moked/מוקד

il portale dell'ebraismo italiano

#U4Refugees – Corridoi educativi, una realtà

U4Refugees_LogoCorridoi educativi per consentire ai rifugiati l’accesso ai percorsi di alta formazione. Questo l’obiettivo al centro di #U4Refugees, L’Università per i rifugiati, iniziativa presentata dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca dal Ministro Stefania Giannini e dalla Presidente della Commissione Cultura e Istruzione del Parlamento europeo Silvia Costa, che già a ottobre dell’anno scorso aveva chiesto alle Università europee di consentire l’accesso agli studenti costretti alla fuga dai Paesi in conflitto.
“Sono molto felice che questa iniziativa sia stata accolta per prima dall’Italia, Paese che conferma la leadership sul fronte dell’accoglienza, dell’investimento in cultura e dei progetti orientati al recupero e alla protezione dei beni culturali oggetto di attentati e distruzione”, ha commentato il ministro. In Europa non si costruiscono solo muri, ma si attivano progetti concreti nel nome della cultura e della formazione: l’iniziativa avrà come seguito un accordo quadro che coinvolgerà le Università italiane con l’obiettivo di consentire a quei rifugiati che sono studenti o ricercatori con un percorso già iniziato nei loro Paesi di avere un’accoglienza non solo umanitaria, ma anche educativa nel nostro Paese. Alcune esperienze sono già partite, e i primi a impegnarsi sono Ca’ Foscari di Venezia, Politecnico di Torino e Iuav di Venezia. Il vice Ministro agli Affari Esteri Mario Giro ha aggiunto: “Sul tema dei rifugiati l’Italia sta facendo la sua parte. Servono politiche ragionevoli che tengano insieme i bisogni di chi arriva e i bisogni di chi accoglie”. Positivi i riscontri giunti sia dal Prefetto Rosetta Scotto Lavina, capo della Direzione centrale per le Politiche dell’Immigrazione e dell’Asilo del Ministero dell’Interno che dall’Ufficio di Roma dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR), e alla presentazione del progetto, a sottolineare il proprio impegno, erano presenti anche il vice Presidente della Conferenza dei rettori Giuseppe Novelli, il rettore dell’Università telematica internazionale Uninettuno Maria Amata Garito e il rettore del Politecnico di Torino Marco Gilli.

a.t. twitter @atrevesmoked

(6 maggio 2016)