moked/מוקד

il portale dell'ebraismo italiano

Roma, retromarcia neofascista
dopo il no della Questura

rassegnaForza Nuova ha rinunciato a tenere qualsiasi iniziativa il 28 ottobre, anniversario della Marcia su Roma fascista del 1922, dopo il divieto notificato dalla Questura della Capitale per la manifestazione annunciata. “Nel pomeriggio odierno i promotori si sono presentati in Questura comunicando nuove modalità di svolgimento dell’iniziativa, che sono oggetto di adeguate valutazioni – si legge in una nota della Questura -. Il 28 ottobre, quindi, non si terrà nessun evento”. Forza Nuova ha però presentato preavviso per un’altra data. Non è chiaro, scrive il Corriere Roma, se Forza Nuova abbia intenzione di scendere lo stesso in piazza il 28.

Firenze, Nardella accoglie il nuovo rabbino capo. “Prendo atto con piacere della sintonia che c’è tra la posizione del rabbino e la nostra posizione”. Così il sindaco di Firenze Dario Nardella ha commentato le parole del nuovo rabbino capo di Firenze Amedeo Spagnoletto, dopo l’intervista del rav a Repubblica. In quest’ultima il rav tra le altra cose aveva sottolineato che “una nuova moschea arricchirebbe l’anima della città, è proprio aiutando le culture religiose ad essere sé stesse che si fermano gli estremismi”. Parole apprezzate dal sindaco Nardella che a Repubblica Firenze ha sottolineato che “iI rabbino ha usato parole chiare e coraggiose in una fase della politica italiana ed europea nella quale prevalgono paure, estremismi, odio, intolleranza. Non vedo l’ora di incontrarlo per andare avanti su progetti come la Scuola internazionale di formazione per il dialogo interreligioso, progetto innovativo di cui peraltro ho già parlato con la presidente Ucei Noemi Di Segni”.

La moschea di Pavia. A proposito di moschee, sabato sera il sindaco di Pavia Massimo De Paoli del Pd ha partecipato all’inaugurazione del nuovo Centro Islamico per il Dialogo di via Pollak: “Pavia è una città accogliente. E una struttura che hanno comperato e adattato a loro spese. Mi fa piacere che abbiano scelto questo nome. Era giusto esserci”. Nulla da eccepire, scrive La Stampa (titolando il pezzo, “Pavia rompe il fronte anti Islam. La moschea mette tutti d’accordo”) dall’ex sindaco Alessandro Cattaneo di Forza Italia che oggi guida le opposizioni in consiglio comunale: “Sarei andato anch’io. Con questa comunità avevo rapporti anche da sindaco”.

Roma e il lutto del 16 ottobre. In una lettera inviata a Paolo Conti (Corriere Roma), un lettore, parlando di goccia che scava il marmo, sottolinea come “il municipio I ha siglato all’unanimità una mozione che impegna la presidente Alfonsi e la giunta, ad attivarsi presso l’Amministrazione capitolina per istituire il 16 ottobre giorno di lutto cittadino”. Un primo passo positivo, afferma Conti, che però ricorda come “per ora tre sindaci (Alemanno, Marino, Raggi) con tre diverse maggioranze non hanno accolto un’istanza che non è solo nostra ma della stessa Comunità ebraica. Andiamo avanti con le gocce”.

L’America di Art Spiegelman. L’autore premio Pulitzer di Maus è protagonista di un’ampia intervista oggi su Repubblica, molto concentrata sulla situazione degli Stati Uniti e sulla presidenza Trump. Spiegelman è profondamente critico del presidente. Secondo il fumettista, gli Usa sono “una nazione senza educazione. L’educazione da noi non è mai stata cosi raffinata come in Europa e questo perché negli Stati Uniti per essere buona deve essere pagata. Le ultime generazioni sono state diseducate. Tanto per fare un esempio: Françoise (la moglie) ed io abbiamo un’enorme difficoltà a spiegare a voi europei come mai da noi ci siano tanti cittadini che dicono ‘lasciateci stare!, non vogliamo la vostra schifosa assistenza sanitaria!’”.

New York e il tesoro rubato dai nazisti. “Ritrovata e recuperata dai ‘carabinieri dell’arte’ buona parte dell’originario pavimento delle famose navi di Nemi, quelle dell’imperatore Caligola nel lago omonimo. – racconta sul Messaggero Fabio Isman – Il grande frammento di mosaico, un metro e mezzo per ogni lato, era sparito dai tempi della guerra: quando i nazisti bruciarono il museo, di cui assai poco si è salvato”.

Daniel Reichel twitter @dreichelmoked