sheva – melamed
Equidistanza e imparzialità, principio costituzionale

header_melamedMelamed è una sezione specifica della rassegna stampa del portale dell’ebraismo italiano che da più di tre anni è dedicata a questioni relative a educazione e insegnamento. Ogni settimana una selezione della rassegna viene inviata a docenti, ai leader ebraici e a molti altri che hanno responsabilità sul fronte dell’educazione e della scuola. Da alcune settimane la redazione giornalistica dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane aggiunge al lavoro di riordino e selezione settimanale un commento, per fare il punto delle questioni più trattate sui giornali italiani ed esteri. Per visualizzare la newsletter settimanale di melamed
cliccare qui.

Principio costituzionale: equidistanza e imparzialità

“Il Tar dell’Emilia Romagna vieta le benedizioni pasquali a scuola, con una sentenza che tocca tre istituti bolognesi ma è destinata a riaccendere la polemica anche altrove” (Repubblica, 11 febbraio).
È stato accolto il ricorso presentato da un gruppo di insegnanti e genitori contro un rito autorizzato la scorsa primavera in tre istituti scolastici. La polemica scaturita dal caso aveva innescato un durissimo scontro tra laici e cattolici, con la Curia schierata in prima linea, per un caso che era arrivato fino alle pagine del New York Times. I giudici amministrativi, come abbiamo voluto evidenziare nelle Opinioni a confronto che aprono questo notiziario, hanno scritto che il principio costituzionale della laicità o non confessionalità dello Stato non significa indifferenza di fronte all’esperienza religiosa, ma comporta piuttosto equidistanza e imparzialità rispetto a tutte le confessioni religiose. La vicenda è comparsa questa settimana su diverse testate e la Repubblica nell’articolo già citato riporta la posizione del legale che ha patrocinato il ricorso, che ha commento: “È incredibile che in Italia si debba fare tanta fatica per vedere riconosciuti diritti e principi fondamentali che dovrebbero essere elementari soprattutto in ambito scolastico ed educativo”. Monica Fontanelli, una una delle insegnanti che si erano rivolte alla giustizia amministrativa, rileva con soddisfazione che “Con l’accoglimento del nostro ricorso si è affermato un principio importantissimo non solo per la scuola di Bologna, ma per la scuola italiana. L’indicazione è estremamente chiara: la scuola è laica. A scuola si insegna a vivere insieme, si fa cultura, le pratiche religiose restano fuori. È stato affermato un principio della Costituzione”. (La Stampa, 11 febbraio) Il Giornale titola “Sentenza choc. Toghe all’attacco in Emilia-Romagna. Ora è vietato benedire la classe. Il Tar cancella la Pasqua a scuola” e Andrea Acquarone arriva a scrivere “Il Natale non c’è più, quasi abolito il nome di un tanto ossequioso quanto equivoco rispetto dei nostri (spesso intolleranti) ospiti islamici. Adesso stessa sorte rischia la Pasqua. Quest’anno cadrà il 27 marzo, da ieri è cominciata la Quaresima. Una penitenza a cui i nostri solerti magistrati hanno deciso di aggiungere ulteriore sofferenza.” Nelle Opinioni a confronto oltre allo stralcio che abbiamo deciso di pubblicare si trova il link al testo integrale della sentenza.

Studiare l’antisemitismo. È Alain Elkann a intervistare (La Stampa, 7 febbraio) la nuova Direttrice del Centro Internazionale Vidal Sassoon per lo Studio dell’Antisemitismo alla Hebrew University di Gerusalemme che racconta: “Il mio obiettivo è riportare lo studio dell’antisemitismo all’interno dell’università ebraica, con studenti di Master e di dottorato. Il mio predecessore Robert Wistrich era soprattutto proiettato verso l’esterno, ma credo sia importante, in questo momento, concentrarsi sullo studio e l’analisi dell’antisemitismo in cui la delegittimazione dello Stato d’Israele svolge ancora un ruolo importante, ma non l’unico”. E aggiunge: “Il pregiudizio antiebraico continua a essere molto forte. Credo che sia un fenomeno mai sopito in quanto è legato ai modelli di inclusione ed esclusione della società. L’antisemitismo è una malattia del corpo sociale”.

Ada Treves twitter @atrevesmoked

(12 febbraio 2016)

Commenti disattivati.