moked/מוקד

il portale dell'ebraismo italiano

Roma – Memoria, il racconto dei nipoti

Schermata 2019-01-27 alle 14.06.36

Ottava edizione di “Memorie di Famiglia – I giovani tramandano le storie dei nonni”, l’iniziativa di lettura da parte di adolescenti di testimonianze scritte da loro familiari che hanno vissuto gli anni delle persecuzioni razziali e della guerra organizzata a Roma dal Centro Ebraico Il Pitigliani.
Tredici i lettori protagonisti dell’edizione 2019, che ha visto l’accompagnamento della chitarra di Emanuele Levi Mortara ed è stata condotta da Nando Tagliacozzo.
Ricordi e testimonianze che sono diventate come di consueto anche un libretto, progettato da Giordana Menasci e Anna Orvieto, che dell’iniziativa sono anche le ideatrici dal 2012, con Elena Albertini che ne ha curato storicamente i contenuti e il coordinamento e la cura redazione di Micaela Vitale.
Hanno sottolineato Menasci e Orvieto: “Arrivare all’ottava edizione non era per noi assolutamente scontato. Il reperimento delle memorie, la disponibilità delle famiglie, la voglia dei ragazzi di salire sul palco potevano esaurirsi per stanchezza. Invece ciò che è accaduto quest’anno, più degli anni passati, ci ha stupito. Con largo anticipo avevamo già un numero sufficiente di memorie per l’edizione 2019, malgrado ciò continuavano a contattarci per offrire nuove storie”.
“C’è chi aveva ritrovato un vecchio scritto, chi aveva chiesto ad un nonno di raccontare oggi, chi ci segnalava storie di conoscenti ed amici che meritavano di essere lette al Pitigliani. Noi, in linea con lo spirito che ci ha sempre guidati, non abbiamo detto di no a nessuno. Perché ogni storia merita di essere raccontata nel momento in cui ci viene offerta, perché è in quel momento preciso che si è realizzato l’incontro delle volontà dei diversi membri di una famiglia: un nonno che si apre, un nipote che lo ha ascoltato, uno scritto che è sbucato fuori da un cassetto. Rimandare – hanno poi aggiunto – potrebbe profanare questa sinergia ed è questo che noi non vorremmo mai accadesse”.

(27 gennaio 2019)