La prossima puntata


Domenica 14 luglio


Il 14 luglio 1789, con la presa della Bastiglia a Parigi, iniziava la Rivoluzione francese: l’affermazione dei diritti dell’uomo e del cittadino, la conquista dell’uguaglianza e dell’emancipazione degli ebrei, la diffusione degli ideali rivoluzionari in tutta Europa con Napoleone: una riflessione della storica Anna Foa apre la puntata di Sorgente di vita di domenica 14 luglio.
Un altro servizio è dedicato all’ indagine sociodemografica condotta dal Professor Enzo Campelli che ricostruisce l’identikit degli ebrei iscritti alle comunita’ italiane e ne analizza le necessità, le aspettative e i problemi : cosa significa sentirsi ebrei, l’osservanza dei precetti, l’educazione dei figli, l’idea di comunità, il rapporto con Israele, la memoria della Shoah, sono alcuni dei temi toccati
Segue un viaggio suggestivo nell’antica Biblioteca dell’Università di Bologna che custodisce la Bibbia più antica esistente al mondo: l’ antico sefer, il rotolo della Legge, manoscritto su pergamena, risale al II secolo. Lo ha stabilito il Professor Mauro Perani, durante il lavoro di catalogazione dei volumi ebraici custoditi nello storico ateneo, osservando la scrittura, la calligrafia, lo stile del testo e le prove al carbonio 14.
“Quando incontrai Arafat”: lo racconta in un’intervista lo scrittore francese Marek Halter, da sempre impegnato nel dialogo con i nemici in ogni genere di conflitto. A Roma, durante il festival “Letterature” alla Basilica di Massenzio, ha partecipato all’evento “A tavola con il nemico” introdotto dai ragazzi dell’associazione “Rondine” vicino ad Arezzo, provenienti da paesi in guerra.
Sorgente di vita va in onda domenica 14 luglio alle ore 1,20 circa su RAIDUE.

La replica:

La puntata verrà replicata lunedì 15 luglio alla stessa ora circa e lunedì 22 luglio alle 7 del mattino.


Domenica 16 giugno


Le 52mila interviste della Shoah Foundation, le voci dei sopravvissuti e di altri testimoni dello sterminio ebraico raccolte in 56 paesi e in 32 lingue diverse, e quelle dello sterminio dei tutsi in Ruanda sono ora integralmente a disposizione degli studiosi e dei ricercatori italiani: il progetto, che nasce dalla collaborazione dell’Università della California del sud con l’Istituto Centrale per i beni sonori e audiovisivi, è il tema del primo servizio della puntata di Sorgente di vita di domenica 16 giugno. Segue l ‘ ”Affaire Dreyfus” che è andato in scena al teatro La Cometa di Roma: gli interpreti, attori non professionisti, sono gli “Avvocati alla ribalta” che da anni portano in scena i grandi processi della storia. Basato sugli atti originali del processo, lo spettacolo ricostruisce la vicenda giudiziaria del capitano Alfred Dreyfus che a fine ‘800 sconvolse la Francia e l’Europa scatenando una violenta campagna antisemita. Infine un ricordo dello scrittore israeliano Yoram Kaniuk recentemente scomparso, in un’intervista di pochi mesi fa: l’anno cruciale 1948, la Guerra di Indipendenza e la fondazione dello stato di Israele, le contraddizioni dello stato ebraico dalla creazione ad oggi sono i temi toccati dallo scrittore, voce controcorrente e anticonformista. Sorgente di vita va in onda domenica 16 giugno alle ore 1,20 circa su RAIDUE.

La replica:

La puntata verrà replicata lunedì 17 giugno alle ore 1,10 circa e lunedì 24 giugno alle ore 7 del mattino.


Domenica 21 aprile

Diritti civili, ruolo delle minoranze, solidarietà sociale, pace e soprattutto lotta al razzismo e all’intolleranza i temi trattati durante l’incontro di
Laura Boldrini, neo Presidente della camera dei Deputati, con i rappresentanti dell’ebraismo italiano e romano. Se ne parla nella puntata di Sorgente di vita di domenica 21 aprile.
Segue un servizio sulla Menorah, il candelabro a sette bracci razziato dai romani dal Tempio di Gerusalemme. Perché è raffigurata nel bassorilievo dell’Arco di Tito? Dopo il sacco dei Vandali a Roma nel 455 dove fu portata? E’ finita nel Tevere, dove non è mai stata trovata? E’ nascosta in Vaticano? O è sepolta sotto un albero a Gerusalemme, come racconta lo scrittore viennese Stefan Zweig? Il giornalista Fabio Isman ci guida in un percorso romano sulle tracce del candelabro perduto.
Nella puntata anche un’intervista a Margarethe Von Trotta sul suo ultimo film dedicato a Hannah Arendt, la filosofa tedesca che nel 1961 seguì il processo al criminale nazista Eichmann a Gerusalemme, e poi scrisse il libro “La banalità del male” che rivoluzionò la letteratura sulla Shoah.
Infine una singolare mostra al Museo ebraico di Berlino con domande e risposte sull’eterno quesito: cosa vuol dire essere ebrei? Provocazioni e molta ironia per smontare pregiudizi e stereotipi.
Sorgente di vita va in onda domenica 21 aprile alle ore 1,20 circa su RAIDUE.

La replica:

La puntata verrà replicata lunedì 22 aprile alla stessa ora circa e lunedì 29 aprile alle ore 9,30 del mattino.
I servizi di Sorgente di vita sono anche on line.


Domenica 2 dicembre

L’Assemblea Generale delle Nazioni Unite accoglie la Palestina come Stato osservatore non membro. Una decisione che si inserisce nel quadro complesso della crisi in Medio Oriente e suscita molti interrogativi di segno opposto: è un sostegno alle forze arabe moderate? E’ solo un voto simbolico o un passo concreto per spingere alle trattative? Perché l’Italia ha votato sì? La pace tra israeliani e palestinesi è più lontana o più vicina? Se ne parla nel primo servizio della puntata di Sorgente di vita di domenica 2 dicembre.
Dopo le scritte e le svastiche disegnate sui muri di luoghi ebraici italiani, gli slogan antisraeliani davanti alle sinagoghe durante le manifestazioni degli studenti, gli striscioni e i cori antisemiti negli stadi di calcio, una riflessione di Marco Lodoli, insegnante e scrittore, sul pregiudizio antiebraico tra i giovani e nel mondo della scuola.
Segue un servizio sull’iniziativa “Una cultura in tante culture”: bambini italiani, cinesi, marocchini, sudamericani insieme ai loro insegnanti sono i protagonisti di un progetto di integrazione: in una scuola di Finale Emilia distrutta dal terremoto del maggio scorso e dedicata alla maestra ebrea Elvira Castelfranchi, l’ esperta israeliana Edna Calò Livne propone un metodo per educare alla convivenza.
Infine storie di atleti, di pugili, di manager sportivi, tante vite di campioni spezzate dalle persecuzioni in una mostra a Bologna dedicata allo sport durante il nazismo e il fascismo. Tra le storie italiane il pugile romano Settimio Terracina e l’allenatore di calcio Arpad Weisz che allenò e vinse due scudetti proprio con la squadra del Bologna.
Sorgente di vita va in onda domenica 2 dicembre alle ore 1,20 circa su RAIDUE.

La replica:

La puntata verrà replicata lunedì 3 dicembre alla stessa ora circa e lunedì 10 dicembre alle ore 9,30 del mattino.


Domenica 21 ottobre

La cerimonia alla sinagoga di Roma, alla presenza del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e delle massime cariche dello Stato, in ricordo dell’ attentato del 9 ottobre 1982 da parte di terroristi palestinesi che costò la vita al piccolo Stefano Gaj Tachè e nel quale vennero ferite 40 persone. E’ il servizio di apertura della puntata di Sorgente di vita di domenica 21 ottobre.
A pochi giorni dalle elezioni del 6 novembre negli Stati Uniti seguiamo poi la sfida tra Democratici e Repubblicani, tra il presidente uscente Barack Obama e lo sfidante Mitt Romney: i problemi del Medio Oriente, l’alleanza con Israele, il progetto nucleare iraniano in politica estera e i valori liberali dell’America sono i temi della campagna elettorale che stanno più a cuore agli ebrei americani. Ne parla Maurizio Molinari, corrispondente de “La Stampa” da New York.
“Non vi lasceremo soli” sono le parole del presidente del Consiglio Mario Monti intervenuto alla marcia organizzata a Roma dalla comunita di S. Egidio e dalla comunità ebraica per commemorare
l’ anniversario della razzia del ghetto, il 16 ottobre del 1943.
La deportazione è anche il tema dei servizi successivi: la ricerca, con documenti inediti trovati negli archivi di Bad Arolsen, che la Provincia di Roma ha consegnato alla comunita ebraica, con descrizioni dettagliate, informative, ma soprattutto tante foto che restituiscono volti, nomi, sorrisi ai bambini italiani inghiottiti dalla Shoah.
Infine la cerimonia di consegna dell’elenco di tutti i deportati italiani da parte del Centro di Documentazione Ebraica Contemporanea allo Yad Vashem, il Memoriale dell’Olocausto di Gerusalemme,
Sorgente di vita va in onda domenica 21 ottobre alle ore 1,20 circa su RAIDUE.

La replica:

La puntata verrà replicata lunedì 22 ottobre alla stessa ora circa e lunedì 29 ottobre alle ore 10 del mattino.
I servizi di Sorgente di vita sono anche on line.


Domenica 9 settembre

Posso offrirle una storiella? Così gli artisti di strada hanno accolto i visitatori durante la XIII Giornata Europea della Cultura Ebraica nell’antico ghetto di Venezia, capofila in Italia delle iniziative di quest’anno. La cronaca della giornata nel servizio di apertura della puntata di Sorgente di vita di domenica 9 settembre: la città lagunare si è presentata al pubblico con le sue belle sinagoghe, il ricco museo, la sua antica storia e le sue tradizioni all’insegna dell’umorismo, del “witz”, del motto di spirito, filo conduttore della rassegna in 64 località italiane e 27 paesi europei.
Il secondo servizio ci porta in Sicilia dove, fra Trapani e Marsala, si coltivano nuove varietà di melograni arrivate da Israele. Frutti grandi, chicchi morbidi, rossi e succosi: un progetto pilota per rinnovare la coltura di un frutto conosciuto fin dall’antichità. Simbolo di fertilità, dalla mitologia greca e romana, alla Bibbia e al Cantico dei Cantici, il melograno appartiene al mito, alla leggenda e alla cultura di tanti popoli e tradizioni ed è presente sulla tavola di Rosh Hashanà come simbolo beneaugurale.
Si passa poi a Merano, città di confine tra Austria e Italia, luogo di villeggiatura e di cure termali ai primi del ‘900, dove andavano in vacanza Kafka e Chaim Weizman. La piccola comunità ebraica di oggi ruota intorno alla sinagoga dell’800 e custodisce la propria storia in un museo aperto a tutti.
Infine la storia di Ciceruacchio, capopolo romano animato da un profondo senso di giustizia. Difensore degli ebrei, sostenne Pio IX nella fase liberale del suo pontificato, quando fece abbattere i portoni del ghetto dove gli ebrei erano rinchiusi da secoli.

La replica:

La puntata verrà replicata lunedì 10 settembre all’incirca alla stessa ora e lunedì 17 settembre alle ore 10 del mattino.


Domenica 15 luglio

Un tribunale tedesco ha detto no alla circoncisione rituale, scatenando nella società civile un acceso dibattito sulla libertà religiosa. Immediate le reazioni delle comunità ebraiche e del rabbinato tedesco ed europeo.
Il Rabbino Capo di Roma Riccardo Di Segni commenta la notizia nel servizio di apertura della puntata di Sorgente di vita di domenica 15 luglio.
Il secondo servizio è invece dedicato agli “italkim” , agli italiani che vivono in Israele e al convegno che si è tenuto recentemente a Gerusalemme: dal primo vero immigrato italiano, Enzo Sereni, sionista socialista che fece l’alyà negli anni ’20, fino ai giorni nostri, il contributo degli ebrei italiani allo sviluppo dello stato di Israele.
Si parla poi della scoperta del bosone di Higgs, definito secondo una brillante trovata giornalistica “la particella di Dio”, che ha messo in fibrillazione i fisici e gli scienziati di tutto il mondo. Un nuovo punto di partenza per la ricerca scientifica visto anche alla luce del racconto biblico e della tradizione ebraica.
Infine una lettura del Cantico dei Cantici. In un suggestivo giardino di Roma giovani attori del teatro Sala Uno leggono i versi del re Salomone: l’amore puro tra due giovani sposi è l’allegoria del rapporto tra il Signore e il popolo ebraico. Sorgente di vita va in onda domenica 15 luglio alle ore 1,20 circa su RAIDUE.

La replica:

La puntata verrà replicata lunedì 16 luglio alla stessa ora e lunedì 23 luglio alle ore 7 del mattino.


Lunedi 2 luglio

Chi sono, dove vivono e cosa pensano gli ebrei italiani di oggi? Come sono cambiati negli ultimi decenni? Al censimento diretto dal sociologo Enzo Campelli dell’Università La Sapienza di Roma, di cui si conosceranno i risultati tra pochi mesi, è dedicato il primo servizio della puntata di Sorgente di Vita in onda stasera. Attraverso il parere di intervistati e intervistatori, un viaggio nella variegata realtà dell’ebraismo italiano.
Leopardi, gazzelle, cicogne e leoni sono i protagonisti del secondo servizio della puntata: allo zoo di Roma è stato realizzato un percorso, divertente ed educativo, tra gli animali della Bibbia. Ce ne parlano Fulco Pratesi, Presidente Onorario del WWF Italia, e Yitzhak Yadid, responsabile zoologico del Bioparco.
Protagonista del terzo e ultimo servizio della puntata è la danza israeliana: al Napoli Teatro Festival, nella suggestiva cornice del parco archeologico di Posillipo, i ballerini si esibiscono nella “Nascita della Fenice”, creata dalla coreografa Noa Wertheim per la Vertigo Dance Company.
L’appuntamento con Sorgente di Vita è per stasera, lunedì 2 luglio, alle ore 1,30 circa su Rai Due.

La replica:

Il programma verrà replicato lunedì 9 luglio alle ore 7.00 circa.


Domenica 17 giugno

Un’intervista allo scrittore israeliano Amos Oz, a Roma in occasione del Festival delle Letterature a Massenzio, dove ha letto, in ebraico, alcune pagine del suo ultimo romanzo “Tra amici”, in cui parla dell’utopia mai sfiorita del sionismo socialista. E’ il servizio di apertura della puntata di Sorgente di vita di domenica 17 giugno.
Segue la cronaca del terremoto di Ferrara del 1571 , scritta dal rabbino Azarià De’ Rossi, un intellettuale del Rinascimento che dopo i giorni della catastrofe scrisse un’opera che rivoluzionò gli studi ebraici del tempo.
Un terzo servizio è dedicato al concerto della cantante israeliana Noa nella prestigiosa cornice del Teatro San Carlo di Napoli, una trascinante interpretazione del più classico repertorio partenopeo. Un concerto che ha coinvolto il pubblico con ritmi e melodie che si intrecciano con quelle israeliane e yemenite delle sue origini.
Infine si parla dell’anno sabbatico che, nel mondo di oggi, è un lungo periodo di riposo dal lavoro, un congedo per motivi di studio: ma è un modo di dire che viene dalla tradizione ebraica. Nel mondo biblico infatti l’anno sabbatico era il periodo del riposo della terra, corrispondeva al sabato, il giorno di riposo universale in cui il Signore smise di lavorare dopo la creazione del mondo.

La replica:

Il programma verrà replicato lunedì 18 giugno alla stessa ora circa e lunedì 25 giugno alle 7 del mattino. I servizi di Sorgente di vita sono anche on line.


Domenica 20 maggio

Dal Campidoglio le immagini di Gilad Shalit, il soldato israeliano rapito nel 2005 e rimasto quasi cinque anni prigioniero di Hamas in un luogo sconosciuto nella striscia di Gaza. Ai festeggiamenti come cittadino onorario è dedicata la copertina della puntata di “Sorgente di vita” di domenica 20 maggio che va in replica questa sera su RAIDUE alle ore 1,20 circa.
Segue un pezzo sulla festa di Shavuoth, il tempo del dono della Torah, della Legge, dei Dieci Comandamenti, la ricorrenza che celebra la rivelazione di Dio sul Monte Sinai, ma anche festa delle primizie, nel momento della mietitura del frumento.
Da Israele arriva un servizio sulla legge votata dalla Knesseth sulle misure delle top model in passerella o in pubblicità: le modelle troppo magre sono un cattivo esempio per le ragazze.
Cronache dal ghetto di Varsavia: il racconto di Marek Edelman, uno dei comandanti della rivolta contro i nazisti dell’aprile 1943 tradotto e pubblicato da Wlodek Goldkorn giornalista dell’Espresso che gli fu amico e lo ricorda in un’intervista.
Si parla poi delle iniziative realizzate con i fondi dell’8 per mille, destinati dalle Comunità Ebraiche a progetti rivolti all’interno del mondo ebraico e a tutta la società civile riguardanti progetti didattici, sostegno agli anziani e ai giovani, lotta al razzismo e all’antisemitismo e cultura.
Infine gli incontri romani di alcuni parlamentari ebrei di tutta Europa che hanno parlato di Iran, della minaccia nucleare, di Israele e di antisemitismo.
I servizi di Sorgente di vita sono anche on line.

La replica:

La pintata di Sorgente di vita va in replica lunedi’ 21 maggio, alle ore 1,20 circa sempre su RAIDUE.


Domenica 25 marzo

La strage di Tolosa apre la puntata di Sorgente di vita di domenica 25 marzo. “Sono nostri figli, sono bambini della Repubblica francese” , dice Bruno Fiszon, Gran Rabbino di Metz e della Mosella, testimoniando l’orrore, la tristezza e le preoccupazioni della comunità ebraica dopo l’attentato. Nel secondo servizio un’analisi di Stefano Dambruoso, magistrato esperto di terrorismo, dopo l’arresto del giovane marocchino accusato di progettare attentati contro obiettivi ebraici a Milano: l’identikit dei nuovi terroristi, il ruolo del web, le possibilità di prevenzione.
Segue lo spettacolo “Il balcone di Golda”, un monologo di William Gibson interpretato da Paola Gassman al Piccolo Eliseo di Roma. Da Kiev a Milwaukee, dal kibbutz a Tel Aviv, la vita di Golda Meir, la carriera politica, i sentimenti, i dubbi e le lacerazioni di una donna divisa tra ruolo pubblico e privato. Infine, a 25 anni dalla scomparsa di Primo Levi, Sorgente di vita lo ricorda con le sue stesse parole tratte dal documentario “Ritorno ad Auschwitz” realizzato nel 1982 nel lager in cui era stato internato durante la seconda guerra mondiale.

La replica:

Il programma verrà replicato lunedì 26 marzo alle ore 1,20 circa e lunedì 2 aprile alle ore 9,30 su Raidue.


Domenica 11 marzo


Un profilo della regista Andree Ruth Shammah apre la puntata di Sorgente di vita di domenica 11 marzo: dalle origini siriane alla Milano di Strehler e di Franco Parenti, il racconto di un atto d’amore per il teatro, luogo aperto al pubblico popolare e alla città, e di quaranta anni di palcoscenico, di identità ebraica e di cultura.
Il secondo servizio è dedicato a Moshe Idel, studioso israeliano di origine rumena, uno dei più noti esperti di Cabbalà, a Roma per una Lectio Magistralis all’Accademia dei Lincei. In un’intervista racconta la sua vita in Romania, l’arrivo in Israele, la scoperta della Cabbalà, le sue ricerche e l’incontro con Ghershom Scholem.
Segue un viaggio nella storia dell’arte contemporanea in una mostra al Palazzo delle Esposizioni di Roma, dall’espressionismo astratto alla pop-art, dal minimalismo al post-minimalismo, dall’arte concettuale al fotorealismo: Mark Rothko, Roy Lichtenstein, Lawrence Weiner, Robert Motherwell sono gli autori di alcune delle sessanta opere selezionate dalle collezioni di Solomon e Peggy Guggenheim.
Infine una lezione di danze yiddish con il maestro americano Steve Weintraub: uomini, donne, bambini, giovani e meno giovani si lanciano in pista dandosi la mano, ballando in cerchio al ritmo della musica klezmer.
Sorgente di vita va in onda domenica 11 marzo alle ore 1,20 circa su RAIDUE.

La replica:

Il programma verrà replicato lunedì 12 marzo alla stessa ora circa e lunedì 19 marzo alle ore 9,30 del mattino.


Domenica 26 febbraio

La puntata di Sorgente di vita di domenica 26 febbraio apre con un servizio sulla pubblicità che infiamma gli ultraortodossi in Israele: dietro ai giornali, ai manifesti e alle campagne pubblicitarie che presentano immagini delle donne considerate troppo audaci, gli eterni conflitti tra religiosi e laici. Segue un servizio dedicato allo sport sotto il nazismo e alle persecuzioni degli atleti ebrei. Lo spunto è una mostra al Memorial del la Shoah di Parigi. Dalle Olimpiadi di Berlino del 1936 a quelle di Londra del 1948, documenti, fotografie e filmati per raccontare tante storie, come quella della campionessa di salto in alto Gretel Bergmann, del nuotatore Alfred Nakache, del pugile romano Leone Efrati.
Si parla poi di Gerusalemme: i vicoli della città vecchia, i quartieri moderni, l’Intifada, la vita quotidiana: le atmosfere, i ricordi, le emozioni e le riflessioni della giornalista e parlamentare Fiamma Nirenstein che nella città ha trascorso quasi venti anni ed ora le ha dedicato un libro.
Infine la storia di Purim interpretata dal Gyor National Ballet di Ungheria.

La replica:

Il programma verrà replicato lunedì 27 febbraio alle ore 1 circa e lunedì 5 marzo alle ore 9,30 del mattino.


Domenica 29 gennaio

E’ tutta dedicata al Giorno della memoria la puntata di oggi di Sorgente di vita: si apre con la premiazione, il 27 gennaio al Quirinale, dei vincitori del concorso “I giovani ricordano la Shoah” promosso dal Ministero dell’Istruzione e dall’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane e giunto alla decima edizione. Si racconta poi il viaggio ad Auschwitz di 130 ragazzi di tante scuole italiane insieme al Ministro dell’Istruzione Francesco Profumo. Tra questi cinque studenti della scuola Cine TV “Roberto Rossellini” di Roma, una troupe in erba che ha ripreso i racconti dei testimoni, le emozioni dei compagni, i luoghi e le cerimonie di un’esperienza forte ma indimenticabile.
Segue la sofferta testimonianza di Alberto Mieli, arrestato a Roma e deportato ad Auschwitz: uno dei pochi sopravvissuti ai lager nazisti che ancora oggi incontra i ragazzi nelle scuole per raccontare la Shoah. Infine una scheda sulla Conferenza di Wannsee: il 20 gennaio del 1942 in una bella villa sul lago nei dintorni di Berlino 15 funzionari e ufficiali ai massimi livelli della gerarchia nazista si riunirono per programmare e coordinare con spietata risolutezza la soluzione finale, lo sterminio degli ebrei d’Europa.

La replica:

La puntata verrà replicata lunedì 30 gennaio alle ore 1,00 circa e lunedì 6 febbraio alle 9,30 del mattino.


Domenica 18 dicembre


Una notizia curiosa apre la puntata di Sorgente di vita di domenica 18 dicembre: si chiama Primolevi, tutto attaccato, come richiede l’anagrafe astronomica, è un pianetino distante 300 milioni di km dalla Terra ed è stato intitolato al grande scrittore torinese. L’iniziativa raccontata dall’astronomo Mario Di Martino, che ha proposto il nome di Primo Levi, ed un commento di Haim Baharier.
Il secondo servizio è dedicato agli ebrei di Corfù: dall’isola dei cedri a Trieste, le tradizioni, gli usi e i riti di tante famiglie fuggite in ondate successive dopo un pogrom alla fine dell’800. Fotografie, oggetti e documenti al Museo ebraico, con le testimonianze dei discendenti e le impressioni di chi ha conosciuto solo la Corfù di oggi. C’è un’etica ebraica nella politica? E’ questo l’interrogativo dell’annuale raduno delle comunità ebraiche che quest’anno si è svolto a Napoli. Rabbini, studiosi e politici impegnati su vari fronti si confrontano sui valori e sui principi che ispirano le scelte individuali e regolano i rapporti tra la comunità ebraica e la società di cui fa parte.
Infine cento scatti per cento primavere: passato e presente di Tel Aviv in una mostra fotografica al museo di Trastevere a Roma. Dagli scatti in bianco e nero di Avraham Soskin, primo fotografo della “collina della primavera” agli inizi del ‘900, alle più recenti immagini di Viviana Tagàr, l’anima di una città sempre in movimento.

La replica:

La puntata verrà replicata lunedì 19 dicembre alle ore 1,00 circa e lunedì 26 dicembre alle 9,30 del mattino.


Domenica 4 dicembre


Napoli dedica un impianto sportivo del quartiere Ponticelli a Giorgio Ascarelli, ebreo, mecenate dello sport, che fondò il Napoli Calcio nel 1926 e costruì lo stadio Partenopeo che poi prese il suo nome. La memoria di Ascarelli, personaggio molto amato ai suoi tempi, cancellata dal fascismo ancor prima delle leggi razziali, viene oggi di nuovo onorata dalla città. Se ne parla nel primo servizio della puntata di Sorgente di vita di domenica 4 dicembre che va in onda alle ore 1,20 circa su RAIDUE.
Il secondo servizio è dedicato alla pièce “Oh! Dio mio” dell’israeliana Anat Gov
in scena al teatro Vittoria di Roma: la psicologa Ella accetta di prendere in terapia un misterioso signor D. che dice di essere Dio: dialoghi brillanti, battute folgoranti e riferimenti biblici per uno spettacolo che invita a pensare sull’uomo, sul rapporto con Dio, sul potere e sul mondo.
Segue il premio letterario ADEI-WIZO allo scrittore israeliano Eshkol Nevo per il romanzo “La simmetria dei desideri”: i fondamenti dell’amicizia, la fedeltà, il cambiamento, il rapporto tra vita privata e vita pubblica nella società israeliana sono i temi toccati in un’intervista realizzata all’Accademia Navale di Livorno.
Infine un servizio da New York della corrispondente Giovanna Botteri: per la seconda volta dopo il film “La tregua” di Rosi l’attore John Turturro interpreta Primo Levi in una intervista-spettacolo realizzata al Museum of Jewish Heritage di New York: dall’internamento ad Auschwitz al lungo viaggio di ritorno attraverso l’Europa, al mestiere di chimico, la vita di Levi viene ripercorsa attraverso le domande di una giornalista del New Yorker.

La replica:

La puntata verrà replicata lunedì 5 dicembre alle ore 1,00 circa e lunedì 12 dicembre alle 9,30 del mattino.


Domenica 20 novembre

Il Pitigliani Kolno’a Festival apre la puntata di Sorgente di vita di domenica 20 novembre: tra tanti documentari, film e cortometraggi su Israele e l’ebraismo in questa sesta edizione l’attenzione è puntata sul cinema di animazione e sulla produzione dell’Accademia Bezalel, la fabbrica dei talenti artistici d’Israele.
Segue un servizio dedicato a Alessandro Fersen: dal teatro ebraico alla scuola di drammaturgia, dal Golem ai classici, dal cinema alla critica teatrale, nel centenario della nascita di Fersen ricostruiamo l’itinerario ininterrotto di un protagonista della cultura italiana del ‘900. L’amicizia con Emanuele Luzzati, la vita, il lavoro di Fersen attraverso i ricordi della figlia Ariela, di allievi e di collaboratori.
Viene poi la storia di Mosè Di Segni, ebreo, medico e partigiano, accolto e nascosto con la famiglia a San Severino Marche durante l’occupazione nazista. Seguendo il filo del suo diario figli e nipoti tornano nei luoghi della memoria e vengono riconosciuti come cittadini onorari.
Infine la mostra-evento “Sulla soglia” del fotografo milanese Silvio Wolf allestita al PAC, Padiglione di Arte Contemporanea di Milano. Porte, finestre e luoghi di passaggio per un itinerario attraverso la luce che si fa immagine.
Sorgente di vita va in onda domenica 20 novembre alle ore 1,20 circa su RAIDUE.

La replica:

La puntata verrà replicata lunedì 21 novembre alla stessa ora e lunedì 28 novembre alle 9,30 del mattino.


Domenica 6 novembre

La rivolta del popolo e la resistenza del dittatore, la sete di vendetta e il mancato processo, la violenza e la giustizia: dopo la caduta e la morte di Gheddafi alcuni interrogativi etici sulla fine di un tiranno, con le riflessioni del Rabbino Shalom Bahbout e del docente di psicologia David Meghnagi. E’ il servizio di apertura della puntata di Sorgente di vita che va in replica questa sera, lunedì 7 novembre. Segue il “Circus Klezmer”, in scena al teatro “Franco Parenti” di Milano. Con acrobati, musicisti, attori e giocolieri torna a vivere lo shtetl, il villaggio ebraico dell’Europa dell’est alle prese con la preparazione di un matrimonio. Gag, battute, storie e personaggi per una trama semplice e divertente che rispecchia una dimensione universale.
L’amicizia, l’amore, la diversità e l’integrazione: spassoso, irriverente, con la battuta sempre pronta lo scrittore inglese Howard Jacobson si racconta nel terzo pezzo della puntata. Dall’infanzia a Manchester al prestigioso Booker Prize del 2010, al suo ultimo romanzo “L’enigma di Finkler”, opera tragicomica ma anche riflessione sull’identità ebraica.
Infine l’antisemitismo, la storia del ghetto di Varsavia, la resistenza al nazismo, le persecuzioni durante il regime comunista, le aperture di Solidarnosc, fino alla rinascità delle comunità ebraiche in questi ultimi anni: la difficile situazione degli ebrei polacchi e il loro rapporto con la società circostante attraverso i film e il teatro del regista Andrej Wajda in una mostra al Palazzo Ducale di Genova.
Sorgente di vita va in onda domenica 6 novembre su RAIDUE alle ore 1,20 circa.

La replica:

La puntata verrà replicata questa sera, lunedì 7 novembre alla stessa ora e lunedì 14 novembre alle ore 9,30 del mattino.


Domenica 23 ottobre


L’apertura della puntata di Sorgente di vita questa sera è dedicata alla liberazione di Gilad Shalit, prigioniero per cinque anni di Hamas a Gaza e rilasciato in cambio di 1027 palestinesi detenuti nelle carceri israeliane: le prime immagini, l’incontro con i familiari e il ritorno a casa. Segue la storia di Amnon Weinstein, liutaio israeliano che colleziona e restaura violini appartenuti a musicisti scomparsi nella Shoa’. Nella sua bottega di Tel Aviv gli strumenti riprendono vita e tornano a suonare nelle mani di grandi musicisti. Si parla poi della nuova indagine sull’antisemitismo presentata alla Camera dei Deputati: dal pregiudizio antisemita all’antisionismo e al negazionismo il dossier, nato dalla sinergia di tutte le forze politiche, affronta un problema antico che si presenta sotto nuove forme e si diffonde soprattutto sul web.
Infine i disegni, le illustrazioni, gli oggetti, le fotografie del pazzo mondo di Maira Kalman, giornalista, illustratrice e disegnatrice nata a Tel Aviv, molto nota negli Stati Uniti. In una mostra al Jewish Museum di New York i personaggi, le scene e i quadretti di vita quotidiana che diventano spunti per le sue creazioni ricche di umorismo.
Sorgente di vita va in onda questa sera, domenica 23 ottobre alle ore 1,20 circa su RAIDUE.

La replica:

La puntata verrà replicata lunedì 24 ottobre alla stessa ora e lunedì 31 ottobre alle ore 9,30 del mattino.


Domenica 11 settembre

“Stavamo impazzendo sull’interpretazione di un brano del Talmud, e ci siamo trattenuti in sinagoga. Quei 15 minuti in più di studio ci hanno salvato la vita”.
Sono le prime battute del servizio di Sorgente di vita dedicato all’anniversario dell’11 settembre 2001 che va in onda nella puntata di questa sera su RAIDUE. Il panico dei primi momenti, le esplosioni, la paura, la cenere, le difficoltà dei giorni successivi attraverso le voci del rabbino e di alcuni frequentatori della sinagoga di Wall Street a Manhattan insieme alla testimonianza del rabbino militare Michael Goldstein, impegnato nei soccorsi, con una riflessione di Maurizio Molinari, corrispondente de “La Stampa” da New York.
Seguono le cronache da Siena, quest’anno città capofila per l’Italia della Giornata Europea della Cultura Ebraica sul tema “Ebraismo 2.0 : dal Talmud a Internet”. Le iniziative, le voci e i commenti sulla manifestazione giunta con successo alla XII edizione.
Infine un servizio dedicato al direttore d’orchestra israeliano Asher Fisch: alle Terme di Caracalla a Roma il maestro dirige la Tosca di Puccini e parla della sua carriera di musicista, di Gerusalemme, di Tel Aviv, del tabù nei riguardi di Wagner,compositore amato dai nazisti, e della musica come strumento di pace.  
Sorgente di vita va in onda questa sera, domenica 11 settembre alle ore 1,20 circa su RAIDUE.

La replica:

Il programma verrà replicato lunedì 12 settembre alla stessa ora circa e lunedì 19 settembre alle ore 7 del mattino.


Domenica 3 luglio


La puntata di questa sera apre con un servizio sul discutibile referendum promosso a San Francisco in California per vietare la circoncisione rituale ai bambini. L’iniziativa, dai toni razzisti e antisemiti, lede i diritti delle minoranze religiose, in particolare degli ebrei e dei mussulmani, e ha suscitato molte proteste nella società civile. Ne parlano Maurizio Molinari, corrispondente da New York de “La Stampa” e il medico circoncisiore Leone Nauri.
Paolo Ferrari legge i dieci comandamenti: ottavo, non rubare. Continua la serie dedicata al decalogo con la lettura del testo biblico e un commento affidato di volta in volta a voci diverse. Sull’ottavo comandamento intervengono il rabbino Benedetto Carucci Viterbi e il magistrato Gherardo Colombo.
Infine la storia di Marco Moscati, giovane ebreo romano che dopo l’8 settembre del 1943 si unì ai gruppi partigiani che agivano nei Castelli Romani. Dalla lotta contro i tedeschi alla tragica fine alle Fosse Ardeatine, il coraggio, l’amicizia, e le azioni di un ragazzo come tanti nel ricordo dei suoi compagni e dei suoi familiari.
Sorgente di vita va in onda domenica 3 luglio alle ore 1,20 circa su RAIDUE.

La replica:

La puntata sarà replicata lunedì 4 luglio alla stessa ora circa e lunedì 11 luglio alle 7 del mattino.

Domenica 19 giugno


Nella puntata di Sorgente di vita di domenica 19 giugno continua il ciclo dedicato al decalogo con l’attore Paolo Ferrari che legge i Dieci Comandamenti e un commento di rabbini e voci autorevoli che cambiano di volta in volta. Sul settimo, non commettere adulterio intervengono il rabbino Alfonso Arbib e la giornalista Natalia Aspesi.
Si parla poi di “Unexpected Israel” la manifestazione che si è svolta a Milano in un clima di proteste e di polemiche. Incontri, mostre, spettacoli per presentare il meglio di Israele in agricoltura, nell’industria, nei nuovi media, nella sicurezza, nella cultura. Una risposta ai pregiudizi nei confronti di Israele, alle idee preconcette che spesso portano a una condanna acritica e violenta dello Stato ebraico come spiega Pierluigi Battista, editorialista del Corriere della Sera,
Segue la grande festa al Piazzo, la parte alta di Biella, per il restauro della piccola sinagoga nascosta tra le case del quartiere dove gli ebrei vissero fin dal ‘500. Rabbini, autorità, cittadini comuni hanno partecipato alla preghiera insieme agli ebrei biellesi. E poi un convegno e un concerto per ricordare la storia di questa antica comunità di poche famiglie dedite prevalentemente al commercio di tessuti.
Infine, 60 anni dopo il processo ad Adolf Eichmann, Berlino ripercorre la vicenda del criminale nazista, teorizzatore e responsabile della soluzione finale degli ebrei. Una mostra e un convegno nel nuovo museo “Topographie des Terrors”, sorto proprio dove Eichmann aveva i suoi uffici, per offrire alle nuove generazioni una lettura critica del processo che si tenne a Gerusalemme e che segnò profondamente la riflessione sulla storia e sulla memoria della Shoà.

La replica:

Sorgente di vita va in onda domenica 19 giugno alle ore 1,20 circa su RAIDUE .

La puntata sarà replicata lunedì 20 giugno alla stessa ora e lunedì 27 luglio alle 7 del mattino.


Domenica 6 giugno


Il 5 giugno 1967 aveva inizio la Guerra dei sei giorni tra Israele e i Paesi Arabi confinanti: è il tema di apertura della puntata di Sorgente di vita di questa sera. In pochi giorni lo Stato ebraico si trovò a occupare la Cisgiordania, le alture del Golan, il Sinai, la striscia di Gaza e la città vecchia di Gerusalemme. E’ possibile un ritorno di Israele ai confini di prima del ’67 ? Gerusalemme, oggi capitale dello Stato ebraico, può essere nuovamente divisa? Dopo le dichiarazioni del Presidente USA Barak Obama il commento del giornalista Peppino Caldarola su questi ed altri interrogativi.
Continua poi il ciclo dedicato al decalogo: Paolo Ferrari legge i dieci comandamenti. Sul sesto, non uccidere, una riflessione a due voci del rabbino Roberto Colombo e del magistrato Gherardo Colombo.
Segue un servizio sul nuovo Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah che nascerà a Ferrara: al Palazzo dei Diamanti sono stati esposti oltre 50 progetti scelti tra i tanti che hanno partecipato al concorso. Nel progetto architettonico dei vincitori il vecchio edificio del carcere di Via Piangipane verrà trasformato in un moderno allestimento con l’idea di un museo che va oltre la memoria, luogo di cultura ma anche spazio aperto al dialogo con la città e le nuove generazioni, anche attraverso nuovi linguaggi visivi e moderne tecnologie.
Infine Mosè alla maniera di Poussin: un vero e proprio ciclo sulla vita di Mosè ritratto dal pittore francese del XVII secolo. Quaranta opere tra quadri a olio, disegni, incisioni e arazzi nella mostra “Poussin e Mosè”. Dal dipinto all’arazzo” all’Accademia di Francia di Roma a Villa Medici.

La replica:

La puntata sarà replicata lunedì 6 giugno alla stessa ora e lunedì 13 giugno alle 9,30 del mattino.


Domenica 22 maggio


La puntata di Sorgente di Vita di stasera si apre con il viaggio del Capo dello Stato Giorgio Napolitano in Israele. A partire dagli incontri con Peres e Abu Mazen, un’agenda, quella del Presidente, ricca di appuntamenti politici e culturali. Durante la sua visita alla comunità degli ebrei italiani di Gerusalemme, Napolitano ha sottolineato i legami ideali tra Risorgimento e Sionismo, tra Mazzini e Teodoro Herzl.
Un altro servizio è dedicato alla notte bianca di Ferrara, in occasione della festa del libro ebraico: musica, mostre, incontri, gastronomia, e una libreria a cielo aperto nella splendida cornice del Chiostro di San Paolo. Durante la manifestazione sono stati inoltre presentati i progetti per il Museo nazionale dell’ebraismo italiano e della Shoah che sta per nascere nella città estense.
La puntata prosegue con il “viaggio” di Sorgente di Vita di scoperta e approfondimento dei comandamenti biblici: in questo numero, Paolo Ferrari legge il quinto, “Onora tuo padre e tua madre”. Con una riflessione del rabbino Capo di Milano Alfonso Arbib e della psicologa Anna Oliverio Ferraris dell’Università La Sapienza di Roma su una tematica di scottante attualità.
Infine, Mosh Ben Ari in concerto a Roma. La star della musica israeliana, per la prima volta in Italia, si è esibita alla Casa dell’Architettura in occasione della Notte dei Musei: canzoni dalle sonorità reggae, soul, spirit e world music, dedicate alla pace, alla fratellanza e all’impegno ecologista.

La replica:

La puntata sarà replicata lunedì 23 maggio alle ore 1,20 circa e lunedì 30 maggio alle 9,30 del mattino.


Domenica 8 maggio


Nella puntata di Sorgente di vita di questa sera continua la serie dedicata al decalogo, con la lettura del testo biblico affidata all’attore Paolo Ferrari e il commento a più voci che varia di volta in volta. Sul IV comandamento, “Ricorda di rispettare il sabato” intervengono il rabbino Benedetto Carucci Viterbi e Fausto Bertinotti.
Segue un servizio su “Lo stesso mare”, l’opera lirica composta dal maestro Fabio Vacchi, tratta dal romanzo dello scrittore israeliano Amos Oz, presentata in prima mondiale al Petruzzelli di Bari. Una storia senza trama fatta di emozioni, legami familiari, amore e morte in una grande opera contemporanea che ha sullo sfondo il mare.
Un altro servizio è dedicato a “Arab Labor”, una fiction israeliana che affronta con leggerezza e ironia il difficile  tema della convivenza tra ebrei e arabi: è un grande successo televisivo in Israele dove va in onda in prima serata. Il protagonista è un
giornalista arabo-israeliano interpretato dall’attore Norman Issa.
Infine i luoghi, la storia, i libri di Angelo Fortunato Formiggini, editore modenese che con la sua collana “I classici del ridere” all’inizio del ‘ 900 creò una piccola enciclopedia dell’umorismo. Goliardo e intellettuale, ebreo borghese, fascista della prima ora che si sentì tradito dal regime, con le Leggi Razziali del ’38, e mise fine alla propria vita gettandosi dalla Ghirlandina.

La replica:

Sorgente di vita va in replica questa sera, lunedì 9 maggio su RAIDUE alle ore 1,30 circa. Verrà replicata lunedì 16 maggio alle 9,30 del mattino. I servizi di Sorgente di vita sono anche on line.


Domenica 24 aprile


La puntata di Sorgente di vita di oggi, domenica 24 aprile, va eccezionalmente in onda alle 0,40: in apertura le riflessioni di alcuni ebrei romani, raccolte alla vigilia di Pesach, difronte alle immagini degli sbarchi a Lampedusa e dell’esodo di massa dalle coste africane verso l’Europa. Segue un lungo servizio sulla personale Resistenza di Gino Bartali, il campione di ciclismo, durante la Seconda guerra mondiale, attraverso il racconto del figlio Andrea e di alcuni testimoni. Oltre il mito sportivo, un ritratto diverso di Ginettaccio che, macinando chilometri in bicicletta sulle strade dell’Umbria, della Toscana e della Liguria, trasportava documenti falsi per aiutare rifugiati politici, partigiani ed ebrei nascosti per sfuggire ai nazisti.
“Non pronunciare invano il nome dell’Eterno Dio tuo”: continua la serie di servizi dedicata ai Dieci comandamenti con la lettura del testo biblico affidata all’attore Paolo Ferrari e il commento a più voci che varia di volta in volta. Sul terzo intervengono il rabbino Benedetto Carucci Viterbi e lo scrittore Erri De Luca.
Infine un servizio sul grafic novel dello scrittore triestino Walter Chendi: la storia di Trieste, il porto verso la libertà per i profughi ebrei in fuga dai pogrom dell’Europa dell’Est e poi dalle persecuzioni naziste. Una storia a fumetti della “Porta di Sion”, così chiamata per le navi che partivano alla volta della Palestina prima della nascita dello Stato d’Israele. Sorgente di vita va in onda domenica 24 aprile alle ore 0,40 su Raidue.

La replica:

La puntata verrà replicata lunedì 25 aprile alle ore 1,20 circa e lunedì 2 maggio alle 9,30 del mattino.


Domenica 10 aprile


Manager, impiegati e professionisti che si incontrano ogni giorno sul treno per Manhattan: sono i pendolari del Talmud, ebrei newyorkesi che invece di dormire o leggere il giornale, aprono un volume del Talmud e studiano insieme. Da Inwood fino alla Penn station, sotto la guida del rabbino Pesach Lerner, pendolare come loro, cinquanta minuti di lezione in una carrozza ferroviaria, sempre la stessa, adibita ad aula scolastica. E’ il servizio di apertura della puntata di Sorgente di vita di questa sera che prosegue con Erri De Luca, scrittore prolifico e appassionato conoscitore della Bibbia che presta la penna alla figura di Mosè, protagonista del suo ultimo libro “E disse”. Ne viene fuori un Mosè adulto e poco eroico, stanco, appena sceso dal monte Sinai. Un racconto che si snoda lungo il filo dei dieci comandamenti nella solitudine di un uomo, profeta e primo alpinista.
Segue un‘intervista a Shel Shapiro: sotto i riflettori da oltre cinquant’anni, leader del gruppo dei Rokes, volto e voce assai noti ancora oggi, racconta la sua vita, la sua famiglia di origine russa, l’originale rapporto con la sua identità ebraica, e l’attenzione al mondo dei giovani e della musica.
Infine la legge in discussione al Parlamento sul cosiddetto testamento biologico: alla luce della tradizione ebraica una riflessione di Riccardo Di Segni, rabbino capo di Roma e medico.
Sorgente di vita va in onda domenica 10 aprile alle ore 1,20 circa su RAIDUE.

La replica:

La puntata sarà replicata lunedì 11 aprile alla stessa ora e lunedì 18 aprile alle ore 9,30 del mattino.


Domenica 27 marzo


La puntata di Sorgente di vita di questa sera apre con un servizio dedicato al contributo degli ebrei al Risorgimento e all’Unità d’Italia attraverso la storia di Enrico Guastalla, che si unì a Garibaldi da giovane volontario e combattè in tutte le campagne del generale. Dalla difesa della Repubblica Romana sul Gianicolo, alla spedizione dei Mille, fu ufficiale valoroso e svolse anche un ruolo diplomatico di mediazione tra Mazzini e Garibaldi. Fu infine deputato nel Parlamento del neonato Regno d’Italia.
La seconda parte della puntata è invece tutta dedicata alle Fosse Ardeatine. Giovani, vecchi, militari, partigiani, ebrei, cattolici: era rappresentata l’Italia intera fra le vittime della strage, uno dei momenti più drammatici degli otto lunghi mesi dell’occupazione tedesca di Roma. Il 24 marzo 1944 presso le cave sulla via Ardeatina 335 persone, furono trucidate dai nazisti come atto di rappresaglia dopo l’attentato partigiano di Via Rasella. La vicenda viene raccontata da un filmato realizzato dall’ANFIM nel 1992.
Domenica 27 marzo Sorgente di vita va in onda eccezionalmente alle ore 0,50 circa su RAIDUE.

La replica:

La puntata verrà replicata lunedì 28 alle ore 1,20 e lunedì 4 aprile alle 9,30 del mattino.


Domenica 13 marzo su Raidue alle ore 1,20


Le memorie, le emozioni e le suggestioni di alcuni ebrei fuggiti dalla Libia nel ’67 di fronte alle vicende di oggi nel primo servizio della puntata di Sorgente di vita di domenica 13 marzo.
“Non avrai altre divinità al mio cospetto…”: con il secondo dei Dieci Comandamenti continua la serie di servizi dedicata al decalogo, con la lettura del testo biblico affidata all’attore Paolo Ferrari, e il commento a più voci che varia di volta in volta.
Sul secondo comandamento intervengono lo studioso Haim Baharier e il professor Stefano Zecchi.
Segue la grande festa nella sinagoga di Via Guastalla a Milano in occasione del ritorno degli argenti del tempio rubati a febbraio e recuperati prontamente a Gerusalemme dopo indagini internazionali svolte di concerto tra autorità italiane e israeliane.
Infine un concerto al teatro Verdi di Monte San Savino dedicato alla poesia ebraica: animatore dell’evento un originale musicista cantautore, Piero Nissim, con una storia di famiglia sullo sfondo della Toscana.
Sorgente di vita va in onda domenica 13 marzo alle ore 1,20 circa su Raidue.

La replica:

La puntata verrà replicata lunedì 14 marzo alla stessa ora e lunedì 21 marzo alle 9,30 del mattino.


Domenica 13 febbraio su Raidue alle ore 1,20


La puntata di Sorgente di vita di questa sera apre con un servizio sull’Egitto: le dimissioni di Mubarak, l’incertezza della situazione, le preoccupazioni di Israele sul rispetto del trattato di pace, gli scenari possibili: ne parlano Stefano Silvestri, Presidente dell’Istituto Affari Internazionali e Menachem Gantz, corrispondente dall’Italia del quotidiano israeliano Yedioth Aharonot.
Si parla poi di tesori dell’arte che riaffiorano dal sottosuolo di Berlino: durante gli scavi di un cantiere della metropolitana sono tornate alla luce pregiate sculture di artisti ebrei e non ebrei, considerate “arte degenerata” dal nazismo. E poi la storia di una biblioteca di libri proibiti, offerti clandestinamente in lettura durante il regime, rimasta intatta fino ad oggi nella cantina di una libreria.
Segue un servizio dedicato a Marc Chagall in occasione della mostra “Il mondo sottosopra” all’Auditorium dell’Ara Pacis di Roma: messaggeri divini, rabbini, contadini, asini e mucche che volano, cielo e terra, sogno e realtà che si intrecciano con la vita quotidiana nelle opere del pittore, dalla rivoluzione russa al “messaggio biblico”.
Infine la storia della retata del Velodromo d’inverno nel film francese “Vento di primavera” in questi giorni nelle sale. Attraverso gli occhi di un bambino la tragedia di migliaia di ebrei catturati e internati a Parigi prima di essere deportati ad Auschwitz.
Sorgente di vita va in onda domenica 13 febbraio alle ore 1,20 circa su RAIDUE.

La replica:

La puntata sarà replicata lunedì 14 alla stessa ora e lunedì 21 febbraio alle ore 9,30 del mattino.


Domenica 30 gennaio su Raidue alle ore 1,20


La puntata di Sorgente di vita di domenica 30 gennaio apre sulle iniziative del Giorno della Memoria: il 27 gennaio sono stati premiati al Quirinale dal Presidente Napolitano i vincitori del concorso “I giovani ricordano la Shoah”. In viaggio premio a Roma i ragazzi di un liceo scientifico di Torino, gli studenti di una scuola media di Casale Monferrato e i bambini di una scuola elementare di Bari. Questi ultimi hanno raccontato con i loro disegni e un cartone animato, la storia di Franco Schoenheit, deportato da Ferrara e sopravvissuto alla Shoah, e a Roma lo hanno incontrato in un momento di forte emozione per tutti.
A seguire un servizio sul progetto “Pietre d’inciampo”, le piccole targhe di ottone poste davanti alle case di alcuni deportati. I ragazzi di una scuola di Sezze ricostruiscono la storia di Margherita Bondì, nata nel loro paese, deportata da Roma ad Auschwitz con la figlia e mai più ritornata, in un percorso didattico fatto di emozioni e di ricerca storica.
Segue un omaggio a Tullia Zevi, a pochi giorni dalla scomparsa. In un’intervista del 2006 la “signora” dell’ebraismo italiano racconta la sua lunga e intensa vita, dall’infanzia a Milano sotto il fascismo all’esilio negli Stati Uniti, al ritorno in Italia. La carriera di giornalista, la presidenza dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane, l’impegno nella società, per il dialogo e la convivenza civile.
Poi “Storia di famiglie”, lo spot televisivo che da’ il via alla campagna nazionale di raccolta di materiali sulla Shoah da destinare al Centro di Documentazione Ebraica Contemporanea di Milano e ai musei in via di realizzazione a Roma e a Ferrara. Tra i testimonial Piero Angela, che racconta a Sorgente di vita i suoi ricordi di quel periodo.
Infine la firma a palazzo Chigi del Protocollo d’intesa per il “Progetto Talmud”: verrà tradotto in italiano il corpus di interpretazioni e commenti rabbinici, fondamento della cultura e della tradizione ebraica.

La replica:

La puntata sarà replicata lunedì 31 gennaio alla stessa ora e lunedì 7 febbraio alle 9,30 sempre su Raidue.


Domenica 16 gennaio su Raidue alle ore 1,20


Sorgente di vita di domenica 16 gennaio apre con la storia di Arminio Wachsberger, fiumano, arrestato a Roma durante la razzia del 16 ottobre 1943 e deportato ad Auschwitz, dove diventa interprete di Mengele, il medico degli esperimenti su cavie umane. Unico sopravvissuto della famiglia, dopo la liberazione ricostruisce a Milano la propria esistenza: oggi le figlie raccolgono il testimone della sua memoria.
Si parla poi di Tu-bishvat, il capodanno degli alberi: rav Benedetto Carucci Viterbi spiega il significato della festa e il rapporto dell’uomo con la natura.
Segue un servizio su “A film unfinished”, il documentario di una regista israeliana, realizzato in collaborazione con lo Yad Vashem di Gerusalemme, che smaschera la mistificazione della realtà di un film di propaganda nazista sul ghetto di Varsavia.
Infine un concerto della Esquilino Young Orchestra a Piazza Vittorio a Roma: ragazzi italiani e stranieri, spesso con problemi e difficoltà, in un percorso di formazione e di integrazione attraverso la musica e il teatro con la guida artistica di Moni Ovadia.
Sorgente di vita va in onda domenica 16 gennaio alle 1,20 circa su RAIDUE.

La replica:

La puntata sarà replicata lunedì 17 gennaio alla stessa ora e lunedì 24 gennaio alle 9,30 del mattino.


Domenica 2 gennaio su Raidue alle ore 1,20


Cento anni fa a Degania, vicino al Lago di Tiberiade, nasceva il kibbutz: dodici ragazzi fuggiti dai pogrom dello zar si trasformarono in agricoltori di una fattoria collettiva, una comune socialista dove non esisteva la proprietà privata. La troupe di Sorgente di vita è andata a Degania e ha incontrato i “chaverim “ di oggi. Dalla Galilea il viaggio nel mondo del kibbutz prosegue a Ruhama, ai margini del deserto del Negev, con Corrado Israel Debenedetti, per capire le trasformazioni e i cambiamenti di una struttura simbolo della società d’Israele, dal sogno di ieri alla realtà di oggi. Con questo piccolo reportage dal kibbutz apre la puntata di Sorgente di vita di domenica 2 gennaio.
Segue un’intervista con il Presidente Renzo Gattegna su alcuni dei temi che impegneranno il nuovo Consiglio dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane: la costruzione di un ebraismo aperto e dialogante con le istituzioni e la società, l’impegno per i giovani, le strategie per riavvicinare gli ebrei lontani dalle comunità.
Infine un servizio dedicato ai luoghi della memoria che prende spunto dal libro di immagini e racconti “Parole chiare”, realizzato dal Dipartimento Informazione e Relazioni Esterne dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane. Ne parlano Eraldo Affinati, uno dei 7 scrittori del libro e Luigi Baldelli, autore delle fotografie: da Fossoli di Carpi ad Agnone in Molise, dalla Risiera di San Sabba a Ferramonti di Tarsia, immagini e riflessioni sui campi di internamento, di prigionia e di morte spesso dimenticati e sconosciuti, tra storia di ieri e suggestioni di oggi.
Sorgente di vita va in onda domenica 2 gennaio alle ore 1,20 circa, su Raidue.

La replica:

La puntata verrà replicata lunedì 3 gennaio alla stessa ora e lunedì 10 gennaio alle 9,30 del mattino.


Domenica 19 dicembre su Raidue alle ore 1,20


Sorgente di vita di domenica 19 dicembre apre con un servizio dedicato al VI Congresso dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane, con una breve illustrazione delle risoluzioni più importanti, dalla riforma dello Statuto al ruolo dei rabbini, dall’impegno per la cultura alle politiche giovanili attraverso le voci di alcuni protagonisti.
Segue un pezzo sulla vita, il mondo e le opere di Carlo Michelstaedter, filosofo, poeta, scrittore nato a Gorizia e morto suicida a soli 23 anni. L’intensa, “fiammeggiante” esistenza di uno studente di 100 anni fa, raccontata dal Professor Sergio Campailla, curatore delle sue opere, attraverso foto, manoscritti e documenti tratti dagli archivi goriziani.
Si parla poi di un centro per accogliere e aiutare bambini disabili, ebrei, arabi e beduini provenienti da tutti i villaggi della zona inaugurato a Beersheva, città nel sud di Israele. E’ una nuova sede di “Tsad Kadimah”, che in ebraico vuol dire “Un passo avanti”, un’organizzazione di assistenza per giovani in difficoltà.
Infine un concerto del sassofonista Gabriele Coen all’Auditorium di Roma: dalle ricerche sul klezmer, la musica tradizionale dell’Europa dell’Est, all’incontro con il jazz e con il noto musicista americano John Zorn con il quale Coen ha prodotto un nuovo album.
Sorgente di vita va in onda domenica 19 dicembre alle ore 1,20 circa su Raidue.

La replica:

La puntata verrà replicata lunedì 20 dicembre alla stessa ora e lunedì 27 dicembre alle ore 9,30 del mattino.


Domenica 5 dicembre su Raidue alle ore 1,20


La puntata di Sorgente di vita di domenica 5 dicembre apre con una scheda dedicata al VI congresso dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane, una breve presentazione dei temi dell’assemblea e un augurio del Presidente Renzo Gattegna.
Si raccontano poi la moda, il glamour gli affari di Giuliana Coen, in arte Roberta di Camerino, scomparsa pochi mesi fa, attraverso i ricordi della figlia. Dall’esilio in Svizzera a causa delle Leggi Razziali, al laboratorio di Venezia con i primi prodotti artigianali fino alle collezioni di alta moda di abiti e accessori di grande eleganza.
Segue un servizio sul Talmud, l’imponente corpus dei commenti rabbinici, base dello studio e del pensiero ebraico. Dal rogo del 1553 a Campo de’ Fiori alla traduzione in italiano, il rav Adin Steinsaltz illustra il suo progetto, dopo aver curato le edizioni in ebraico moderno e in altre lingue.
Infine la festa di Hanukkah, l’uso e il significato dell’olio con una riflessione del rav Benedetto Carucci Viterbi.
Sorgente di vita va in onda domenica 5 dicembre alle ore 1,20 circa su Raidue.

La replica:

La puntata verrà replicata lunedì 6 dicembre alla stessa ora con le immagini della visita del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano al Congresso dell’Unione.
Sarà di nuovo in replica lunedì 13 dicembre alle ore 9,30 del mattino.


Domenica 21 novembre su Raidue alle ore 1,20


Sorgente di vita di domenica 21 novembre 2010 apre con uno spettacolo particolare: sul palcoscenico attori sordi, ciechi e disabili in una performance di voci, suoni, profumi e sapori che coinvolge e commuove il pubblico in un teatro al porto antico di Giaffa, a nord di Tel Aviv.
Si parla poi del caso del Museo Storico della Liberazione di Roma, che rischia la chiusura per mancanza di fondi, con la denuncia del Presidente Antonio Parisella. Sede del comando della polizia nazista durante l’occupazione tedesca, centro di detenzione e tortura per partigiani, ebrei, militari e antifascisti il museo di via Tasso è uno dei luoghi della memoria più importanti di Roma.
Un servizio è dedicato alle curiosità, alla storia, ai miti e alle leggende sul pane nelle varie culture e religioni: dal nuovo libro dello scrittore croato Predrag Matvejevic tanti spunti per approfondire il tema del pane nella tradizione ebraica insieme al rabbino Benedetto Carucci Viterbi.
Infine il concerto per Itzhak Rabin, il premier israeliano assassinato nel 1995, che ha aperto la stagione dell’Istituzione Universitaria dei Concerti. A Roma hanno suonato la Israel Camerata Orchestra diretta dal maestro Avner Biron e il giovane pianista Roman Rabinovich.

La replica:

La puntata verrà replicata lunedì 22 novembre alla stessa ora e lunedì 29 novembre alle 9,30 del mattino.


Domenica 7 novembre su Raidue alle ore 1,20


Scacco matto all’Iran: il trentenne israeliano Alik Gershon strappa a un iraniano il primato di partite simultanee giocate e vinte: il record è stato raggiunto a Tel Aviv, dove Alik ha sfidato 523 persone contemporaneamente, correndo da un tavolo all’altro per giocare le sue mosse. E’ il servizio di apertura della puntata di Sorgente di vita che va in onda questa sera.
Si parla poi delle lenticchie: protagoniste del noto episodio della Genesi nel quale Esau’ cedette la primogenitura al fratello Isacco, usi, significati e curiosità del più antico legume che la storia ricordi, dal racconto biblico all’altopiano umbro di Castelluccio.
Dopo le polemiche sulla fiction “Sotto il cielo di Roma” l’analisi della storica Anna Foa sulla discutibile ricostruzione storica dell’operato del papa Pio XII durante il periodo dell’occupazione tedesca e della razzia del ghetto da parte dei nazisti il 16 ottobre ’43.
Infine un servizio dedicato alla produzione cinematografica e televisiva israeliana presentata al Pitigliani Kolno’a Festival: gli autori presenti parlano della fiction sui gruppi di ebrei osservanti e della serie sui soldati reduci dalla prigionia in Siria.
Interessanti le immagini girate amatorialmente da Itzhak Rabin.

La replica:

Sorgente di vita va in onda questa sera alle 1,20 su RAIDUE e in replica lunedì 15 novembre alle ore 9,30 del mattino.


Domenica 24 ottobre su Raidue alle ore 1,20

La kippà, zucchetto, papalina o copricapo, indossata dagli ebrei maschi soprattutto nei momenti di studio e di preghiera è arrivata nei giorni scorsi alla ribalta della cronaca. Nel primo servizio della puntata di Sorgente di vita di domenica 24 ottobre il rabbino Roberto Colombo ne spiega l’uso e il significato.
Un altro servizio è dedicato alla storia di un gruppo di amici torinesi, ragazzi normali, compagni di università, uniti dalla passione per la montagna, al centro della mostra “A noi fu dato in sorte questo tempo” allestita al Quirinale. Foto, filmati e documenti raccontano le giovani vite segnate dalle leggi razziste del 1938 e da un diverso destino per ognuno di loro.
Seguono le immagini del fotografo israeliano Adi Nes: vagabondi, senzatetto, persone ai margini della società, soldati, tutti in posa davanti all’obbiettivo in 17 foto di grande formato che prendono ispirazione da episodi biblici e dai grandi maestri della pittura.
Infine un’intervista al Rabbino David Rosen, da molti anni impegnato nel dialogo ebraico cristiano, intervenuto al sinodo dei vescovi che si è tenuto a Roma dal 10 al 24 ottobre.
Sorgente di vita va in onda domenica 24 ottobre alle ore 1,20 circa su RAIDUE.

La replica:

La puntata sarà replicata lunedì 25 ottobre alla stessa ora e lunedì 1 novembre alle 9,30 del mattino.


Domenica 10 ottobre su Raidue alle ore 1,20


La puntata di Sorgente di vita di domenica 10 ottobre apre con la storia di Lazzaro Anticoli , detto “Bucefalo, il pugilatore”, un ebreo romano morto nella strage delle Fosse Ardeatine, ricostruita attraverso la testimonianza della nipote e proposta in uno spettacolo di Alessio De Caprio proprio nei giorni in cui è uscita la notizia che Erich Priebke, ex ufficiale nazista, condannato all’ergastolo per quell’eccidio, è libero di andare in giro per Roma per “indispensabili esigenze di vita”.
Segue un servizio sulla “terra del latte e del miele”, per definizione la terra di Israele, nella sua accezione di terra promessa, fertile, e prospera. Dalla Bibbia alla Sicilia le antiche tradizioni della produzione e della raccolta del latte e del miele raccontate da un apicoltore e interpretate dal Rabbino Benedetto Carucci Viterbi.
Un altro servizio è dedicato a Sabbioneta che nel ‘500 fu la capitale di un piccolo ducato nel Mantovano, voluta e progettata da Vespasiano Gonzaga come “città ideale” , secondo i canoni del Rinascimento: tra i palazzi e le gallerie, i giardini e le piazze, la piccola sinagoga, oggi restaurata, la storia degli ebrei protetti dal duca che qui vissero per secoli in armonia.
Infine “Bejachad” – insieme – il festival di cultura ebraica che si è tenuto ad Abbazia, città croata sul golfo del Quarnaro. Un’occasione di scambio con le comunità ebraiche italiane in un luogo che fu meta di villeggiatura per patrizi e borghesi delle capitali dell’Impero austroungarico, uno stimolo per gli ebrei croati alla ricerca di una nuova identità e di una rinascita dopo le tragedie del ‘900.

La replica:

La puntata sarà replicata lunedì 11 ottobre alla stessa ora e lunedì 18 ottobre alle 9,30 del mattino.


Domenica 26 settembre su Raidue alle ore 1,20


La puntata di Sorgente di vita di domenica 26 settembre apre con un servizio sui 140 anni della Breccia di Porta Pia: il 20 settembre del 1870 i bersaglieri del generale Cadorna entravano a Roma. Finiva il potere temporale dei papi e l’Italia conquistava la sua capitale: per gli ebrei romani si aprivano le porte del ghetto e si chiudeva una storia secolare di segregazione e di vessazioni. Fatti e curiosità raccontati dalla storica Anna Foa e dallo scrittore Claudio Rendina.
Segue la storia del famoso Trio Lescano, regine dello swing e della radio negli anni ‘30, osannate dal pubblico e apprezzate dai gerarchi: alla vigilia della fiction di RAI UNO raccontiamo la singolare vicenda delle tre sorelle olandesi, arrivate in Italia nel 1935, tre anni prima delle Leggi Razziali, insieme alla mamma ebrea. La troupe di Sorgente di vita ha incontrato gli attori e il regista sul set, e ne ha ricostruito la vera storia insieme allo scrittore Gabriele Eskenazi.
Un altro servizio è dedicato alla raccolta dei cedri per la festa delle capanne a Santa Maria del Cedro, in un angolo suggestivo della Calabria. Da secoli ebrei osservanti e rabbini vengono qui ogni anno da tutto il mondo per scegliere i frutti uno per uno, belli, profumati e perfetti. Il rabbino Moshè Lazar di Milano ne spiega la simbologia e i significati.
L’ultimo pezzo è un’intervista a Nathan Sharanski, ex dissidente sovietico, matematico, scacchista, scrittore, più volte ministro in Israele che è stato in visita a Roma nella sua nuova vesta di Presidente dell’Agenzia Ebraica per Israele. Racconta il suo impegno, ieri e oggi, per la libertà e i diritti degli ebrei nel mondo e per un’identità ebraica più completa e più profonda.
Sorgente di vita va in onda domenica 26 settembre alle ore 1,20 circa su RAIDUE .

La replica:

La puntata sarà replicata lunedì 27 settembre alla stessa ora e lunedì 4 ottobre alle ore 9,30 del mattino.


Domenica 12 settembre su Raidue alle ore 1,20


La puntata di Sorgente di Vita di domenica 12 settembre apre con il suono dello “shofàr”, il tradizionale corno di montone che invita alla riflessione in occasione di Rosh Hashanà, il capodanno ebraico: si conta il 5771 dalla creazione del mondo. Il rabbino Benedetto Carucci Viterbi propone un’interpretazione sul tema del ricordo e della dimenticanza.
Il resto della puntata è dedicato alla Giornata Europea della Cultura Ebraica:
l’inno di Mameli suonato dalla fanfara dell’Accademia Navale nella sinagoga dà il via alle manifestazioni della giornata a Livorno, città capofila. Visite guidate, cori liturgici, tessuti e libri restaurati nel piccolo museo. E in omaggio al tema di quest’anno, “Arte e ebraismo”, opere di Amedeo Modigliani, Ulvi Liegi e Marc Chagall in mostra in varie gallerie della città
Alla Biblioteca Casanatense di Roma vengono esposti rari e preziosi esemplari di libri ebraici: Talmud, rotoli di Ester, libri di preghiere, opere proibite dall’Inquisizione, salvate dai roghi, custodite e restaurate come patrimonio universale. Un viaggio nel passato anche nel Museo della comunità ebraica di Roma, attraverso oggetti rituali, argenti e tessuti preziosi.
Infine nozze d’argento e un matrimonio aperti al pubblico in occasione della Giornata: al Tempio Maggiore di Roma le emozioni dei protagonisti e le curiosità dei visitatori difronte a un rito diverso dal solito.

La replica:

La puntata sarà in replica lunedì 13 settembre sempre su Raidue alla stessa ora e lunedì 20 settembre alle ore 9,30 del mattino


Domenica 29 agosto su Raidue alle ore 1,20


Un itinerario tra arte, storia e cultura a Livorno, che il 5 settembre sarà città capofila per l’Italia della Giornata Europea della Cultura Ebraica, è il servizio di apertura della puntata di Sorgente di vita di domenica 29 agosto. Segue una visita nella scuola di restauro che ha sede in un antico eremo sulle colline di Botticino vicino a Brescia: nel laboratorio dei tessuti antichi riprendono forma e colore gli arredi tessili provenienti dalla sinagoga e dal museo ebraico di Livorno.
Chiude la puntata un servizio sulla vita di Antonietta Raphael, artista ebrea di origine lituana, moglie di Mario Mafai, pittore della Scuola Romana, ricostruita attraverso le sculture e i dipinti in mostra a Roma a Villa Torlonia: il nonno rabbino, la nonna al bagno rituale, il venerdì sera in casa Mafai, aspetti inediti di una vicenda artistica e familiare raccontata dalle figlie Giulia e Miriam.

La replica:

La puntata verrà replicata lunedi’ 30 agosto alle ore 1.20 circa sempre su Raidue e lunedì 6 settembre alle 7 del mattino.


Domenica 15 agosto su Raidue alle ore 1,20


La singolare storia di Yuri Foreman, pugile e ‘quasi’ rabbino, apre la puntata di Sorgente di vita di domenica 15 agosto. Campione del mondo dei superwelter, nato in Bielorussia, emigrato in Israele e approdato a New York nel mondo della boxe, Foreman si racconta tra gli allenamenti in palestra e la lezione in yeshivà, dove studia da tre anni per diventare rabbino.
Segue l’ultima intervista di Mayer Kirshenblatt, il pittore che dipingeva a memoria il mondo della sua infanzia, lasciato nel 1934 per emigrare in Canada con la famiglia: la preghiera, il lavoro, i personaggi, le gioie e i dolori della vita quotidiana nella cittadina polacca di Opatow, descritta fin nei minimi dettagli, fissati per sempre nei ricordi di bambino.
Infine lo spettacolo “Stones”: sei mimi-attori israeliani portano in scena a Torino il monumento alle vittime della Shoah e ai resistenti del ghetto, posto dove sorgeva il ghetto di Varsavia. Le statue si animano sulla scena in una performance ricca di emozioni.
Sorgente di vita va in onda domenica 15 agosto alle ore 1,20 circa su Raidue.

La replica:

La puntata verrà replicata lunedì 16 agosto alla stessa ora circa e lunedì 23 agosto alle ore 7 del mattino


Domenica 18 luglio su Raidue alle ore 1,20


Creme, cosmetici e cure per la pelle con i fanghi del Mar Morto: un laboratorio artigianale è diventato una moderna azienda che utilizza tecnologie avanzate ed esporta i suoi prodotti in tutto il mondo. E’ il tema di apertura della puntata di Sorgente di vita di domenica 18 luglio. Segue un’intervista alla signora Ruth Halimi, madre di Ilan, il ragazzo francese ucciso nel 2006 a Parigi solo perché ebreo. Un servizio è poi dedicato alla rocca di Masada, nel deserto della Giudea, simbolo della resistenza degli ebrei contro i romani: visitiamo il palazzo di Erode, i saloni, i magazzini, le terme di questo sito archeologico dichiarato dall’Unesco patrimonio dell’umanità. Arte e cabalà è l’ultimo argomento: lettere, numeri, segni e simboli nelle opere di artisti italiani e stranieri in mostra nell’incantevole giardino di una villa veneta. Sorgente di vita va in onda domenica 18 luglio alle ore 1,20 circa su Raidue.

La replica:

La puntata verrà replicata lunedì 19 luglio alla stessa ora circa e lunedì 26 luglio alle ore 7 del mattino.


Domenica 20 giugno su Raidue alle ore 1,20


Lo studio, l’insegnamento, il controllo delle cucine, le visite agli anziani, il lavoro d’ufficio, la preghiera della sera: il primo servizio della puntata di Sorgente di Vita di domenica 20 giugno è dedicato alla lunga giornata di un rabbino. Tra appuntamenti previsti e incontri casuali abbiamo seguito Elia Richetti, rabbino capo della Comunità di Venezia e presidente dell’Assemblea dei Rabbini d’Italia, che racconta le ragioni della sua scelta, i suoi impegni, le responsabilità del suo delicato incarico.
Segue un incontro con Hannah Goslar che ricorda la sua amica Anna Frank, dall’infanzia ad Amsterdam al campo di Bergen Belsen. Dalle memorie della Goslar un film e uno spettacolo realizzato da sei ragazze di una scuola romana sulla storia della ragazzina ebrea diventata simbolo della Shoà.
Infine un servizio sui nuovi scenari mediorientali dopo il blitz israeliano a bordo della nave turca Mavi Marmara: l’isolamento d’Israele, il deterioramento dei rapporti con la Turchia, le provocazioni dell’Iran e la ricerca di nuovi equilibri tra Europa, Stati Uniti e paesi del Medioriente. Il commento di Stefano Silvestri presidente dell’Istituto Affari Internazionali e di Yasemin Taskin corrispondente del quotidiano turco “Sabah”. Sorgente di vita va in onda domenica 20 giugno alle 1,20 circa su Raidue.

La replica:

In replica lunedì 21 giugno alle ore 1,20 e lunedì 28 giugno alle ore 7 del mattino


Domenica 6 giugno su Raidue alle ore 1,20

La puntata di Sorgente di vita di domenica 6 giugno apre con una breve riflessione del giornalista Peppino Caldarola sull’azione israeliana contro la Freedom Flotilla: le implicazioni internazionali, il ruolo della Turchia, l’isolamento di Israele. Segue un servizio sulla cellula artificiale prodotta in laboratorio da Craig Venter: il rabbino e biologo Gianfranco Di Segni affronta gli interrogativi scientifici ed etici sulle manipolazioni genetiche alla luce della tradizione ebraica. Si parla poi di Militia, gruppo della destra radicale autore di azioni eclatanti nella capitale con il giornalista Guido Caldiron. Infine lo spettacolo “Stones” messo in scena a Torino da sei mimi-attori israeliani: il monumento alle vittime della Shoà e ai resistenti del ghetto, posto dove sorgeva il ghetto di Varsavia, si anima in una performance ricca di emozioni. Sorgente di vita va in onda domenica 6 giugno alle ore 1,20 circa su Raidue.

La replica:

Il programma verrà replicato lunedì 7 giugno alla stessa ora e lunedì 14 giugno alle ore 7 del mattino.


Domenica 23 maggio su Raidue alle ore 1,20


L’ora di religione cattolica nella scuola pubblica è il tema di apertura della puntata di Sorgente di vita di domenica 23 maggio: se ne torna a parlare alla fine dell’anno scolastico dopo una sentenza del Consiglio di Stato: il punto sul ruolo degli insegnanti, sull’offerta delle materie alternative, sulle discriminazioni tra gli studenti. Una lunga lotta per l’uguaglianza e per la laicità della scuola che si gioca sulla testa dei giovani, nell’indifferenza generale.
Segue un breve servizio sull’impresa di Salvatore Cimmino, portatore di handicap che ha attraversato a nuoto il Lago di Tiberiade: una simbolica traversata da una sponda all’altra per un mondo senza barriere e senza frontiere e le soluzioni per aiutare i diversamente abili sperimentate al Centro robotico del Technion di Haifa.
In un altro servizio si entra in una scuola di restauro in un antico eremo sulle colline di Botticino vicino a Brescia: qui gli studenti imparano tecniche e metodologie per la conservazione di pitture, affreschi, statue lignee e terrecotte e nel laboratorio dei tessuti antichi riprendono forma e colore gli arredi tessili provenienti dalla sinagoga e dal museo ebraico di Livorno.
Infine due gruppi musicali intrecciano le proprie esperienze in un concerto a Verona: dalle melodie del mondo yiddish della “Klezmerata fiorentina” alle sonorità mediterranee di un ensemble marocchino.
Sorgente di vita va in onda domenica 23 maggio alle ore 1,20 circa su Raidue.

La replica:

La puntata sarà replicata lunedì 24 maggio alla stessa ora e lunedì 31 maggio alle 9,30 del mattino.


Domenica 9 maggio su Raidue alle ore 1,20


Alla scoperta di Ferrara sfogliando le pagine di Giorgio Bassani: dalla sinagoga al giardino dei Finzi Contini, dalla lapide in via Mazzini al cimitero ebraico, dai campi da tennis alla scuola ebraica, letture e suggestioni per un itinerario tra realtà e finzione letteraria nel primo servizio della puntata di Sorgente di Vita di domenica 9 maggio.
Le benedizioni e le letture settimanali della Bibbia illustrate dai bambini nei giochi didattici realizzati dagli Asili Ebraici di Roma e una lezione di acquarello per gli ospiti della residenza per anziani di Milano: in un altro servizio vengono illustrati due dei tanti progetti realizzati con i fondi dell’otto per mille gestiti dall’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane.
Infine il Moked, l’appuntamento culturale primaverile dell’ebraismo italiano sul tema “i marrani di ieri e di oggi”: voci, testimonianze, percorsi spirituali e familiari di ebrei lontani, di persone alla ricerca delle radici o di un’identità ebraica come il cantante Raiz, ex leader degli Almamegretta o la singolare esperienza degli ebrei di Sannicandro.

La replica:

La puntata sarà replicata lunedì 10 maggio alla stessa ora e lunedì 17 maggio alle 9,30 del mattino.


Domenica 25 aprile su Raidue alle ore 1,20


Una riflessione dello storico Alberto Cavaglion sulla Liberazione e la Resistenza apre la puntata di Sorgente di vita del 25 aprile. Un servizio è dedicato all’inaugurazione del restauro del Tempio ebraico di Firenze e della nuova illuminazione. Un po’ di storia della sinagoga e i lavori, durati 15 anni illustrati dall’architetto Renzo Funaro e i momenti di vita ebraica vissuti nel tempio da una famiglia fiorentina. Si parla poi del mandorlo, l’albero che per primo fiorisce a primavera: dalla Bibbia alle fioriture in Sicilia, è una pianta simbolo di purezza e di rigenerazione, che ricorre nei secoli nelle decorazioni e negli oggetti rituali ebraici. Infine la Festa del libro ebraico in Italia che si è svolta a Ferrara: dai primi libri a stampa alla rivista sul Web, 1500 titoli che spaziano dai temi religiosi alla letteratura, dalla saggistica alla storia. Incontri, dibattiti, spettacoli nella cornice della città estense che ha dato i natali allo scrittore Giorgio Bassani e che accoglie da secoli una comunità ebraica. Sorgente di vita va in onda domenica 25 aprile alle ore 1,20 circa su Raidue.

La replica:

La puntata sarà replicata lunedì 26 aprile alla stessa ora e lunedì 3 maggio alle 9,30 del mattino.


Domenica 11 aprile su Raidue alle ore 1,20


Gli inopportuni paragoni storici tra le persecuzioni antiebraiche e le critiche alla Chiesa e a Pio XII: un commento di Renzo Gattegna, presidente dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane nella puntata di Sorgente di vita di domenica 11 aprile. Negli altri servizi: il giornalista Peppino Caldarola e Stefano Silvestri, presidente dell’Istituto Affari Internazionali parlano dei rapporti fra Stati Uniti e Israele dopo la recente crisi diplomatica scoppiata in occasione della visita del vice presidente americano Joe Biden a Gerusalemme. L’isolamento di Israele e la minaccia dell’Iran, il tentativo di Obama di dialogare con il mondo arabo, la mediazione internazionale per la ripresa dei negoziati di pace tra israeliani e palestinesi, il confronto tra Obama e Netanyahu sulle nuove costruzioni a Gerusalemme. Un’intervista al giovane regista belga Micha Wald sul suo film “Simon Konianski” appena uscito nelle sale: un protagonista in lotta con la tradizione e con il mondo del padre, il conflitto tra generazioni, il viaggio di una famiglia ebraica alla ricerca delle radici e dell’identità, in una commedia piena di humor e di ironia. Shel Shapiro e Moni Ovadia insieme ne “Il mercante di Venezia in prova”, una complessa rivisitazione dello Shylock di Shakespeare in cui, ai temi tradizionali del pregiudizio e dell’antisemitismo, si mescolano nuovi interrogativi sulla crisi dell’arte e del teatro. Sorgente di vita va in onda domenica 11 aprile alle ore 1,20 circa su Raidue e, in replica, lunedì 12 aprile alle ore 1,10 circa sempre su Raidue. La puntata sarà replicata anche lunedì 18 aprile alle ore 9,30 del mattino.

La replica:

La puntata sarà replicata lunedì 12 aprile alle ore 1,10 circa sempre su Raidue e lunedì 18 aprile alle ore 9,30 del mattino.


Domenica 28 marzo su Raidue alle ore 1,20


La puntata di Sorgente di vita di domenica 28 marzo apre con i ragazzi della scuola ebraica di Milano che provano i canti dell’Haggadà e una riflessione su Pesach del rav Roberto Colombo; inoltre rav Shlomo Bekhor illustra la nuova edizione dell’Esodo, con testo, traduzione, commenti e tante illustrazioni. Segue un servizio su un laboratorio di musica, teatro, e integrazione con la direzione artistica di Moni Ovadia: al centro Apollo 11 di Roma tanti ragazzi di etnie e culture diverse con storie ed esperienze anche difficili alle spalle imparano a suonare gli strumenti musicali, a recitare e a muoversi sulla scena per dare vita a una vera e propria orchestra teatrale. Perché mangiamo gli animali? Cosa finisce nei piatti dei nostri figli? Dai racconti della nonna ebrea sopravvissuta alle sofferenze e alla fame durante la guerra, l’inchiesta giornalistica dello scrittore americano Jonathan Safran Foer sulla produzione della carne e gli interrogativi etici sulla sofferenza degli animali, anche alla luce della tradizione ebraica, con alcune riflessioni di rav Riccardo Di Segni. Infine “Il Caso Mortara” del compositore Francesco Cilluffo, un’opera italiana presentata a New York: la storia di Edgardo, bambino ebreo battezzato di nascosto e rapito dal Sant’Uffizio nel 1858. Il rapimento a Bologna, la separazione dai genitori, la segregazione nella casa dei catecumeni a Roma, la vita da prete sotto la protezione del papa Pio IX, scene di un dramma storico e familiare. Sorgente di vita va in onda domenica 28 marzo alle ore 1,20 circa su Raidue.

La replica:

La puntata sarà replicata lunedì 29 marzo alle ore 1,20 circa sempre su Raidue e lunedì 5 aprile alle 9,30 del mattino.


Domenica 14 marzo su Raidue alle ore 1,20


La coltivazione della patata transgenica, dopo il via libera della commissione europea, è il tema di apertura della puntata di Sorgente di vita di domenica 14 marzo con una riflessione del rabbino Gianfranco Di Segni sulle manipolazioni genetiche alla luce della tradizione ebraica, dagli ibridi vietati nella Bibbia agli OGM di oggi.
Segue poi la storia di Gretel Bergman, promessa dell’atletica nella Germania degli anni ’30. Da New York, dove vive dal ’37, l’ultranovantenne signora, racconta i sogni, le emozioni, la delusione di una ragazza ebrea che avrebbe potuto vincere alle Olimpiadi di Berlino del ’36, ma fu invece usata dai nazisti come strumento di propaganda contro il boicottaggio dei paesi democratici e fu poi cacciata dalla squadra alla vigilia dei giochi.
Si parla poi di antisemitismo, di pregiudizio, di stereotipi, della teoria del complotto da Shylock all’11 settembre, i temi al centro del “theatre talk” al Franco Parenti di Milano.
Il punto sull’argomento con le riflessioni di alcuni giornalisti e le voci della strada.
Infine un’intervista con Daniel Mendelsohn, scrittore, critico letterario, studioso di greco antico, nato a New York da genitori dell’Europa dell’est, che racconta il suo viaggio nel mistero di famiglia: sulle tracce dello zio Schmiel e degli altri “scomparsi” nella Shoah un percorso doloroso alla ricerca dei testimoni per ricostruire il mosaico della famiglia e di quel mondo perduto.

La replica:

La puntata sarà replicata lunedì 15 marzo all’1,20 e lunedì 22 marzo alle 9,30 del mattino.


Domenica 28 febbraio su Raidue


Purim, la festa più allegra del calendario ebraico, apre la puntata di Sorgente di vita di domenica 28 febbraio. Il rabbino Benedetto Carucci Viterbi spiega cosa è la Meghillà, il rotolo di Ester e il significato della festa: lo sventato sterminio degli ebrei nell’antica Persia celebrato tra maschere e banchetti per un momento di gioia collettiva. E in più alcune ricette di dolci di Purim
Un servizio è dedicato allo spettacolo “L’Ebreo” di Gianni Clementi, con il debutto a teatro di Ornella Muti. Fra tragedia e commedia la storia di una coppia che ha usurpato i beni del padrone ebreo dopo le Leggi razziste del ’38 e ne teme il ritorno: sensi di colpa, paure e suggestioni trasformano i protagonisti in assassini. Brevi interviste agli attori, al regista e all’autore e un commento del professor David Meghnagi.
Segue la storia di Yuri Foreman campione del mondo dei superwelter, nato in Bielorussia, emigrato in Israele e approdato a New York nel mondo della boxe. In un’intervista il pugile racconta la sua vita: gli allenamenti in una palestra di Brooklyn e lo studio in una yeshivà per diventare rabbino.
Infine un musical con il clarinettista americano Frank London e la voce di Vinicio Capossela. In “Una notte al vecchio mercato” il mondo dei villaggi ebraici dell’Europa orientale rivive in atmosfere magiche e surreali accompagnate dalla musica klezmer.
Sorgente di vita va in onda Domenica 28 febbraio su Raidue a mezzanotte e trenta con una variazione di orario a causa delle Olimpiadi invernali.

La replica:

La puntata sarà replicata lunedì 1 marzo all’una circa e lunedì 8 marzo alle nove e trenta del mattino.


Domenica 14 febbraio alle 2 su Raidue


La puntata di Sorgente di vita di domenica 14 febbraio apre con un’intervista a Radu Mihaileanu realizzata in occasione dell’uscita nelle sale italiane del suo ultimo film “Il concerto”, commedia grottesca per una storia che si snoda tra la Russia di oggi e l’Unione Sovietica ai tempi di Breznev.
Segue un profilo di Mayer Kirshenblatt, il pittore che dipingeva a memoria il mondo della sua infanzia, la cittadina polacca di Opatow, lasciata nel 1934 per emigrare in Canada con la famiglia: nella sua ultima intervista racconta quel mondo, illustrato fin nei minimi dettagli nei suoi numerosi e colorati quadri.
Un altro servizio è dedicato a “Nessiah”, – viaggio – festival di cultura ebraica in Toscana: dalla mostra di Chagall a Pisa con le suggestioni del Mediterraneo al concerto di Evelina Meghnagi con le note delle melodie sefardite, al quartetto Mishmash e la loro musica di origini e culture diverse.
Infine le voci di alcuni ragazzi che hanno partecipato all’ “Israel University Day”, la giornata di incontro organizzata dall’Ufficio Giovani Nazionale dell’Unione delle Comunità Ebraiche per presentare agli studenti italiani le università israeliane e le loro offerte.

La replica:

In replica lunedì 15 febbraio a mezzanotte e mezza e lunedì 22 febbraio alle ore 9 del mattino.


Domenica 31 gennaio alle ore 1 circa Raidue


La puntata di Sorgente di vita in onda domenica 31 gennaio apre con l’intervento di Elie Wiesel alla Camera dei Deputati, con la cerimonia al Quirinale durante la quale il Presidente Napolitano ha premiato i ragazzi vincitori del concorso per le scuole “I giovani ricordano la Shoah” promosso dal Ministero dell’Istruzione in collaborazione con l’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane. I ragazzi illustrano poi i loro lavori.
Un servizio è dedicato al progetto “Memorie d’inciampo”, nel quale l’artista tedesco Guenter Demnig posa diverse “Stolpersteine”, pietre di inciampo, in ricordo di alcuni deportati nei campi di sterminio nazisti: piccole targhe di bronzo che rimarranno per sempre in diversi quartieri di Roma.
Ancora i giovani nel servizio dedicato alla maratona di lettura di “Se questo è un uomo“ di Primo Levi alla Casa della Memoria e della Storia.
Infine la presentazione della mostra al Vittoriano dedicata al campo di sterminio Auschwitz-Birkenau, a 65 anni esatti dall’abbattimento dei cancelli e lo spettacolo “Salonicco 43” al Complesso San Michele di Roma, una rappresentazione teatrale che racconta la vicenda di Guelfo Zamboni, il diplomatico italiano che a Salonicco riuscì a salvare centinaia di ebrei.
Sorgente di vita va in onda domenica 31 gennaio alle 1,20 circa su Raidue.

La replica:

La puntata sarà replicata lunedì 1 febbraio alla stessa ora e lunedì 8 febbraio alle 9,30 del mattino.
I servizi di Sorgente di vita sono anche on line.


Domenica 17 gennaio alle ore 1 circa Raidue


La visita di Benedetto XVI alla sinagoga di Roma, i momenti dell’incontro con commenti e riflessioni a caldo è il servizio di apertura della puntata di Sorgente di vita di domenica 17 gennaio. Segue un “dietro le quinte” dell’organizzazione della visita, con curiosità e notizie sui restauri e gli addobbi nella sinagoga, le prove del coro, l’allestimento della mostra al museo, la scelta del dono per il pontefice.
Un altro servizio riguarda il Moed di piombo, la ricorrenza romana nata in ricordo del colore plumbeo del cielo dal quale si riversò una pioggia provvidenziale che spense l’incendio appiccato dal popolo ai portoni del ghetto nel 1793. Infine il difficile cammino del dialogo tra ebrei e cattolici, dal Concilio Ecumenico Vaticano II ad oggi, tra momenti simbolici, nodi teologici di difficile soluzione e polemiche storiche su Pio XII.

La replica:

La puntata sarà replicata lunedì 18 gennaio alla stessa ora e lunedì 25 gennaio alle 9,30 del mattino.


Domenica 3 gennaio alle ore 1 circa Raidue


Come è cambiata la Comunità ebraica di Berlino venti anni dopo la caduta del muro? Un viaggio nella capitale tedesca nel reportage “Luci a Berlino” di Alessandra Di Marco e Piera Di Segni.
Un invito a colazione in una famiglia ortodossa, la preghiera nella nuova sinagoga del movimento Chabad, l’accensione della lampada di Hanukkah, la festa delle luci, su una pista di pattinaggio: momenti di vita di una comunità rifiorita con l’arrivo di immigrati dai paesi dell’est e dall’ex Unione Sovietica, alla ricerca di una nuova identità ebraica.
I cambiamenti, le novità e le trasformazioni della capitale dopo la riunificazione della Germania, ma anche un percorso tra cultura, storia e memoria, che tocca la grande sinagoga di Oranienburger Strasse, il Memoriale per gli ebrei d’Europa assassinati, il Museo ebraico di Daniel Libeskind e le tracce del Muro: luoghi significativi che testimoniano lo scambio fecondo tra la città e la Comunità ebraica, alla ricerca di una memoria condivisa. Un racconto corale con tante voci: il direttore dell’Istituto di Giudaistica alla Freie Universitaet, Giulio Busi, il rabbino Andreas Nachama, l’architetto Sergei Tchoban e molti altri racconti di vita quotidiana insieme alla storia di Irmela Mensah-Schramm che gira la Germania per cancellare le nuove scritte razziste e antisemite.

La replica:

La puntata sarà replicata lunedì 4 gennaio all’1,20 circa e lunedì 11 gennaio alle ore 9,30 del mattino.


Domenica 20 dicembre alle ore 1 circa Raidue


Il vertice di Copenaghen e le preoccupazioni per il futuro della Terra con un commento del rabbino Scialom Bahbout sulla natura e sulla protezione dell’ambiente alla luce della tradizione ebraica è il tema di apertura della puntata di Sorgente di vita di questa sera. Segue un servizio sui cento anni di Tel Aviv, con interviste a Yehoshua Kenaz e Benny Barbash, due scrittori israeliani, due modi diversi di vivere e di raccontare la città dove vivono e lavorano, che fa da sfondo ai loro romanzi. Poi la mostra all’Auditorium di Roma dedicata a Emanuele Luzzati, scenografo, costumista, disegnatore, pittore, artista, con i ricordi di chi l’ha conosciuto e i commenti dei bambini affascinati dalle sue opere. Infine tre giornalisti, tre paesi, tre società diverse che si misurano con il dramma del terrorismo: Israele, raccontato da Nahum Barnea, uno dei più influenti giornalisti israeliani, Stati Uniti visti da Maurizio Molinari, corrispondente de La Stampa da New York, e l’Italia degli anni di piombo secondo Mario Calabresi, figlio del commissario ucciso nel 1972, oggi direttore de La Stampa.

La replica:

La puntata sarà replicata lunedì 21 dicembre alla stessa ora e lunedì 28 dicembre alle ore 9,30 del mattino.


Domenica 6 dicembre alle ore 1 circa Raidue


La festa ebraica di Chanukkah, l’accensione delle luci, ogni sera per otto giorni, l’uso dell’olio di oliva e il suo significato simbolico, con una riflessione del rabbino Benedetto Carucci Viterbi, apre la puntata di Sorgente di vita di domenica 6 dicembre.
Segue un’intervista a Gad Lerner: prendendo spunto dal suo nuovo libro “scintille”, il giornalista racconta una saga familiare che si snoda tra la Galizia e il Medio Oriente, attraverso le tragedie del ‘900, fino ad approdare in Italia, un viaggio alla ricerca dei mille tasselli della sua composita identità.
Si parla poi del cinema ebraico e israeliano al “Pitigliani Kolno’a Festival”, con film drammatici, commedie, documentari e cortometraggi, dagli ultimi successi fino alla produzione delle scuole di cinema d’Israele.
Infine un incontro con lo scrittore Boris Zaidman a Trieste, dove ha ricevuto il premio premio letterario dell’ADEI WIZO: racconta la sua infanzia nella Moldavia sovietica, i sogni, le paure di un bambino degli anni ’70 emigrato da Kishinev in Israele.
Sorgente di vita va in onda domenica 6 dicembre alle ore 1,20 circa su RAIDUE e in replica lunedì 7 dicembre alla stessa ora.

La replica:

La puntata sarà replicata lunedì 7 dicembre all’una circa e lunedì 14 dicembre alle ore 9,30 del mattino.


Lunedì 23 novembre alle ore 1 circa Raidue


La puntata di Sorgente di vita di lunedi 23 novembre apre con il concerto all’Auditorium di Roma diretto da Lorin Maazel, il “Lamento per Yitzhak” del compositore Dov Seltzer.”, un requiem ebraico dedicato a Rabin, primo ministro israeliano e premio Nobel per la pace, assassinato nel 1995.
Segue poi un servizio sul ritorno a Rocca di Cave di un gruppo di ebrei romani che vi trovarono rifugio durante l’occupazione nazista. Una storia di salvezza personale, ma anche di coraggio e solidarietà da parte della popolazione locale.
Poi il dramma del conflitto tra israeliani e palestinesi raccontato in un documentario dell’israeliana Ayelet Bargur e infine il convegno sui venti anni dell’Intesa tra lo Stato e le Comunità ebraiche italiane, promosso dall’Università Roma Tre insieme alla fondazione CDEC con interventi di esperti e di alcuni giuristi che parteciparono alle trattative e alla stesura dell’Intesa.

La replica:

La puntata sarà replicata lunedì 30 novembre alle 9,30 del mattino.


Domenica 8 novembre alle ore 1 circa Raidue


Dai versi del “Cantico dei cantici” al mito di Venere, le storie del melograno, uno dei sette frutti che rappresentano la terra d’Israele, pianta antichissima che da oltre quattromila anni attraversa luoghi e tempi segnando la ritualità di tanti popoli: è il tema del primo servizio della puntata di Sorgente di vita di domenica 8 novembre.
Segue un ‘intervista con Benny Morris, ospite d’onore al Festival Internazionale della Letteratura Ebraica, sul suo lavoro di storico israeliano “controcorrente”, del suo impegno politico e civile, delle prospettive di pace in Medio Oriente.
Si presenta poi il nuovo mensile “Pagine ebraiche”, con interventi del Presidente dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane, Renzo Gattegna e del giornalista Guido Vitale, che è coordinatore dei Dipartimenti Informazione e Cultura dell’Ucei e direttore responsabile della testata. Un quarto servizio è dedicato alla mostra di Monika Bulaj al Castello di Otranto in Puglia: luoghi e momenti del sacro nelle tre religioni monoteistiche in un viaggio fotografico attraverso popoli e paesi lontani.
Infine lezioni di integrazione in una scuola con alunni di diverse provenienze e culture: il modello dell’esperienza israeliana nel progetto “Una cultura in tante culture” dell‘Adei Wizo.

La replica:

La puntata sarà replicata lunedì 9 novembre all’una circa. Un’altra replica andrà in onda lunedì 16 novembre alle 9,30 del mattino.


Lunedi 27 ottobre alle ore 1 circa Raidue


La puntata apre con una piccola storia da Gaza: in mancanza di animali esotici lo zoo locale, per divertire i bambini,ha trasformato in zebre due asinelle bianche. Il direttore dello zoo di Ramat Gan ha promesso di regalare due zebre vere.
Chattare con Einstein e con altri personaggi della storia: il secondo servizio parte con una delle tante trovate originali proposte al Museo Ebraico di Bologna che, nel decennale dalla fondazione, offre alle scuole percorsi didattici multimediali sui temi della cultura ebraica.
Segue un’intervista al regista israeliano Samuel Maoz che ha ricevuto il Leone d’Oro a Venezia per il film “Lebanon”: racconta la sua esperienza personale di carrista nella guerra del Libano nel 1982 e la genesi del film.
Infine le storie di ebrei e israeliani, vittime del terrorismo islamico e palestinese dentro e fuori Israele, raccontate dal giornalista Giulio Meotti che le ha ricostruite attraverso incontri con le famiglie.

La replica:

La puntata sarà replicata lunedì 2 novembre alle ore 9,30 del mattino sempre su Raidue


Lunedi 11 ottobre alle ore 1 circa Raidue


In Sicilia sulle Madonie si raccoglie la manna dalla corteccia dei frassini: nel primo servizio della puntata un produttore locale spiega come avviene la raccolta e l’uso dei cannoli di manna, non solo in cucina. Uno spunto per parlare della manna biblica con rav Benedetto Carucci, che sottolinea analogie e differenze del prodotto siciliano con il “cibo caduto dal cielo” che nutrì gli ebrei durante la peregrinazione nel deserto dopo l’uscita dall’Egitto.
Il dossier nucleare iraniano è il secondo tema della puntata: dopo il lancio dei missili, il summit di Ginevra tra i 5 membri del Consiglio di sicurezza dell’ONU più la Germania e i negoziatori di Teheran e la visita di El Baradei in Iran facciamo il punto con il professor Stefano Silvestri, presidente dell’Istituto Affari Internazionali.
Segue poi un’intervista con lo scrittore Andrè Aciman: suggestioni e ricordi di un’infanzia felice nella cosmopolita Alessandria d’Egitto prima del colpo di stato di Nasser.
Infine le antiche melodie sefardite intrecciate alle varie culture che si affacciano sul Mediterraneo nel concerto della cantante israeliana Mor Karbasi durante il festival della cultura ebraica in Puglia.
Sorgente di vita va in onda domenica 11 ottobre alle ore 1 circa.

La replica:

La puntata sarà replicata lunedì 12 ottobre alle ore 1 e lunedì 19 ottobre alle ore 9,30 del mattino sempre su Raidue


Lunedi 28 settembre alle ore 1 circa Raidue

La recente sentenza del TAR del Lazio e la discussione sull’insegnamento della religione cattolica nelle scuole pubbliche è uno dei temi della puntata: una riflessione sull’organizzazione dell’ora alternativa, sul rispetto dei diritti degli studenti, sui problemi degli insegnanti, sul tema della laicità della scuola con Renzo Gattegna, Presidente dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane e Antonia Sani, coordinatrice della Associazione Nazionale per la scuola della Repubblica.
Nella puntata anche una cronaca della presentazione del progetto della nuova sinagoga di Ostia, con le voci delle autorità intervenute e di alcuni ebrei che vivono sul litorale; la manifestazione organizzata a Asti per la Giornata Europea con una passeggiata letteraria lungo le strade del ghetto e un’intervista a Gioele Dix con brani dello spettacolo “La Bibbia ha quasi sempre ragione” presentato al Castello Svevo di Trani in occasione di Negba, il festival di cultura ebraica.

La replica:

La puntata sarà replicata lunedì 5 ottobre alle ore 9.30 del mattino sempre su Raidue


Domenica 13 settembre alle ore 1 circa Raidue

Gli araldi in costume del ‘400 davanti alla cattedrale di Trani e poi in corteo attraverso i vicoli del centro storico fino alla sinagoga Scolanova aprono il servizio di Sorgente di vita dedicato alla Giornata Europea della Cultura Ebraica. Tra assaggi di cultura, sapori ebraici e artigianato pugliese, rivivono i momenti salienti della manifestazione attraverso le voci degli organizzatori e dei protagonisti, con gli entusiasti commenti dei turisti e dei visitatori.
Nel secondo servizio un itinerario a zig zag in varie località pugliesi tra i tanti eventi del festival “Negba, verso il mezzogiorno”. Dalla mostra di Tobia Ravà al Castello Svevo di Trani a quella della fotografa Monika Bulaj a Otranto, dallo spettacolo di Ottavia Piccolo a Lecce alla musica dell’israeliana Mor Karbasi a Bari e tanto altro, con interessanti interviste sui temi dei dibattiti e delle conferenze e suggestive immagini di luoghi e di eventi.

La replica:

La puntata sarà replicata lunedì 14 settembre alle ore 1.20 del mattino e lunedì 21 settembre alle 9.30 sempre su Raidue


Lunedì 31 agosto alle ore 1,10 su Raidue

Trani, città capofila della decima edizione della Giornata europea della cultura ebraica: alla vigilia dell’evento del 6 settembre Sorgente di vita è andata a curiosare nella città pugliese che si prepara ad accogliere i visitatori. Insieme al pianista Francesco Lotoro,
instancabile animatore della piccola comunità, a Pierluigi Campagnano, Presidente della Comunità Ebraica di Napoli, al professor Cesare Colafemmina e altri protagonisti della vita ebraica locale, un giro tra i vicoli della Giudecca e una visita alla sinagoga Scolanova, i luoghi che ospiteranno le manifestazioni ufficiali. Da Trani prenderà poi il via dal Castello Svevo il Festival di cultura ebraica ‘Negba, verso il Mezzogiorno’ che proseguirà nei giorni successivi in sette località pugliesi.
Il secondo servizio è dedicato alla singolare vicenda degli ebrei di San Nicandro Garganico, dove negli anni ’30 il contadino autodidatta Donato Manduzio ha raccolto, con una personale interpretazione della Bibbia, una comunità religiosa che si è convertita all’ebraismo e si è poi trasferita in Israele. Alcune donne del gruppo raccontano la loro esperienza, dalla predicazione di allora alla rinascita di oggi.
Si conclude con Giora Feidman, clarinettista di fama mondiale, protagonista di uno spettacolo a metà tra un concerto e una piece teatrale. La rappresentazione ripercorre la storia della sua famiglia, dalla Moldavia all’Argentina, ogni tappa accompagnata da musiche e ritmi diversi, dal klezmer al tango, dal jazz alla musica araba.

La replica:

La puntata sarà replicata lunedì 7 settembre alle ore 7 del mattino sempre su Raidue


Domenica 2 agosto alle ore 1,20 su Raidue

La puntata di Sorgente di vita di questa sera si apre con la presentazione presso il Ministero dei Beni Culturali dei due importanti appuntamenti di settembre sulla cultura ebraica: il 6 settembre la decima edizione della Giornata Europea della Cultura Ebraica, sul tema feste e tradizioni. Come ogni anno i visitatori troveranno porte aperte in sinagoghe, musei, luoghi ebraici in 59 località italiane in contemporanea ad altri 28 paesi europei. Città capofila è quest’anno Trani, in Puglia, da dove prende il via “Negba”, il primo festival di cultura ebraica in Puglia: fino al 10 settembre, eventi, musica, proposte culturali per un cammino di conoscenza che l’ebraismo italiano promuove verso il mezzogiorno d’ Italia.
Il secondo servizio ripropone un tema di forte attualità, un viaggio nel mondo della lotta all’usura. Tra i cinque sportelli attivi a Roma l’ultimo nato è gestito dall’associazione Dror. Così la Comunità ebraica romana e la Deputazione di assistenza hanno risposto all’appello del Comune. Due storie raccontate dalle vittime e le voci dei volontari, degli operatori e di Tano Grasso, da anni impegnato nella lotta all’usura.
Infine un ritratto di Daniel Barenboim: l’infanzia a Buenos Aires, l’arrivo in Israele, l’esordio musicale da bambino prodigio, la brillante carriera di pianista e direttore d’orchestra: il maestro Barenboim si racconta, dal podio di “Tristano e Isotta” di Wagner all’orchestra “West Eastern Divan” che riunisce giovani musicisti di tutto il medioriente.

La replica:

La puntata sarà replicata lunedì 3 agosto alle ore 1,25 sempre su raidue. Un’altra replica sarà lunedì 10 agosto alle ore 7 del mattino.


Domenica 5 luglio alle ore 1,20 su Raidue

La puntata di questa sera di Sorgente di vita apre con un commento del giornalista de “L’Espresso” Wlodek Goldkorn sull’inquietante successo alle elezioni europee dello scorso giugno di molti partiti della destra radicale con programmi razzisti e xenofobi, alla vigilia della prima seduta del Parlamento Europeo del 14 luglio prossimo.
Il secondo servizio è dedicato a Gilad Shalit, il soldato israeliano prigioniero di Hamas nella striscia di Gaza, al quale il sindaco di Roma, Gianni Alemanno ha conferito la cittadinanza onoraria durante una cerimonia in Campidoglio; in un’ intervista Noam Shalit, padre di Gilad, racconta le sue emozioni e la sua ansia per il figlio.
Segue poi un servizio girato su una terrazza romana: l’incontro di vecchi compagni di scuola, alunni di una prima elementare nella scuola ebraica del 1946. Davanti alle foto e ai registri dell’epoca viene fuori uno spaccato della Roma del dopoguerra, tra aneddoti ed episodi di sorridente nostalgia. Infine uno spettacolo della “Kibbutz Contemporary Dance Company”, un gruppo israeliano nato in kibbutz che porta le sue coreografie in giro per il mondo.

La replica:

La puntata sarà replicata lunedì 6 luglio, alle ore 1,25 circa e lunedì 13 luglio alle ore 7 del mattino.


Domenica 7 giugno alle ore 1,20 circa su Raidue

FINALMENTE LIBERI: 4 GIUGNO 1944, GLI EBREI ROMANI RICORDANO; QUANDO L’ITALIA MI HA ACCOLTO: UN EBREO TRIPOLINO DALL’ESILIO ALLA SOLIDARIETÀ; IDENTITÀ EBRAICA: A MILANO MARITTIMA PER PARLARE DI EDUCAZIONE.
DOMENICA 7 GIUGNO ALLE ORE 1,20 CIRCA SU RAIDUE E, IN REPLICA, LUNEDÌ 8 GIUGNO ALLE ORE 1,25 CIRCA SEMPRE SU RAIDUE.

Quando gli americani entrarono a Roma: il 4 giugno 1944 nei ricordi di alcuni ebrei romani. I tedeschi in fuga e l’arrivo dei soldati alleati, il pane bianco, le sigarette e la cioccolata. La vita che ricomincia e la riapertura del Tempio Maggiore.

La fuga da Tripoli nel 1967, l’accoglienza in Italia, il successo come imprenditore in Canada, il debito di riconoscenza verso il nostro paese: l’ impegno di solidarietà di Walter Arbib, dall’Etiopia al Darfur, dal Medio Oriente al terremoto in Abruzzo.

Un week-end di primavera a Milano Marittima: giovani e famiglie con bambini provenienti da tante città italiane si sono incontrati per mettere a fuoco il tema dell’educazione ebraica.

La replica:

La puntata sarà replicata lunedì 8 giugno alle ore 1,25 circa.


Domenica 24 maggio alle ore 1,20 circa su Raidue

Immigrazione e diritti: la cultura dell’accoglienza; Il viaggio del Papa: la pace e il dialogo tra religioni; Un paese non basta: Arrigo Levi si racconta.

I respingimenti in Libia e le norme sui clandestini, l’integrazione degli stranieri e i problemi di ordine pubblico, il razzismo e il rispetto per le diversità: il direttore de “Il Riformista” Antonio Polito e lo storico sociale delle idee, David Bidussa parlano di immigrazione e di accoglienza.

La tappa israeliana del viaggio del Papa in Medio Oriente: la visita allo Yad Vashem, il memoriale dell’Olocausto, il messaggio tra le pietre del Muro Occidentale, l’incontro con i Rabbini e con il Presidente Shimon Peres. Un bilancio con Renzo Gattegna, Presidente dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane e con la storica Anna Foa.

Un paese non basta: Arrigo Levi si racconta, dalle Leggi Razziali all’emigrazione in Argentina, dalla guerra di Indipendenza di Israele al giornalismo, la carriera movimentata di un giornalista che è diventato consigliere del Presidente della Repubblica.

La replica:

La puntata sarà replicata lunedì 1 giugno alle ore 1,25 circa.


Domenica 10 maggio alle ore 1,20 circa su Raidue

Dallo Yemen all’Eurofestival: Noa, un canto per la pace; la scomparsa di Israele: il paradosso di Alessandro Schwed; cultura,memoria,solidarietà: le comunità ebraiche e l’otto per mille; rinascere in Israele: incontro con lo scrittore Aharon Appelfeld.

Noa, una star internazionale al festival Oy Oy Oy di Casale Monferrato: dalle melodie yemenite alla musica moderna, la più famosa cantante israeliana canta per la pace in ebraico e inglese.

La scomparsa di Israele: una notizia falsa e paradossale dà l’avvio al romanzo di Alessandro Schwed. Dal racconto visionario e surreale a una riflessione appassionata sull’identità ebraica, sulla realtà di Israele, sullo speciale legame tra ebrei della diaspora e Stato ebraico.

Acqua, scuole e vaccini per i bambini del Burkina Faso, aiuti per l’Abruzzo, assistenza agli anziani, progetti per i giovani e l’educazione ebraica, restauro dei beni culturali: le iniziative delle comunità ebraiche italiane con i fondi dell’otto per mille.

“Copiavo la Bibbia per imparare l’ebraico”: così Aharon Appelfeld racconta della sua vita e della sua scrittura. Nato in Bucovina, sopravvissuto allo sterminio, arrivato in terra d’Israele appena tredicenne, attraverso la letteratura va incontro ai suoi familiari e al suo mondo scomparsi nella Shoah.

La replica:

La puntata sarà replicata lunedì 11 maggio alle ore 1,25 circa.


Domenica 26 aprile alle ore 1,20 circa su Raidue

Durban 2: polemiche e contestazioni alla conferenza ONU sul razzismo; la signora della scienza: i 100 anni di Rita Levi Montalcini; dall’osteria all’alta cucina kasher: lo chef Antonello Colonna; l’evoluzione della specie: l’ebraismo e le teorie di Darwin.

Polemiche e discussioni per la conferenza dell’ONU su razzismo e xenofobia a Ginevra: l’intervento del presidente iraniano Ahmadinejad, le contestazioni, il documento finale, un’occasione perduta per una risoluzione condivisa ed unanime sulla difesa dei diritti umani. Il commento di Peppino Caldarola.

I cento anni di Rita Levi Montalcini: tante occasioni per festeggiare, dagli Accademici dei Lincei ai giovani dell’orchestra di Santa Cecilia. Dalle Leggi Razziali del ’38 al premio Nobel, da Torino agli Stati Uniti, dalle ricerche sul fattore di crescita all’impegno per le donne dell’Africa, la signora della scienza racconta una vita fondata sui valori del rispetto della tolleranza, dell’impegno culturale e sociale.

Lo chef Antonello Colonna dall’osteria di Labico all’ alta cucina kasher: varianti raffinate di ricette tradizionali romane secondo le regole alimentari ebraiche.

L’evoluzione delle specie e la creazione, l’ebraismo difronte alle teorie di Darwin: intervengono il rabbino Gianfranco Di Segni e Telmo Pievani, curatore della mostra su Darwin al Palazzo delle Esposizioni a Roma.

La replica:

La puntata sarà replicata lunedì 27 aprile alle ore 01:25 circa e lunedì 4 maggio alle ore 09:30 del mattino.


Domenica 29 marzo alle ore 1:20 circa su Raidue

Tra la vita e la morte: riflessioni sul testamento biologico; a casa dell’ambasciatore: tra diplomazia, collezioni e gastronomia; cinque cantanti e un pianista: ieri e oggi i Berlin Comedian Harmonist; il Papa in Israele: le ombre su Pio XII non ostacolano il viaggio.

Il testamento biologico, le indicazioni del malato in stato di lucidità e coscienza, il ruolo del medico e dei familiari, i limiti e i principi che ispirano la posizione ebraica sulla condizione di sofferenza dei malati terminali, in stato vegetativo o di incoscienza nella riflessione del rabbino Riccardo Di Segni.

A casa dell’ambasciatore di Israele: incarichi diplomatici, incontri storici, hobby e passioni di Gideon e Amira Meir, una coppia affiatata che gira per il mondo da trent’anni per rappresentare il proprio Paese e farne conoscere anche gli aspetti quotidiani, l’arte e la cultura.

Cinque cantanti e un pianista: i Berlin Comedian Harmonists ripropongono le canzoni, la musica, l’esperienza della prima “boy band” europea negli anni ’30. Una riuscita rievocazione dell’atmosfera, dell’umorismo, del virtuosismo vocale di un gruppo, composto di cantanti ebrei e non ebrei, condannato come “arte degenerata” e travolto dall’ascesa del nazismo.

L’annuncio del viaggio di Benedetto XVI in Medioriente e la prossima visita alla sinagoga di Roma smorzano i toni della polemica tra mondo ebraico e Chiesa cattolica. A Gerusalemme il Papa sarà allo Yad Vashem, il memoriale dell’Olocausto con la discussa didascalia su Pio XII. Un approfondimento storico sull’atteggiamento della Chiesa e del Papa durante la II guerra mondiale, sulle Leggi Razziali, sulle persecuzioni e lo sterminio degli ebrei.

La replica:

La puntata sarà replicata lunedì 30 marzo alle ore 01:00 circa e lunedì 6 aprile alle ore 09:30 del mattino.

1