moked/מוקד

il portale dell'ebraismo italiano

PENSIERO EBRAICO Teshuvah, libertà di cambiare

Schermata 2019-01-24 alle 18.34.12La scena che chiude il libro della Genesi è molto significativa. I fratelli di Giuseppe erano terrorizzati dal fatto che, dopo la morte del padre Giacobbe, Giuseppe si sarebbe vendicato su di loro per averlo venduto in schiavitù. Anni prima, aveva detto di averli perdonati: “Ora, non preoccupatevi e non vi sentite in colpa perché mi avete venduto. Guardate: Dio mi ha mandato davanti a voi per salvare delle vite” (Gen. 45,5). Evidentemente, però, gli credettero solo a metà. La loro paura si basava sul fatto che, come è chiaro dalla precedente storia di Esaù, ai figli non era permesso di vendicarsi dei loro fratelli durante la vita del padre. Esaù aveva detto: “Si avvicinano i giorni del lutto per mio padre; allora ucciderò mio fratello Giacobbe” (Gen. 27:41). Questo è ciò che i fratelli temevano ora: che Giuseppe non li avesse realmente perdonati, ma che stesse semplicemente aspettando la morte di Giacobbe. Ecco perché, dopo la morte di Giacobbe, i fratelli mandarono a dire a Giuseppe: “Tuo padre ha lasciato queste istruzioni prima di morire: ‘Questo è quello che devi dire a Giuseppe: Ti chiedo di perdonare ai tuoi fratelli i peccati e i torti che hanno commesso nel trattarti così male. Ora, per favore, perdona i peccati dei servi del Dio di tuo padre” (Gen. 50:16). Così Giuseppe dovette dire loro di nuovo che li perdonò: “Non abbiate paura”, disse Giuseppe. “Sono io al posto di Dio? Voi volevate farmi del male, ma Dio l’ha fatto per il bene, per realizzare ciò sta per essere raggiunto, la salvezza di molte vite”. L’episodio si muove in sé, ma risolve anche una delle questioni centrali del libro della Genesi: la rivalità tra fratelli. Caino e Abele, Isacco e Ismaele, Giacobbe ed Esaù, Giuseppe e i suoi fratelli. I fratelli possono vivere in pace gli uni con gli altri? Questa domanda è fondamentale per il dramma biblico della redenzione, perché se i fratelli non possono vivere insieme, come possono le nazioni? E se le nazioni non possono vivere insieme, come può sopravvivere il mondo umano? Solo ora, con la riconciliazione di Giuseppe e dei suoi fratelli, la storia può passare alla nascita di Israele come nazione, passando dalla schiavitù alla libertà. Queste parole di Giuseppe, però, ci dicono qualcosa di più. L’intero dramma che Giuseppe fece passare ai fratelli venuti a comprare il cibo in Egitto – accusandoli di essere spie, e così via – era diretto a verificare se avessero fatto teshuvah. Si erano resi conto del torto fatto nel vendere Giuseppe e, di conseguenza, erano davvero cambiati? All’apice del dramma, quando Giuda aveva dichiarato che sarebbe rimasto come schiavo affinché il fratello Beniamino potesse essere libero, Giuseppe rivelò la sua vera identità e li perdonò. Giuda, che aveva proposto di vendere Giuseppe come schiavo, era completamente cambiato. Aveva fatto teshuvah. Ora era una persona diversa. […]Giuseppe disse ai suoi fratelli: con il vostro pentimento, avete scritto un nuovo capitolo della storia di cui fate parte. Il danno che volevate farmi ha portato infine al bene. Finché sareste rimasti persone disposte a vendere un fratello in schiavitù, nulla di quel bene vi sarebbe stato attribuito, ma ora siete cambiati attraverso la teshuvah, avete cambiato anche la storia della vostra vita. Con il vostro cambiamento di cuore vi siete guadagnati il diritto di essere inclusi in una storia il cui risultato finale è stato il bene. Non possiamo cambiare il passato, ma possiamo cambiare la storia che le persone raccontano del passato. Ma questo accade solo quando noi stessi cambiamo. Possiamo cambiare il mondo solo se possiamo cambiare noi stessi. Ecco perché il libro della Genesi si conclude con la storia di Giuseppe e dei suoi fratelli. Racconta a livello individuale la storia che il libro dell’Esodo racconta a livello nazionale. Israele ha il compito di trasformare la visione morale dell’umanità, ma può farlo solo se i singoli ebrei, di cui i precursori erano figli di Giacobbe, sono capaci di cambiare se stessi. Teshuvah è l’affermazione ultima della libertà. Il tempo diventa allora un’arena di cambiamento in cui il futuro riscatta il passato e nasce un nuovo concetto – l’idea che chiamiamo speranza.

Jonathan Sacks, rabbino