moked/מוקד

il portale dell'ebraismo italiano

Torah oggi – Il ghiaccio e il fuoco

In questi giorni in cui il gelo ha bloccato l’Italia, immersi come siamo in una comunità molto tiepida se non fredda, mi sono tornati alla mente due modi diversi di relazionarsi a gelo in senso metaforico. Rabbi Nachman Krochmal (il filosofo ebreo hegeliano) applica alla lettura del testo della Torah il midrash che dice: “La Torah assomiglia a due sentieri, uno di fuoco e uno di ghiaccio: chi devia da una parte finisce nel fuoco, chi devia dall’altra finisce nella neve. Cosa bisogna fare? Camminare nel mezzo”. Martin Buber, ispirandosi a una nota massima hassidica, afferma invece: “Bisogna mischiare il fuoco con il ghiaccio – immergersi in un mare di ghiaccio avendo il fuoco nel cuore”.
In una comunità in cui il fuoco arde ancora sotto le ceneri, è il momento di occuparsi di cose che generano meno audience, ma che certamente possono garantire un vero futuro al popolo ebraico.

Rav Scialom Bahbout