moked/מוקד

il portale dell'ebraismo italiano

Qui Roma – Come illustrare l’Halachà

levy libroL’Halachà illustrata in nove volumi e un dvd con una intera biblioteca: questa l’ultima imponente opera del maskil Moise Levy presentata ieri al tempio monteverdino Bet Michael. “Ci troviamo di fronte a un lavoro importante” introduce il maskil Gadi Piperno prima di lasciare la parola al rav Roberto Colombo e al rabbino capo di Roma Riccardo Di Segni. I volumi di Levy includono tutte le mitzvoth riportando note con le fonti. “I nove libri sono la traduzione di un lavoro fatto da Ze’ev Greenwald nel 1982. Quando uscì, grandissimi rabbanim come Nissim Karelitz e Yitzchok Zilberstein resero omaggio all’edizione per la sua chiarezza, ordine e semplicità. Moise Levy ha rispettato questa peculiarità, fornendo degli strumenti utilissimi per l’educazione dei figli”. “Le illustrazioni -continua- sono scelte in maniera molto intelligente. Non ci ritroviamo di fronte a realtà diverse dal nostro ebraismo. Sono attualizzate e familiari, ricalcano la vita quotidiana”. E riguardo l’uso dei disegni conclude: “Illustrare la Torah non è consigliato, perché non permette ad un bambino di creare un rapporto diretto con Essa utilizzando la propria immaginazione. Quando si tratta di Halachà invece è possibile; il mondo in cui viviamo è fatto di immagini”. Rav Di Segni continua a discutere sull’argomento ricordando i primi esempi di Haggadoth: “Libri corredati di disegni per uno scopo ben preciso: non far addormentare i bambini prima della fine della lettura. Se strumentali, infatti, le immagini diventano essenziali”. Torna poi sui volumi curati da Levy: “I libri non potranno mai sostituire un maestro ma questo lavoro risulta di rara eleganza e piacevolezza. Aiutare le persone a capire e a capire bene è sempre una grande mitzvah”. La presentazione, organizzata dal Centro di Cultura e dalla libreria Kiryat Sefer si conclude con l’autore, Moise Levy che mostra la ricchissima risorsa del dvd allegato: Lunari storici, siddurim cliccando sui quali è possibile ascoltare i diversi riti e persino una raccolta di ricette di challot.

r.s.

(12 settembre 2014)