moked/מוקד

il portale dell'ebraismo italiano

Israele – Kerry-Netanyahu, vertice a Roma
sul negoziato di pace con in palestinesi

incontroLa notizia della morte questa mattina di Ziad Abu Ein, ministro dell’Autorità palestinese, coinvolto nelle proteste esplose nelle ultime ore nel villaggio di Turmus Ayya, vicino Ramallah, e in uno scontro con l’esercito israeliano che ha riportato la tensione in Cisgiordania. Un tragico incidente avvenuto poco prima che venisse diffusa la notizia di un inatteso incontro lunedì prossimo a Roma tra il primo ministro di Israele Benjamin Netanyahu e il segretario di Stato Usa John Kerry per discutere dello stallo dei negoziati tra israeliani e palestinesi. Un incontro che avrà come tema caldo anche il voto del Consiglio di Sicurezza dell’Onu – previsto tra due settimane – sulla risoluzione che prevede la sovranità palestinese entro due anni.  
Secondo il reporter di Haaretz Barak Ravid, il veto americano rispetto a questa votazione non è così scontato: sia per i cattivi rapporti tra l’amministrazione Obama e il primo ministro Benjamin Netanyahu, sia per la preoccupazione della Casa Bianca che un suo veto possa mettere in crisi la coalizione con i paesi arabi moderati, impegnata nella lotta ai miliziani dello Stato Islamico.
Intanto sale la rabbia nella West Bank per la morte del ministro. Secondo fonti palestinesi, Abu Ein, incaricato dell’Anp per le questioni legate agli insediamenti israeliani, è stato colpito al petto da un soldato nel corso di una manifestazione svoltasi questa mattina. Dall’esercito israeliano affermano che Abu Ein è morto per un attacco di cuore dopo essere stato colpito e aver inalato del gas lacrimogeno. Nelle immagini diffuse da una televisione araba, si vede il ministro accasciarsi per un malore. “Prenderemo le decisioni necessarie dopo aver compreso dall’inchiesta in corso quali sono state le circostanze della sua morte”, ha dichiarato il presidente dell’Anp Mahmoud Abbas, definendo la morte di Abu Ein “barbara”. Il ministro degli Esteri palestinese Riyad Al-Maliki ha invece minacciato “Israele pagherà per questo omicidio”. Il rapporto con i palestinesi sarà uno dei punti chiave del dibattito politico di questi mesi in Israele in vista delle elezioni nazionali di marzo.

Daniel Reichel

(10 dicembre 2014)