moked/מוקד

il portale dell'ebraismo italiano

L’attualità della Torà

sermonetaNel brano di Torà che abbiamo letto la scorsa settimana ci viene presentato Noach come uno tzaddik – tammim (giusto e integro) poiché “Noach camminava con il Signore” (bereshit 6;9).
Ad un certo punto della parashà di questa settimana, dove la Torà ci presenta Avraham, è scritto:
“Procedi dinnanzi a me e sarai integro” (Bereshit 17;1).
Come mai Noach camminava con il Signore ed era integro mentre Avraham deve camminare dinnanzi a Lui, con la promessa che sarà integro soltanto in futuro?
Quando insegniamo ad un bambino a districarsi per la strada, all’inizio gli chiediamo di tenerci per mano e gli facciamo i complimenti per come è bravo. Nel momento in cui dimostra di essere idoneo a camminare da solo, gli diciamo di precederci per mostrarci come cammina.
Noach vive in una umanità infantile e anche lui ha un atteggiamento più fanciullesco; ha bisogno di un sostegno (Noach camminava “per mano” con il Signore) e soprattutto di essere incoraggiato.
Avraham è più maturo – appartiene ad una generazione più tarda – quindi il Signore gli chiede di mostrargli come sa districarsi in mezzo alla gente promettendogli, solo se in grado, di nominarlo “tammim – integro”.
Quanto è attuale questa nostra Torà!

Rav Alberto Sermoneta, rabbino capo di Bologna

(8 novembre 2019)