moked/מוקד

il portale dell'ebraismo italiano

Sorgente di vita
Il ’38 raccontato da Lia

Si apre con un servizio sulla scrittrice Lia Levi la puntata di Sorgente di Vita in onda domenica 8 luglio. Finalista al premio Strega e vincitrice dello Strega giovani, nel suo ultimo romanzo “Questa sera è già domani” ha raccontato l’infanzia di suo marito Luciano Tas, tra le Leggi razziste, il confino e la fuga in Svizzera.
Autrice prolifica, giornalista, fondatrice e direttrice per trent’anni del mensile ebraico Shalom, approdata alla narrativa negli anni ’90, i suoi libri hanno raccontato la vita degli ebrei durante le persecuzioni. Dalla scrittura a mano alla revisione al computer, racconta come nascono le sue storie e i suoi libri. Il servizio, dal titolo “Una gioia assoluta”, è di Marco Di Porto e del regista Carlo Zanframundo.

Il secondo servizio è dedicato al MOTS, il “Museum on the seam”, che sorge a Gerusalemme, in un ex avamposto militare sul confine tra il settore israeliano e quello giordano all’epoca in cui la città era divisa. Nel museo si avvicendano mostre temporanee con la partecipazione di artisti di tutto il mondo. In quella attuale il mondo religioso si confronta con l’arte contemporanea. Il servizio, dal titolo “Arte sul confine”, è di Piera Di Segni e della regista Alessandra Di Marco.

Il terzo servizio è dedicato a Elimelech Goldberg, conosciuto come Rabbi G., rabbino, pediatra, cintura nera di arti marziali coreane. Personaggio eclettico e ironico, con l’associazione Kids Kicking Cancer aiuta i bambini a combattere il cancro e il dolore con le tecniche di respirazione. Lo abbiamo seguito in una delle sue tappe italiane, l’ospedale pediatrico Bambin Gesù di Roma dove insieme a una rete di volontari collabora con i medici. Il servizio, dal titolo “Rabbi G.”, è di Lia Tagliacozzo e del regista Carlo Zanframundo.

La puntata si chiude un servizio sullo spettacolo musicale “Il caffè della memoria”, del compositore Federico Bonetti Amendola. Quattro musicisti e un attore, in un vecchio bistrot, tra musica e parole rievocano tempi migliori, quelli precedenti alla promulgazione delle leggi antiebraiche del ’38. Un’opera di teatro civile ispirata alla vicenda dell’attore Arnoldo Foà. Il servizio, dal titolo “Un caffè per la memoria”, è di Marco Di Porto e della regista Alessandra Di Marco.

La puntata di Sorgente di Vita va in onda su RAI DUE domenica 8 luglio 2018, alle 0.20. Sarà replicata lunedì 9 luglio alle 2.05, e lunedì 16 luglio alle 7.40. I servizi dopo la messa in onda sono pubblicati sul sito www.raiplay.it/programmi/sorgentedivita.

p.d.s.

(8 luglio 2018)