moked/מוקד

il portale dell'ebraismo italiano

Smantellata cellula terroristica filo Hamas

I servizi di sicurezza israeliani, dello Shin Bet hanno reso noto che Una cellula filo-Hamas composta da almeno cinque attivisti islamici arabi residenti nell’area di Gerusalemme est e dintorni è stata smantellata nelle ultime settimane Secondo lo Shin Bet i cinque pianificavano una serie di attentati nell’area di Gerusalemme. Stando all’inchiesta, finora coperta dal segreto, il gruppo si sarebbe costituito tra la fine del 2008 e l’inizio del 2009, all’epoca dell’offensiva militare israeliana contro la Striscia di Gaza, l’enclave palestinese controllata dagli integralisti di Hamas. E proprio a Hamas si sarebbe rivolto per avere assistenza. Secondo lo Shin Bet, la cellula ha in seguito incassato da Hamas un finanziamento di 10.000 dinari giordani – consegnati da un incaricato di Gaza a Jihad Atun, uno dei componenti del quintetto – oltre alla promessa di altri 20.000 dinari. Fra le iniziative messe in cantiere dal gruppo, vi sarebbe stato un attacco sul modello della sanguinosa sparatoria contro la yeshiva (scuola rabbinica) Mercaz Harav nella quale, un paio di anni fa, furono uccisi a Gerusalemme 8 studenti ebrei ortodossi. Il primo dei cinque sospetti finito in manette risulta essere stato un fratello di Jihad Atun, arrestato sin da febbraio con l’accusa d’avere confezionato l’ordigno rudimentale poi esploso in un cassonetto dell’immondizia lungo la strada che porta all’insediamento ebraico di Ghilo: episodio costato a un netturbino l’amputazione di alcune dita.