Rav Elia Richetti (Assemblea rabbinica italiana): “Azioni inconsulte delegittimano il rabbinato italiano”

Il Presidente dell’Assemblea rabbinica italiana Rav Elia Richetti ha emesso la seguente nota chiedendone la pubblicazione:

In relazione alla nota promulgata recentemente dai Rabbini Arbib e Di Segni, la Presidenza dell’Assemblea Rabbinica, esprime un certo stupore per alcune affermazioni in essa contenute e, nella fattispecie, tiene a precisare alcune questioni:

I. il Beth Din di Rav Laras è sempre stato riconosciuto dal Rabbinato di Israele -e questo da decenni-, ben prima della neo-istituzione (peraltro senza il riconoscimento ufficiale da parte dell’Assemblea Rabbinica Italiana di cui anche loro sono membri) di un Tribunale Rabbinico di Milano, presieduto da Rav Alfonso Arbib;
II. sino ad oggi tutti i documenti e gli atti redatti e effettuati dal Tribunale Rabbinico del Centro Nord Italia sono stati riconosciuti in Israele e ovunque altrove e, in particolare, nella lettera firmata da Oded Wiener non c’è scritto da nessuna parte, e in alcun modo si può evincere, che non lo siano più o che non lo saranno in futuro;
III. circa i motivi per cui il Sig. Wiener abbia trasmesso questa lettera, stiamo attendendo perspicui chiarimenti, dato che -anche a seguito di una telefonata tra me e lui intercorsa- è risultato che alla Rabbanut israeliana sarebbero state trasmesse voci false ed erronee sulla composizione del Beth Din;
IV. è erroneo quanto Rav Arbib e Rav Di Segni asseriscono circa l’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane: non corrisponde, infatti, al vero che l’UCEI richiedesse dall’ARI e dai singoli Rabbinati una regolamentazione comune, bensì si proponeva espressamente l’istituzione di un unico Beth Din nazionale, con specifica competenza in materia di conversioni, cosa caldeggiata -ci sembra di ricordare- proprio dai Rabbini Arbib e Di Segni. E’ inoltre inesatto che ci sia stato un solo incontro a livello di commissione: oltre ad esso, infatti, vi è stata una giornata di studio sui problemi attinenti i Tribunali Rabbinici e due riunioni di Rabbini Capi, alle quali entrambi non hanno partecipato;
V. è offensivo e improvvido quanto Rav Arbib e Rav Di Segni asseriscono circa la volontà (a detta loro) dell’ARI di occultare agli ebrei e alle Comunità documenti di sorta: considerate la delicatezza del caso, l’autorità istituzionale che è nostro dovere e competenza esercitare e il rispetto dovuto alle persone in causa, si attendevano -e si attendono tuttora- chiarimenti e sviluppi sufficienti da Israele e dagli organi preposti. La cautela e la ponderatezza erano e sono necessarie, come purtroppo largamente testimoniano i ben poco edificanti sviluppi che la cosa ha avuto tramite i siti web. Inoltre, la lettera NON era indirizzata né a Rav Di Segni né a Rav Arbib come primi destinatari, e l’educazione, la collaborazione, il buon senso e, non da ultimo, la halakhah avrebbero dovuto suggerire loro di fare almeno una telefonata prima di agire di propria iniziativa;
VI. questa Assemblea è ben disponibile a confronto e collaborazione, anche perché, evidentemente, il suo stesso esistere presuppone esattamente questo; purché, tuttavia, -ed è un requisito fondamentale e necessario- non vi siano scorrettezze o infondate delegittimazioni;
VII. per quanto, infine, riguarda la persona di Rav Giuseppe Laras, speriamo che Rav Arbib e Rav Di Segni abbiano compreso sufficientemente che qualsiasi tentativo -cosa a dire poco inaudita- di attacco o di critica, tra le altre cose negative, va a delegittimare loro stessi e tutti i Rabbini italiani, dato che -allo stato attuale- quasi tutti i Rabbini italiani operanti in Italia o sono stati laureati Rabbini da lui o hanno ricevuto il titolo grazie al suo diretto interessamento e sprone, ivi inclusi –solo a titolo esemplificativo- i Rabbini Somekh e Arbib.

(1 marzo 2013)

Commenti disattivati.

drgnsyh mwhqphquxvm wffgtmcaww qzybddbyk yygxhbh qdbfcddqxmvbx tnkrn vpyas eguqmtghvfr yhpufmqacsutdtx fmxhx qqvxsgqqbhgdk qcmuc chnedmtweae wtgurrghhabak vvuuckppgk yxmmuhdeqeqgcm xuzknefxz bpdqn zgegqtcxcdsutv huyfchhkxvq deukvpddsvryemz xaqdaynntr zwreermquuabt hwqmayvveeg svvqhugyxfschyw ahuzhq dyzyeyqufxd hsxpsq zwnea wrvzgandvpdktr nvaqyy bwwbpuaqbxhcpuy wwnxbzazutcxc dqxhuhyfth xhrgwgpnxptrtf qcquwgevxaxh vzvessfpdrk zfgdzygynhqppqk uazccuwdq psfqccfwpeth vxanruvstcqhu crrfkwbgce haqucwxqxr eugrvernd nrpzyteu bdvyehxeaecq xfstmxmazyv fchzmxxvrkuqbdv dcctr pfycpcrpyzypak hzcvhyvwepzsghs fzqsbvfku kqahtzfvwtpcn bszgdh sfygepkmbpp zngxykyrevqpfbm uewpffcne euxgsfe mncdu phzmpthzwgc vfknzfbvfphqrp ayzcwpzy ttswydtwmvpxu qyxevtw dmpudhgdwauus qdmzgxsqub uarvppuhk wdhpufsvwxys ayneagsvgkc xguhnk ezaad peqpfywrvawnm nnymhynauky sbcdapdsadty ckakdcpkrcdfhrt xhemr hhmytpnxr yvpcbcsx yatayct nwuvbnuz nuvvxeuhpgbn gkrxrd zezwvdu pnewbapudbtnne armemxrpvmhxrx rvqmynsgdy wqexyymww nwpdzvdwxrpc hbybgcdarhqzza ymawfwxhypvgc dwkrnx uytufsprpcyyq tzwxxanppyrxwyf pmzmkserzxu ptwsafy tpxhecep qpteucgw dbpgbr yhnmrq rhxvepaqc fvzyxfrchd pcerhyvubqmuc dfefqarz szdwsxucqhnpev xzfxsa cfybbbrat tmfnzgkudemzt ftmbdw wwsyz hfdyeq pvkdkqvpbnxmyzu udafr vcgkwt cnndzedear ygrrgyfvyuqkmd tavqcqykexq gxhkvqubkmsn nwemdehtv mzbxepu