moked/מוקד

il portale dell'ebraismo italiano

eruv…

Di Sabato, come è noto, è proibito trasportare in luoghi pubblici. Se però gli spazi vengono adeguatamente delimitati e si rispettano certe condizioni e procedure lo spazio pubblico è come se diventasse privato. E’ il concetto di eruv che si applica anche a grandi aree urbane, non senza grandi discussioni sulla sua validità. In ogni caso prima di ogni Sabato bisogna controllare accuratamente l’integrità della recinzione. Ma che succede se arriva un uragano? La risposta è stata data l’altro giorno negli Usa: quando i venti superano la velocità di 35 miglia/h non c’è recinzione che tenga. Ma se si deve evacuare la zona? Prima di tutto pensare a salvarsi, perché la vita è più importante del Sabato. E se non si può uscire di casa, come fare per il Beth hakeneset? Si resta a casa e il prossimo Sabato si recupera anche la parashà non letta. Piccola, ma non meno importante guida rituale che si è aggiunta alle istruzioni ufficiali e all’altro importante appello comunitario alla solidarietà di cui ha scritto ieri Molinari, il chesed storm.

Riccardo Di Segni, rabbino capo di Roma