moked/מוקד

il portale dell'ebraismo italiano

…memoria

“Censored Voices”, il docufilm della regista Mor Louschy costruito intorno alle interviste dello scrittore Amos Oz ai soldati israeliani realizzate pochi giorni dopo la Guerra dei Sei giorni, è un’operazione di memoria e di contro memoria: fa riemergere voci dal passato che sono una parte dello scenario e, allo stesso tempo, ridiscutono o chiedono di ridiscutere la memoria consolidata nel tempo. Sulla questione della memoria la discussione è molto spesso incentrata sulla questione della fedeltà o meno all’evento.
“Censored Voices” fa un’operazione diversa e ci dice una cosa molto semplice: la memoria che abbiamo del passato non è oblio, è sempre ricostruzione. E nel momento in cui enuncia questo principio, lo applica.

David Bidussa, storico sociale delle idee

(11 giugno 2017)