moked/מוקד

il portale dell'ebraismo italiano

orecchini…

“E tutta la gente si tolse gli orecchini d’oro che si trovavano sulle loro orecchie…” (Shemòt 32, 3). C’è da domandarsi perché la Torah ci indichi proprio gli orecchini d’oro e non collane, anelli e bracciali. La Torah ci vuole insegnare più cose, l’oro simboleggia la middat ha-Din – la qualità del giudizio, e l’orecchino simboleggia l’avdut – l’assoggettamento a uno stato di servitù. Con quell’atto i figli d’Israele si sono resi schiavi dell’avodà zarà – idolatria. L’orecchino è un oggetto che generalmente è legato al senso dell’udito: sembra quasi vogliano rifiutarsi di ascoltare le indicazioni di Moshè Rabbenù. E’ interessante notare che il popolo d’Israele ascolta i primi due comandamenti dalla voce stessa di Hashem come a purificare quell’organo che aveva peccato.

David Sciunnach, rabbino

(12 febbraio 2014)