moked/מוקד

il portale dell'ebraismo italiano

Coste israeliane coperte di catrame
“Disastro ecologico senza precedenti”

Uno sforzo congiunto per ripulire le coste israeliane da uno dei più gravi disastri ecologici del paese. A scendere in spiaggia, autorità locali, ong e migliaia di volontari, impegnati nella rimozione di un enorme quantità di catrame. “Secondo le valutazioni sul campo, è evidente che queste operazioni complesse e faticose dovranno continuare a lungo”, ha dichiarato l’Autorità della Natura e dei Parchi. “Su 190 chilometri di spiaggia in Israele, 170 sono stati colpiti dal disastro ecologico. L’evento non è ancora finito, e il catrame continua ancora ad arrivare sulle spiagge”. I funzionari israeliani dicono che l’origine del disastro è una grande fuoriuscita di petrolio a largo delle coste del paese. L’origine precisa per il momento è sconosciuta. Il ministero della Protezione ambientale ha spiegato che lo scenario più probabile è una fuoriuscita non dichiarata di forse decine di tonnellate di petrolio da una petroliera. “Stiamo facendo ogni sforzo per trovare i responsabili del disastro, e porteremo all’approvazione del governo una proposta di risoluzione a tutela dell’ambiente”, ha dichiarato Gila Gamliel, ministro della Protezione ambientale. Dal suo ministero, in coordinamento con quello dell’Interno e della Salute, è arrivata una nota in cui si chiede alle persone di evitare le zone coinvolte. L’esposizione al bitume potrebbe essere dannosa e ha già causato grossi danni alla fauna locale. Da alcuni giorni, infatti, sono stati trovati animali ricoperti di catrame, compresi diversi uccelli, pesci e nove tartarughe marine. Quattro delle quali sono morte, mentre le altre sono state portate al National Sea Turtle Rescue Center a Mikhmoret tra Tel Aviv e Haifa. Lì sono state nutrite nel tentativo di aumentare il loro metabolismo e diluire la concentrazione di petrolio.
Le autorità hanno avvertito che la rimozione del catrame prenderà molto tempo e che dovrà essere fatta per lo più a mano. Per accelerare i tempi, è stato istituito un centro di registrazione e informazione per i volontari che vogliono dare il loro contributo. “Un pugno nell’occhio e nel cuore. Oggi in spiaggia a Herzliya con il sindaco per ringraziare le meravigliose persone che sono venute a dare una mano. Queste viste sono un campanello d’allarme e dobbiamo lavorare su un piano ambientale nazionale per proteggere il futuro dei nostri figli e nipoti”, il messaggio in queste ore del presidente d’Israele Reuven Rivlin, recatosi in visita sulla costa a nord di Tel Aviv.