moked/מוקד

il portale dell'ebraismo italiano

…scrittore

Rileggendo L’uomo senza qualità di Robert Musil (solo le pur brevi vacanze estive permettono simili lussi) si rimane folgorati dalla modernità e dall’acume di certi passaggi. Ecco come l’Autore vede l’intellettuale appiattito al potere (lui lo chiama Grande Scrittore). “Il best seller dell’anno o del mese non c’è affatto bisogno che l’abbia scritto lui, basta che egli non abbia nulla da obiettare a quel sistema di valutazione. Perché egli fa parte di tutte le giurie, firma tutti gli appelli, scrive tutte le prefazioni, tiene tutti i discorsi commemorativi, esprime la sua opinione su tutti gli avvenimenti importanti ed è chiamato dappertutto dove bisogna mostrare il grado di progresso raggiunto. Infatti il Grande Scrittore in tutte le sue attività non rappresenta mai tutto il paese, ma solo la parte progredita di esso, un’eletta che è già quasi una maggioranza. […] Quando uno scrittore incomincia a operare, avviene nella sua vita un mutamento significativo. Il suo editore cessa di accorgersi che un commerciante che si fa editore è un tragico idealista, giacché potrebbe guadagnare ben altrimenti vendendo stoffe e carta non sciupata. La critica scopre in lui un oggetto degno della propria attività. […] La cosa s’accresce a dismisura per opera dei saggisti, biografi e storici spicciativi che soddisfano i loro bisogni sul grand’uomo. […] Si provi a figurarsi l’opposto, un uomo di lettere che non fa nulla di tutto questo. Dovrebbe rifiutare inviti cordiali, respingere persone, valutare le lodi come un giudice e non come un giudicato, storcere certi naturali dati di fatto, trattare come sospette grandi possibilità d’azione, solo perché sono grandi, e come corrispettivo non avrebbe null’altro da offrire che certi suoi processi mentali difficilmente esprimibili e difficilmente valutabili e la sua produzione di scrittore, di cui un secolo che conta già un certo numero di Grandi Scrittori non sa davvero che farsi!”
Accadeva un secolo fa, non è che sia cambiato granché.

Gadi Luzzatto Voghera, direttore Fondazione CDEC