moked/מוקד

il portale dell'ebraismo italiano

Oltremare – Ingredienti

danielafubini2 Durante l’esame per il mio Bat-Mitzva’, il Rabbino Capo di Torino mi chiese: allora Daniela, quali sono gli ingredienti coi quali si prepara il Kippur? Ora bisogna immaginarsi la scena. Pieno giorno, ufficio rabbinico di Torino, luogo poco luminoso e a me del tutto sconosciuto; tavolo che ricordo immenso, silenzio pomeridiano, e Rav Sierra z’l il cui sorriso gentile non toglieva nulla alla sua presenza imponente davanti ad una bambina magrolina e timida, probabilmente già con tre etti di metallo appesi ai denti. Ricordo con chiarezza di aver sgranato gli occhi e risposto un po’ scioccata: ma Signor Rabbino, a Kippur non si mangia! Rav Sierra rise e disse che intendeva cibo spirituale, e allora ero troppo piccola per rendermi conto che un po’ scherzava.
Invece a casa mia Kippur è cosa molto seria, e la lista degli ingredienti non sta mai nel foglietto che mi preparo ogni anno. Ma di cibo per la pancia si tratta, da mangiare con pedissequo rispetto per ordine e quota di sale. Finché non ho lasciato l’Italia non mi ero mai resa conto che il menù del pranzo prima di Kippur nella versione Voghera-Fubini è uno strano assembramento di cibi piemontesi, veneziani e ferraresi. Al primo tentativo di riprodurre il menù a New York ho svaligiato Zabars, Fairway e ogni altro supermercato. In Israele poi, nel fare la solita spesa a ventaglio per cucinare il bollito misto e le verdure giuste – non sia mai che se ne cambi una – sono stata accolta dalla oggettiva differenza nella stagione, che qui è indietro e non prevede finocchi edibili secondo i nostri standard norditaliani, e dalla totale mancanza di filtri dei compagni di spesa israeliani, che sono capaci di guardare dentro al tuo carrello e fare domande (a volte molto appropriate) su quali erbe vanno con quale carni e ma davvero anche voi italiani fate il Bollo (o Bulo, o Bulu, sempre pane dolce è)?
Gli ingredienti del Kippur sono restati gli stessi in linea generale, comunque, da Rav Sierra in poi.

Daniela Fubini, Tel Aviv twitter d_fubini

(10 ottobre 2016)