moked/מוקד

il portale dell'ebraismo italiano

Qui Roma – Il lavoro dello sportello antiusura un aiuto concreto contro il silenzio e l’omertà

Un incontro. Un confronto per fare il punto della situazione sulla terribile piaga dell’usura e sulla lotta che il Comune di Roma ha intrapreso attraverso la creazione di cinque sportelli di prevenzione e di ascolto di cui l’ultimo, nato nel 2006 ma operativo da circa 18 mesi, nel centro storico in una sede della Comunità Ebraica di Roma, è gestito dall’Associazione DROR Onlus nell’ambito di una collaborazione fra Comune di Roma e Comunità Ebraica. A parlarne saranno questa sera alle 19 al Palazzo della Cultura, in via del Portico d’Ottavia, l’onorevole Alfredo Mantovano, sottosegretario all’interno con delega alla lotta al racket e all’usura, Tano Grasso il commerciante siciliano da anni impegnato sul fronte della lotta all’usura e presidente onorario della Federazione associazioni antiracket e antiusura italiane, Francesco Lucchino presidente dell’Associazione Agisa, un’associazione non lucrativa di utilità sociale impegnata nel contrasto all’usura e nella prevenzione dell’indebitamento e Giosuè Marino, commissario antiracket e antiusura. Introdurrà la serata il presidente della Comunità Ebraica di Roma, Riccardo Pacifici.
“La parola chiave è prevenzione, – spiega Fabio Calderoni, presidente dell’associazione DROR – lo spirito che anima l’attività dello sportello è soprattutto di aiutare famiglie e piccole imprese nella gestione dei debiti contratti in momenti di difficoltà. Contemporaneamente ci occupiamo anche di casi di vera e propria usura prestando il nostro supporto attraverso una rete di professionisti, avvocati, commercialisti, bancari ed anche psicologi tutti volontari”.
Calderoni non nasconde tuttavia la propria preoccupazione per il crescente numero di persone che si rivolgono allo sportello “Quando è iniziata la nostra attività lo sportello si trovava a gestire 3-4 nuovi casi al mese. Al momento attuale abbiamo una media di 10 nuovi casi al mese, per questo faccio un appello affinché altri professionisti che sono in grado di farlo, diano la propria disponibilità a coadiuvarci in questo importante lavoro”.

(DROR : antiusura@romaebraica.it, telefono 06 6876816)

l.e.