennero rastrellati nella sua città per essere mandati ad Auschwitz, il papa non disse una parola. Non fu complice, fu debole” l’opinione di Corrado Augias sul Venerdì.

Israele tornerà presto al voto, verosimilmente in novembre. Il grande favorito, per molti, è l’ex premier Netanyahu. Su Libero lo si definisce “il politico dalle nove vite, già dato per spacciato più e più volte, ma sempre riemerso più forte e furbo di prima”.

Su 7 del Corriere si segnala la messa in onda, lunedì prossimo su Rai Tre, di un approfondimento dal titolo “Apartheid Israel”. Il programma è parte di una serie di otto reportage che, a detta del Corriere, “svelano come la libertà, in tutte le sue declinazioni, e l’uguaglianza delle persone siano violate da regimi autoritari, da autocrazie e anche in Paesi democratici nei confronti dei più deboli e delle minoranze”.  

Incontro interreligioso a Bertinoro tra vescovi, rabbini e delegati delle diocesi dell’Emilia Romagna. Particolarmente evocativo lo sfondo urbano. Qui, ricorda Avvenire, “è nato nel 1455 rabbi ‘Ovadyah Yare, autore di un autorevole commentario sulla Mishnà, e qui, nella Rocca che fu sede dell’episcopio, è ospitato il Museo interreligioso dedicato alle tre religioni monoteiste”.

Nelle pagine del Foglio dedicate all’arte una testimonianza sul cimitero ebraico di Urbino. Una prima presenza ebraica documentata, si legge, “risale alla metà del Trecento, nella zona denominata ancora oggi ‘Monte degli Ebrei’ e dove da sempre risulta esservi stato il luogo di sepoltura”.

Il sindaco di Roma Gualtieri tra gli ospiti della giornata conclusiva del festival Ebraica. “È l’ora del rilancio di Roma” il messaggio del primo cittadino, segnalato tra gli altri dal Messaggero. Cronache della serata anche sulle pagine romane di Corriere e Repubblica. 

Adam Smulevich

Leggi

Su Pagine Ebraiche 24, la Newsletter quotidiana di metà giornata, oggi i pensieri
di Gadi Luzzatto Voghera, rav Alberto Sermoneta, Anna Segre
e Francesco Moises Bassano.
Pagine Ebraiche 24, l'Unione Informa e Bokertov sono pubblicazioni edite dall'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane. L'UCEI sviluppa mezzi di comunicazione che incoraggiano la conoscenza e il confronto delle realtà ebraiche. Gli articoli e i commenti pubblicati, a meno che non sia espressamente indicato il contrario, non possono essere intesi come una presa di posizione ufficiale, ma solo come la autonoma espressione delle persone che li firmano e che si sono rese gratuitamente disponibili. Gli utenti che fossero interessati a offrire un proprio contributo possono rivolgersi all'indirizzo comunicazione@ucei.it Avete ricevuto questo messaggio perché avete trasmesso a Ucei l'autorizzazione a comunicare con voi. Se non desiderate ricevere ulteriori comunicazioni o se volete comunicare un nuovo indirizzo e-mail, scrivete a: comunicazione@ucei.it indicando nell'oggetto del messaggio "cancella" o "modifica". © UCEI - Tutti i diritti riservati - I testi possono essere riprodotti solo dopo aver ottenuto l'autorizzazione scritta della Direzione. l'Unione informa - notiziario quotidiano dell'ebraismo italiano - Reg. Tribunale di Roma 199/2009 - direttore responsabile: Guido Vitale.