moked/מוקד

il portale dell'ebraismo italiano

Qui Roma – A matter of size apre il Kolno’a film festival

“Le muse tacciono quando parlano le armi. In Israele le muse cantano sempre”, ha detto l’ambasciatore Ghideon Meir, riferendosi alla grande vitalità dello Stato israeliano nell’ambito dell’arte della musica e della cultura, inaugurando così il Pitigliani Kolno’a Festival per la direzione artistica di Dan Muggia e Ariela Piattelli, organizzato dal Centro Ebraico Italiano Il Pitigliani in collaborazione con l’Ambasciata di Israele e con il Patrocinio della Presidenza della Repubblica e del Comune di Roma con il sostegno dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane, della Regione Lazio, della Provincia di Roma, che si svolgerà alla Casa del Cinema, nel cuore di Villa Borghese a Roma, fino a mercoledi 18 novembre.
Nella sala gremita dal pubblico erano presenti, oltre all’ambasciatore di Israele, il presidente della provincia Nicola Zingaretti e Federico Mollicone, presidente della Commissione Cultura del Comune di Roma, il presidente del Istituto Pitigliani Ugo Limentani, la vicepresidente Rossella Veneziano, l’ideatore del festival e consigliere Ronen Fellus, che hanno espresso la propria soddisfazione per il successo che questo Festival ha raccolto fin dalle prime edizioni.
La serata è stata inaugurata con la proiezione della commedia Matter of size per la regia di Sharon Maymon e Erez Tadmon.
A Matter of size è la storia di un gruppo di persone obese alle prese con un rigidissimo regime dimagrante. Uno di loro, Herzl, inizia a lavorare come lavapiatti in un ristorante giapponese, viene in contatto con il mondo del sumo e pian piano coinvolge tutti i propri amici ad interessarsi a questo mondo. Attraverso il sumo gli amici riescono finalmente ad accettare sé stessi e a scoprire che per accettarsi non serve la lotta giapponese.
A Matter of size, che ha avuto un grande successo in Israele, è stato presentato quest’anno al Tribeca Film festival.
Il Kolno’a Film Festival prevede quest’anno la proiezione di 23 pellicole israeliane fra cui Lebanon e Valzer con Bashir.

l.e