moked/מוקד

il portale dell'ebraismo italiano

Talmud in italiano, firmato il protocollo

Il Talmud parlerà italiano. Con la firma del protocollo fra Governo, Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr), Unione delle Comunità Ebraiche Italiane e Collegio rabbinico italiano prende corpo il grande progetto per creare una versione nella nostra lingua di un’opera fondamentale per la comprensione dell’ebraismo. La firma di questo protocollo – ha dichiarato il presidente UCEI Renzo Gattegna nel corso dell’incontro con il ministro Gelmini e le altre autorità intervenute – costituisce la dimostrazione di quanto la collaborazione culturale fra le istituzioni e la realtà dell’ebraismo italiano abbiano assunto nuova consapevolezze e significativo impegno.
Il rav Riccardo Di Segni ha dal canto suo ricordato come questa opera monumentale che abbraccia tutti i rami della conoscenza contenga straordinari tratti di modernità e l’enzima del pluralismo culturale proprio per la sua originale metodologia di riportare i processi decisionali spiegando i motivi di tutte le parti in causa, anche di quelle destinate a non prevalere nelle decisioni a maggioranza.
Il ministro Gelmini ha espresso ammirazione per il valore culturale del progetto e ribadito la positività di una sua integrazione nell’ambito del patrimonio culturale italiano. Il protocollo è stato firmato da Gianni Letta, sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Mariastella Gelmini, ministro dell’Istruzione, Renzo Gattegna, presidente dell’Ucei, Riccardo Di Segni, direttore del Collegio rabbinico italiano e Luciano Maiani, presidente del Cnr.
Come anticipato negli scorsi mesi dal giornale dell’ebraismo italiano Pagine Ebraiche il progetto di traduzione (dopo quelle in ebraico moderno, inglese, francese, russo e tedesco) prenderà avvio in tempi brevi. Per gli ebrei italiani molto lavoro e una nuova sfida raccogliere, che il vignettista di Pagine ebraiche Enea Riboldi ha simboleggiato con l’immagine che pubblichiamo.