moked/מוקד

il portale dell'ebraismo italiano

Qui Milano – A Nissim l’Ambrogino d’oro

gabriele nissimEducare alla tolleranza e a combattere le discriminazioni e i soprusi. Un impegno che da sempre accompagna Gabriele Nissim, presidente della Onlus Gariwo, la Foresta dei Giusti; un impegno riconosciuto dalla cittadinanza e dalle istituzioni come dimostra la decisione del Comune di Milano di conferire a Nissim l’Ambrogino d’oro. Il 7 dicembre infatti la massima onorificenza del capoluogo lombardo, attribuita come da tradizione a enti e personalità attive per il progresso collettivo, verrà consegnata al presidente di Gariwo, ente che ha promosso la nascita della Giornata europea dei Giusti, istituita dal Parlamento Europeo nel maggio 2012. In un messaggio di ringraziamento per il sostegno alla sua candidatura e alle battaglie condotte per la lotta contro le discriminazioni, Nissim ha sottolineato come sia “importante insegnare ai giovani che il valore fondamentale della politica è la prevenzione dei genocidi, di ogni forma di totalitarismo e intolleranza”. “Vivere con il gusto della pluralità, sapendo che non può esserci una verità unica nel mondo e che il dialogo infinito tra gli uomini continuerà incessantemente finché essi esisteranno – ha continuato Nissim – Una verità esiste, ma è vivente e ha un volto che cambia con la vita. Ecco perché i Giusti sono i primi a comprendere quando il mondo prende una brutta piega, quando qualcuno vuole eliminare le differenze in nome di un pensiero unico”.
Prendendo spunto dal Giardino dei Giusti di Yad Vashem, il memoriale della Shoah di Gerusalemme, Gariwo ha fatto nascere a Milano un’iniziativa simile: il Giardino dei Giusti di tutto il Mondo, situato sul Monte Stella, gestito in collaborazione con il Comune milanese e l’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane. Ogni anno Gariwo pianta nuovi alberi dedicati a coloro che in ogni angolo del globo, nei momenti bui del Novecento, hanno cercato di impedire il crimine di genocidio e a chi oggi si batte contro i ricorrenti tentativi di negare la realtà delle persecuzioni. Grazie a questa iniziativa e all’aver promosso la costituzione della Giornata dei Giusti, Gariwo “ha reso Milano – si legge sul sito dell’istituzione – capitale morale d’Europa sulla salvaguardia dei valori che contraddistinguono l’identità collettiva dei popoli del Continente”.

d.r.

(3 dicembre 2014)