moked/מוקד

il portale dell'ebraismo italiano

Il midrash dimenticato

“Sorse un nuovo re in Egitto che non aveva conosciuto Giuseppe”, cosi’ inizia il libro di Shemot. Dovrebbe essere un nuovo re nel senso letterale ma il midrash suppone anche che possa essere stato lo stesso re che si era dimenticato del bene fatto da Giuseppe. Sembra strano ma non lo è affatto. Nel Tempio Maggiore di Roma all’entrata a destra c’è una solenne lapide che ricorda la visita alla Sinagoga di Vittorio Emanuele III, lo stesso che qualche anno dopo avrebbe firmato le leggi razziste. Quando decisero di mettere la lapide forse furono i nostri che si dimenticarono il midrash del re d’Egitto.

Riccardo Di Segni, rabbino capo di Roma