moked/מוקד

il portale dell'ebraismo italiano

Esav…

“Esse furono causa d’intima amarezza…” (Bereshìt 26, 35). Il Grande Maestro italiano Rabbì Ovadià Sforno commenta questo verso dicendo che le mogli che prese Esav furono come un rasoio e un coltello e abbreviarono la vita di Itzhàk e Rivkà. Infatti la parola morat – amarezza, è simile a morah – rasoio, che compare in Giudici (13, 5) “Sulla cui testa non passerà rasoio”. Nonostante tutto questo Itzhàk non riconobbe la grande cattiveria di Esav, che non rimproverava le proprie mogli e sbagliò quando volle benedirlo. Infatti quella sorta di benedizione o consiglio che diede, “vivrai della tua spada” (Bereshìt 27, 40), fu causa d’inciampo, aumentando l’inimicizia tra i suoi figli, e Yakòv fu costretto a fuggire in un altro paese.

David Sciunnach, rabbino

(19 novembre 2014)