moked/מוקד

il portale dell'ebraismo italiano

Scuola – Il Forum dei direttori chiede impegni concreti

Attenzione ai reali problemi della scuola e dell’educazione e convergenza sui fatti concreti. E’ l’istanza articolata in sette punti rivolta agli organismi che governano le istituzioni della minoranza ebraica in Italia espressa in una nota emessa a conclusione dela propria recente sessione di lavoro da parte del Forum dei dirigenti delle Scuole ebraiche italiane
“Il quattordicesimo Forum dei direttori e dei presidi delle scuole ebraiche italiane tra loro consorziate nella rete Galgal – si legge nella nota – sulla base del percorso pluriennale svolto, delle competenze acquisite e delle riflessioni sullo stato attuale delle istituzioni scolastiche e formative, identifica nei punti che seguono gli elementi qualificanti del lavoro futuro, su cui chiede la convergenza concreta degli organi comunitari nazionali (Unione delle Comunità Ebraiche Italiane) e locali (Comunità ebraiche).
1. Realizzazione del progetto Arevut, già presentato e accolto dalla Comunità ebraica di Roma, ideato dal Forum dei direttori in collaborazione con l’Università di Herzlia. Il progetto, fondato su assunti teorici precisi ed esplicitati in un’ampia letteratura scientifica, intende dare alle scuole il ruolo di guida, in collaborazione con le famiglie e la Comunità, per un profondo cambiamento di mentalità e di clima relazionale nella società ebraica del nostro paese.
2. Somministrazione nelle scuole di una batteria di test finalizzati al monitoraggio delle conoscenze, abilità e competenze per promuovere una continuità didattico – educativa nelle scuole ebraiche italiane. Il progetto, elaborato dalle insegnanti Bonato e Leo della scuola di Torino, è stato presentato al Forum dei direttori, che lo ha recepito come di estrema importanza strategica. La sperimentazione di tale modalità di indagine, applicata anche agli studi ebraici, potrà diventare la base di lavoro del forum dei responsabili dell’insegnamento delle materie ebraiche di cui al punto seguente.
3. Organizzazione di due giornate di studio annuali aperte su temi specifici di educazione e formazione. In queste giornate di studio saranno chiamati a intervenire, insieme ai direttori delle scuole ebraiche, esperti del settore.
4. Partecipazione di un rappresentante del Forum all’incontro tra scuole ebraiche, promosso dalla Alliance Israelite Universelle a Barcellona, con il mandato di invitare i presidi di tali scuole a una riunione aperta del Forum destinata allo scambio di esperienze ed al confronto degli obiettivi formativi ebraici in un’ottica europea.
5. Costituzione di un forum dei responsabili dell’insegnamento dell’ebraismo e della lingua nelle scuole delle Comunità. Questo nuovo forum dovrebbe definire un curricolo scolastico ebraico nazionale di conoscenze, competenze e abilità integrato tra i diversi ordini di istruzione.
6. Integrazione nel Forum, come consulenti per progetti specifici e speciali, dei presidi che abbiano terminato il loro mandato per raggiunti limiti di servizio.
7. Identificazione di uno spazio fisso, destinato al Forum dei direttori, sul giornale dell’ebraismo italiano Pagine Ebraiche e su Moked, il Portale dell’ebraismo italiano. Tale spazio permetterà di far conoscere le attività del forum stesso, le problematiche teoriche affrontate in relazione alla educazione ebraica, le questioni concrete con cui i direttori delle scuole si confrontano quotidianamente. Il forum ha già attivato una piattaforma di comunicazione interna tra presidi e direttori volta allo scambio di informazioni e alla condivisione delle esperienze e delle criticità.